StartUP Tunisia: ul progetto di cooperazione che crea un ponte tra le Marche e la Tunisia

Start Up Tunisia è un progetto di cooperazione allo sviluppo, finanziato dall’AICS, che prevede la creazione di posti di lavoro per giovani e donne nei governatorati del Nord della Tunisia attraverso l’avvio di start-up supportate dal sistema pubblico-privato del Comune di Fano.

Il progetto crea un ponte tra le Marche e la Tunisia promuovendo la costruzione di un partenariato territoriale tra il territorio marchigiano e la Regione Kroumerie-Mogods, nel  Nord-Ovest della Tunisia. Lo sviluppo economico locale, in particolare di piccole e medie imprese operanti nel settore dell’agricoltura biologica sta al centro del patto territoriale che andrà a consolidarsi e rafforzarsi da qui al 2020 tra le due aree interessate. Il Comune di Fano con le sue eccellenze in tema di biologico rappresentate dal Consorzio Bio Marche, con l’Università degli studi di Urbino, con Legautonomie e con l’esperienza di CEFA onlus in tema di cooperazione lavoreranno insieme agli altri partner tunisini, rappresentati dall’ente di sviluppo agro silvo pastorale del nord-ovest, dall’ Istituto di ricerca e insegnamento superiore silvo-pastorale di Tabarka, dal Commissariato Regionale dello Sviluppo Agricolo, dalle delegazioni di Tabarka, Ain Draham, Fernana, per promuovere uno sviluppo economico locale attento ai bisogni delle comunità, ai diritti, alla sostenibilità ambientale e sociale.

I Comuni oggi sono chiamati in prima linea a guidare le iniziative di co-sviluppo nei Paesi Terzi, perché capaci di svolgere un ruolo importante di collegamento tra i diversi attori territoriali, pubblici e privati,  e con le amministrazioni dei Paesi partner. La regione di Kroumerie-Mogods in cui si svolgeranno gli interventi di sviluppo  registra un alto tasso di esclusione sociale e povertà, soprattutto tra i giovani e le donne ma, allo stesso tempo, è ricca di risorse naturali e ha un enorme potenziale di crescita economica e sociale.  La prevalente economia agro-pastorale, è soffocata dall’uso di tecniche di produzioni tradizionali, dall’esclusione dal mercato, da difficoltà di trasporto e distribuzione, dalla mancanza di integrazione tra i vari attori della filiera. Le donne, inoltre, impegnate in via principale nelle attività agricole e non agricole, faticano a conciliare il lavoro con  i compiti domestici e rappresentano, insieme ai giovani, l’anello debole della società.

Il progetto interviene in questo contesto e ha l’obiettivo di mettere a sistema il contributo di tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti per una cooperazione che spinge al cammino comune, al reciproco interesse verso lo sviluppo economico locale,verso lo sviluppo delle piccole e medie imprese, la creazione di lavoro. Il Comune di Fano insieme agli attori territoriali metteranno a disposizione l’expertise di un partenariato vario ai fini di rafforzare le Pmi tunisine già esistenti e di supportare la creazione di altre 15 Pmi nell’ambito dell’agricoltura, dell’allevamento e della trasformazione di prodotti. Formazione specifica  per il consolidamento e la creazione di nuove start up, piani di commercializzazione e valorizzazione delle produzioni locali per le  giovani imprese, campagne di informazione sulle possibilità di creare Pmi per giovani e donne, promozione della cooperazione tra imprese marchigiane e tunisine, sono le principali attività di cui andranno a beneficiare un totale di 5000 giovani e 2000 donne.

Il progetto in sintesi

Precedente

Fibra ottica: Italia Paese con più alto tasso di crescita in Europa per unità immobiliari cablate

Successivo

100 piazze per l’Europa: grande mobilitazione dei sindaci