Oggi i Sindaci hanno detto…

AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: Roma, con bus privati 600 corse in piu’ al giorno =  AGI0137 3 CRO 0 R01 /  Covid: Roma, con bus privati 600 corse in piu’ al giorno =  (AGI) – Roma, 11 nov. – Gia’ da due giorni, per garantire una  maggiore distanziamento e una capienza massima del 50% sui bus  Atac alcuni bus turistici privati sono in servizio sulle linee  di periferia. Garantiscono 600 corse aggiuntive al giorno,  consentendo di dirottare vetture Atac sulle linee maggiormente  frequentate.  In un post su Facebook il sindaco Virginia Raggi scrive “Se  siete a una fermata bus e vedete un pullman privato come quello  mostrato nel video (sono infatti postate anche le immagini, ndr)  prendetelo. Fara’ le stesse fermate e lo stesso percorso che  avrebbe fatto un bus Atac e non ci sono costi aggiuntivi. Potete  utilizzare il classico biglietto o l’abbonamento che gia’  avete”. (AGI)Rmy/Vic  110954 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA NAPOLI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Giugliano (Na), situazione seria, servono risorse nazionali per sanita’ ed economia  NOVA0003 3 POL 1 NOV MED REG  Covid: sindaco Giugliano (Na), situazione seria, servono risorse nazionali per sanita’ ed economia  Napoli, 11 nov – (Nova) – “La liberta’ e’ alla base della  democrazia ma in un momento cosi’ difficile ho dovuto  prendere queste decisioni drastiche”. Lo ha dichiarato il  sindaco di Giugliano Nicola Pirozzi intervenendo nella  trasmissione “Barba e capelli” condotta da Corrado Gabriele  su Radio Crc Targato Italia. Pirozzi illustra la situazione  nel territorio e i punti della sua ordinanza: “a Giugliano  e’ una situazione abbastanza seria con 1900 contagiati. La  citta’ e’ grande con 125mila abitanti e lunedi’ sono stato  costretto a un’ordinanza restrittiva. Ho fatto divieto per i  minori dalle 18 alle 22 se non accompagnati, ho interdetto  alcune piazze sempre dalle 18 alle 22 e nei weekend tutta la  giornata, e’ stato sospeso il mercato settimanale. Poi c’e’  il divieto di fumo in strada e in due zone precise della  citta’ ho vietato lo stazionamento di 2 o piu’ persone  mentre in tutto il comune non piu’ di 4. Poi ho interdetto  l’accesso a tutte le spiagge del territorio”. Per il sindaco  “sono misure che vanno nell’ottica della tutela della salute  pubblica per trasmettere ai miei concittadini il rispetto  delle regole. Ho fatto questa ordinanza a malincuore perche’  non e’ bello limitare le persone. Sono misure straordinarie  fino al 30 novembre”. (segue) (Ren)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA NAPOLI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Giugliano (Na), situazione seria, servono risorse nazionali per sanita’ ed economia (2)  NOVA0004 3 POL 1 NOV MED REG  Covid: sindaco Giugliano (Na), situazione seria, servono risorse nazionali per sanita’ ed economia (2)  Napoli, 11 nov – (Nova) – Per Pirozzi serve un lockdown,  risorse per l’economia e per la sanita’: “un’infermiera mi  ha commosso per l’appello che mi fece quando sono entrato in  ospedale al Dan Giuliano. C’e’ carenza di personale e  bisogna dare risposte. Ho sentito un grido di dolore e la  politica deve farlo suo. Siamo sotto pressione, non metto in  dubbio le scelte del Governo, pero’ dall’interno vedo  sofferenza delle strutture sanitarie ed e’ difficile  amministrare in questa condizione con personale carente. Un  mese fa sono stato proclamato sindaco e in questi momenti  difficili bisogna dimostrare di saper andare avanti. Servono  risorse nazionali per la sanita’ e l’economia campana  altrimenti non ne usciamo: non si muore di Covid ma si muore  di fame come dice qualcuno”. “Sara’ un Natale difficile – ha  concluso Pirozzi – non avremo nulla da festeggiare perche’  le risorse vanno destinate al commercio e alle fasce deboli.  A novembre serve un lockdown nazionale per fermare questa  ondata”. (Ren)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA NAPOLI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Aversa (Ce), chiediamo l’intervento dell’esercito  NOVA0005 3 POL 1 NOV REG  Covid: sindaco Aversa (Ce), chiediamo l’intervento dell’esercito  Napoli, 11 nov – (Nova) – “Non faro’ altre misure  restrittive, non voglio stressare la popolazione”. Lo ha  dichiarato il sindaco di Aversa Alfonso Golia intervenendo  nella trasmissione “Barba e capelli” condotta da Corrado  Gabriele su Radio Crc. Golia spiega la situazione ad Aversa  (Caserta) e qual e’ la preoccupazione: “superiamo i 1000  casi, molti asintomatici. Dobbiamo registrare molti  ricoverati e la situazione e’ spaventosa, bisogna fare il  nostro dovere. A livello territoriale andrebbe deciso di  chiudere, sono preoccupato per l’Agro aversano”. Il sindaco  annuncia che non fara’ altre ordinanze: “non faro’ altre  misure restrittive, voglio riaprire il parco nelle ore  giornaliere per i bambini accompagnati. Non giudico le  decisioni di altri sindaci, alcune misure rischiano di  essere pero’ al limite della costituzionalita'”. Sulle  scelte del Governo e della Regione chiede decisioni per  alcune zone campane: “hanno scelto un metodo per le fasce e  i colori attraverso dei numeri. Ci sono territori campani  che vanno attenzionati con decisioni da zona arancione e  rossa. Per il Natale stiamo preparando un piano sociale con  economie di bilancio senza lasciare nessuno indietro.  Chiaramente le festivita’ sono occasione per dare speranza e  proveremo a mantenere un po’ di luci natalizie con modalita’  diverse senza organizzare eventi: un po’ di colore e’ un  modo per dare un segnalare alla nostra comunita'”. Poi Golia  conclude: “come sindaci siamo rimasti col cerino in mano.  Sono convinto che da Governo e Regione arriveranno  provvedimenti adeguati (Ren)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaci del Barese chiudono piazze, troppi contagi  ZCZC7247/SXB  XCI20316008517_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaci del Barese chiudono piazze, troppi contagi  Oggi Comitato in Prefettura su controlli anti-assembramenti     (ANSA) – BARI, 11 NOV – Alcuni sindaci dell’area  metropolitana di Bari stanno adottando ordinanze di chiusura,  con divieto di stazionamento, nelle piazze e strade delle citta’  a rischio assembramento. Proprio ieri il Viminale ha inviato una  circolare alle Prefetture chiedendo la convocazione d’urgenza di  comitati per l’ordine e la sicurezza per programmare con i  sindaci ulteriori misure anti-contagio aumentando i controlli e  disponendo eventuali chiusure di piazze e strade. A Bari la  riunione in Prefettura si tiene stamattina con il sindaco della  Citta’ metropolitana Antonio Decaro.  Intanto i sindaci stanno gia’ provvedendo. Dopo l’ordinanza della  sindaca di Altamura, Rosa Melodia, che ha chiuso 14 luoghi a  causa dei troppi contagi, ben 1.121, anche i primi cittadini di  Monopoli e Noicattaro hanno adottato analoghe misure. A  Monopoli, dove i casi positivi sono 152, compresi i 61 di una  casa di riposo e i 12 del Monopoli calcio, il sindaco Angelo  Annese ha disposto il divieto di stazionamento, con la sola  facolta’ di transito, dalle 17 alle 22, di otto piazze (S.  Antonio, Falcone e Borsellino, XX Settembre, Via Procaccia Parco  Giochi compreso skate park e campo basket, piazza Garibaldi,  Milite Ignoto, S. Anna piazzetta Sacro Cuore).  Il sindaco di Noicattaro, Raimondo Innamorato, dopo l’aumento  dei contagi a 157 casi, ha chiuso undici luoghi della citta’ (via  Padre Tommaso Nicola Autiero, largo Pagano, largo Sacro Cuore,  via Madre Chiesa, via Filippo Turati, via Pietro Nenni, via  Giuseppe Mazzini, via Didonna, via Lamanna, via Mattei e il  parco comunale Aldo Moro). Tutte queste ordinanze comunali  saranno in vigore fino al 3 dicembre. Solo per oggi, inoltre, a  Noicattaro sono chiusi gli uffici comunali e il Comando di  Polizia locale per sanificazione, dopo l’accertata positivita’ al  Covid di un dipendente comunale. (ANSA).       YB2-LF  11-NOV-20 10:54 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA INTERREGIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:Variati,patto Stato-sindaci su strette fine settimana  ZCZC7331/SX4  XCI20316008543_SX4_QBXI  R CRO S04 QBXI  Covid:Variati,patto Stato-sindaci su strette fine settimana     (ANSA) – ROMA, 11 NOV – “Il Viminale vuole aiutare i sindaci  attraverso i prefetti a prendere delle decisioni per evitare gli  assembramenti dopo le immagini dell’ultimo weekend, un patto di  collaborazione tra lo Stato e i sindaci perche’ si prendano  decisioni locali nei comitati di sicurezza pubblica per delle  strette nel fine settimane.” Lo ha detto Achille Variati  sottosegretario all’Interno a 24Mattino Radio 24.  “I sindaci sono sempre in prima linea e non possiamo  rimproverarli, fanno – ha osservato – quello che possono con le  facolta’ che hanno. Lo Stato dara’ una mano ai sindaci affinche’ le  loro ordinanze vengano rispettate. Non e’ facile per un sindaco  prendere decisioni impopolari ma se c’e’ di mezzo la salute  collettiva non ci devono essere esitazioni “.  “De Magistris –  ha aggiunto l’esponente del Viminale – sara’ aiutato, il Prefetto  di Napoli e’ in prima fila. Ma non ci puo’ esseer un poliziotto  per ogni strada, la responsabilita’ collettiva e’ fatta di tante  responsabilita’ personali”. (ANSA).       TEO-COM  11-NOV-20 11:01 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: 5 insegnanti positivi, scuola chiusa nel Barese =  AGI0214 3 CRO 0 R01 /  Covid: 5 insegnanti positivi, scuola chiusa nel Barese =  (AGI) – Bari 11 nov. – Il sindaco di Castellana Grotte (Bari),  Francesco De Ruvo, con una ordinanza ha prolungato fino al 20  novembre 2020 la chiusura della scuola dell’infanzia dell’IC  “Angiulli – De Bellis” a seguito della positivita’ al Covid-19  di quattro docenti e della positivita’ al test sierologico di un  quinto insegnante. Rispetto ad una precedente ordinanza, la  scuola dell’infanzia rimarra’ chiusa nella sua interezza  comprendendo entrambi i plessi siti in via Putignano nell’attesa  di conoscere eventuali provvedimenti da parte dell’Asl di Bari  nel rispetto dei protocolli sanitari. La decisione di includere  entrambi i plessi della scuola dell’infanzia e’ maturata a  seguito dei probabili contatti del corpo docente dei due plessi.  In citta’ sono 36 gli attualmente positivi al Covid-19.  (AGI)Ba2/Ros  111107 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Sociale, mercoledì 11 novembre 2020 COMUNE ANCONA. PROROGATO AL 30 NOVEMBRE SMART WORKING DIPENDENTI  DRS0100 3 LAV  0 DRS / WLF    COMUNE ANCONA. PROROGATO AL 30 NOVEMBRE SMART WORKING DIPENDENTI  IN PRESENZA SERVIZI DEMOGRAFICI, POLIZIA LOCALE, PROTEZIONE CIVILE  (DIRE) Ancona, 11 nov. – Ancona, dipendenti comunali in smart  working fino al 30 novembre. A causa del protrarsi dell’emergenza  sanitaria il sindaco, Valeria Mancinelli, ha emanato una nuova  ordinanza, che fa seguito a quella del 2 novembre, con la quale  proroga fino a fine mese le disposizioni relative alla  limitazione d’accesso al pubblico nel Municipio dorico e alle  attivita’ da svolgere in presenza negli uffici.     “Al fine di limitare il rischio di contagio da Covid 19 le  attivita’ da rendere in presenza nella sede centrale del Comune  di Ancona saranno limitate esclusivamente ai servizi essenziali,  indifferibili e non procrastinabili- recita l’ordinanza-. Servizi  demografici ed elettorali, Polizia locale, Protezione civile,  Segreteria generale e Attivita’ istituzionali, Informatica,  Economato e Personale”. Il resto del personale che opera in  Municipio prestera’ la propria attivita’ lavorativa in modalita’  ‘agile’. Gli uffici dislocati in sedi decentrate, invece, saranno  regolarmente aperti al pubblico con il personale in presenza.  Infine la prossima seduta consiliare e’ stata spostata dal 19 al  23 novembre alla luce del fatto che alcuni dipendenti della  Segreteria del consiglio comunale sono in isolamento fiduciario.    (Luf/ Dire)  11:44 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: A CATANZARO SCUOLE CHIUSE FINO AL 28 NOVEMBRE  ZCZC IPN 161  CRO –/T   CORONAVIRUS: A CATANZARO SCUOLE CHIUSE FINO AL 28 NOVEMBRE  CATANZARO (ITALPRESS) – A partire da domani, giovedi’ 12 novembre,  e fino a sabato 28 novembre, saranno sospese le attivita’  didattiche in presenza, con conseguente attivazione di quelle a  distanza, nelle scuole di ogni ordine e grado di Catanzaro. Lo ha  stabilito il sindaco Sergio Abramo facendo seguito alla proposta  ricevuta dal dipartimento di Prevenzione dell’Asp.  Gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle primarie e delle  prime classi delle secondarie di primo grado torneranno fra i  banchi lunedi’ 30 novembre. “Questa sospensione servira’ a ridurre  le occasioni di contagio e, di pari passo, a garantire il tempo  necessario all’Asp per smaltire i tamponi da analizzare e  aumentare lo sforzo organizzativo per il tracciamento dei contatti  – ha affermato Abramo -. Mi auguro che queste due settimane siano  sufficienti per far si’ che la risposta di un sistema, finora  gravato da consistenti ritardi, diventi piu’ efficace e  tempestiva”.  (ITALPRESS) – (SEGUE).  fsc/com  11-Nov-20 11:44  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:ipermercato ad 1km da casa ma in altro comune, multato  ZCZC7676/SXB  XCI20316008656_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid:ipermercato ad 1km da casa ma in altro comune, multato  Disagi per piccoli comuni confinanti, sindaco scrive a Conte     (ANSA) – LECCE, 11 NOV – Sono stati multati perche’ si sono  recati al centro commerciale per fare la spesa, in un  ipermercato che si trova in un altro comune ma ad appena un  chilometro da casa loro. E’ successo tra Lizzanello e Cavallino,  entrambi nel Leccese, una provincia che conta piu’ di cento  comuni, per lo piu’ piccoli e spesso senza soluzione di  continuita’ tra uno e l’altro.     Il sindaco di Lizzanello, Fulvio Pedone, dopo aver chiesto  chiarimenti al prefetto, ha quindi deciso di scrivere  direttamente al presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe  Conte. Nella missiva solleva una questione che riguarda si’ il  comune di cui e’ il primo cittadino, ma anche molte altre realta’  dello stesso territorio che conta un centinaio di municipalita’  escluse le frazioni.  “Rappresentiamo – scrive Pedone – la necessita’ di spostamento  intercomunale dei cittadini di un comune, come Lizzanello, che e’  sprovvisto di centri commerciali e grande distribuzione e di  discount ed ha solo esercizi commerciali di vicinato e nessun  negozio di abbigliamento e calzature che possano rispondere alle  esigenze di prima necessita'”. Il piu’ vicino centro commerciale e’  a Cavallino, ma proprio li’ i cittadini di Lizzanello sono stati  sanzionati per 400 euro dalla polizia locale.  Viene sottolineata una difficolta’ di interpretazione delle  previsioni del governo, alla luce di quanto e’ stato specificato  nelle Faq istituzionali.  “La polizia locale del comune confinante – precisa ancora il  sindaco – nell’attivita’ sanzionatoria posta in essere a danno  dei cittadini di Lizzanello, non ha tenuto in alcun conto la  contiguita’ e la vicinanza del centro commerciale rispetto al  luogo di partenza dello spostamento”.  A quanto si apprende il problema si era gia’ verificato durante  il primo lockdown, ragion per cui, una volta attuate  restrizioni, Pedone aveva ritenuto di interloquire con il  collega di Cavallino e con il prefetto. Le multe, tuttavia, sono  state ugualmente comminate. Da qui la richiesta di chiarimenti:  “E’ possibile varcare i confini per risparmiare sulla spesa?”.  (ANSA).       YBE-LF  11-NOV-20 11:46 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:5 docenti positive, asilo del Barese chiuso fino 20/11  ZCZC7734/SXB  XCI20316008669_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid:5 docenti positive, asilo del Barese chiuso fino 20/11     (ANSA) – BARI, 11 NOV – Entrambi i plessi della scuola  dell’infanzia dell’Istituto comprensivo “Angiulli – De Bellis”  di Castellana Grotte (Bari) rimarranno chiusi fino al 20  novembre. Lo ha stabilito il sindaco Francesco De Ruvo, a  seguito della comunicazione della positivita’ al Covid-19 di una  quinta docente della scuola dell’infanzia, oltre alle tre gia’  contagiate e ad una quarta docente risultata positiva al test  sierologico.  Dopo i primi tre casi, il sindaco aveva firmato un’ordinanza di  chiusura del solo plesso di via Putignano per due giorni. Oggi  ha deciso la chiusura di entrambi i plessi della scuola  dell’infanzia per altri dieci giorni. (ANSA).       YB2-LF  11-NOV-20 11:53 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: nel Barese sindaci chiudono luoghi assembramenti =  AGI0273 3 CRO 0 R01 /  Covid: nel Barese sindaci chiudono luoghi assembramenti =  (AGI) – Bari, 11 nov. – Con l’aumento dei contagi i sindaci  dell’area metropolitana di Bari corrono ai ripari e chiudono vie  o piazze dove solitamente ci sono maggiori assembramenti. A  Noicattaro, il sindaco Raimondo Innamorato ha vietato  “l’ingiustificato stazionamento (eccezion fatta esclusivamente  per l’approvvigionamento di beni e la fruizione di servizi) di  persone in corrispondenza e nella prossimita’ del raggio di  cento metri dalle attivita’ commerciali e dai pubblici esercizi  ed in particolari aree del territorio comunale”: via Padre  Tommaso Nicola Autiero, largo Pagano, largo Sacro Cuore, via  Madre Chiesa, via Filippo Turati, via Pietro Nenni, via Giuseppe  Mazzini, via Didonna, via Lamanna e via Mattei. Si e’ disposta  anche la chiusura del Parco Comunale, con possibilita’ di  consentire l’accesso (regolato, contigentato e organizzato a  porte chiuse) di runners e soggetti con spettro autistico. “Sto  predisponendo un’altra ordinanza – dice Innamorato ad AGI – per  circoscrivere tutte le attivita’ connesse alla sepoltura durante  gli orari di chiusura del cimitero, ammettendo l’ingresso solo  di 20 persone”. Inoltre, per un caso di positivita’ riscontrato  su un dipendente, per la giornata di oggi saranno chiusi gli  uffici comunali di via Pietro Nenni e la sede del Comando di  Polizia Locale di via Giardini Matteotti. (AGI)Ba2/Ros (Segue)  111157 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: CATANIA, TRE GIORNI DI TAMPONI RAPIDI AD ACIREALE =  ADN0439 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RSI        CORONAVIRUS: CATANIA, TRE GIORNI DI TAMPONI RAPIDI AD ACIREALE =        Palermo, 11 nov. (Adnkronos) – Altri tre giorni di tamponi rapidi nel   Comune di Acireale, in provincia di Catania. Dal 14 al 16 novembre, il  parcheggio di Capomulini tornerà ad ospitare una tre giorni di   screening a mezzo tampone rapido. Il test sarà riservato agli studenti  delle scuole medie di primo grado, ai genitori, docenti e dipendenti   Ata, ma potranno presentarsi anche gli alunni degli istituti superiori  che non si siano sottoposti al tampone rapido nella precedente   tornata.        I test verranno eseguiti in due fasce orarie: dalle 8 alle 13 e dalle   14 alle 19. L’iniziativa è frutto dell’azione congiunta tra l’Asp e il  Comune di Acireale. “Il tutto – ha osservato il sindaco Stefano Alì –   nell’ottica di una collaborazione tra i due enti che mira a servire in  maniera concreta la collettività e che ha fornito ottimi riscontri già  nelle date del 7, 8 e 9 novembre”.        (Man/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 12:01  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: chiuse tutte le scuole a Catanzaro fino al 28  ZCZC7872/SXB  XCI20316008714_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: chiuse tutte le scuole a Catanzaro fino al 28  Provvedimento sindaco chiesto da Asp per ritardi analisi tamponi     (ANSA) – CATANZARO, 11 NOV – A partire da domani, giovedi’ 12  novembre, e fino a sabato 28 novembre, saranno sospese le  attivita’ didattiche in presenza, con conseguente attivazione di  quelle a distanza, nelle scuole di ogni ordine e grado di  Catanzaro. Lo ha stabilito, e’ scritto in una nota, il sindaco  Sergio Abramo facendo seguito alla proposta ricevuta dal  dipartimento di Prevenzione dell’Asp. Gli alunni delle scuole  dell’infanzia, delle primarie e delle prime classi delle  secondarie di primo grado torneranno fra i banchi lunedi’ 30  novembre.     “Questa sospensione – ha affermato Abramo – servira’ a ridurre  le occasioni di contagio e, di pari passo, a garantire il tempo  necessario all’Asp per smaltire i tamponi da analizzare e  aumentare lo sforzo organizzativo per il tracciamento dei  contatti. Mi auguro che queste due settimane siano sufficienti  per far si’ che la risposta di un sistema, finora gravato da  consistenti ritardi, diventi piu’ efficace e tempestiva”.     Il provvedimento, e’ scritto nella nota, ha recepito le  indicazioni dell’Asp, che in una nota inviata anche al Prefetto  e alla Regione ha sottolineato: “L’andamento della curva  epidemiologica evidenzia un incremento significativo dei nuovi  casi di infezione da Sars-Cov2”.     L’Azienda sanitaria ha infatti considerato come questo  incremento comporti: “La necessita’ di screening massivi di  personale scolastico, docenti, alunni e personale Ata”. E ha  ribadito il “notevole ritardo nella lavorazione dei tamponi  nasofaringei e, pertanto, nella trasmissione dei relativi  referti”. Il dipartimento di Prevenzione ha aggiunto: “La  situazione determina un ritardo nella costruzione dei casi  positivi”. Per questi motivi e’ stata suggerita la “sospensione,  a tutela della salute pubblica, della didattica in presenza  delle scuole in oggetto per un congruo periodo (almeno due  settimane) per consentire il graduale smaltimento delle  criticita’ rappresentate”. (ANSA).       COM-SGH  11-NOV-20 12:05 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  9COL, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS, SINDACO OTTAVIANO: AUTOTASSIAMOCI E CHIUDIAMO TUTTO  9CO1121526 4 CRO ITA R01  CORONAVIRUS, SINDACO OTTAVIANO: AUTOTASSIAMOCI E CHIUDIAMO TUTTO   (9Colonne) Napoli, 11 nov – “Abbiamo superato i 500 contati a Ottaviano e la fortuna che il 70% è asintomatico. I sintomatici però se la vedono brutta perché sono a casa con l’ossigeno, quando non manca”, “aiamo zona nera. Lo sto vivendo sulla mia pelle, persone che mi chiamano perché non riescono ad avere un’ambulanza oppure ossigeno a casa”. Lo ha dichiarato il sindaco di Ottaviano Luca Capasso a Radio Crc. “Sto chiamando personalmente il 118 che dice non ci sono ambulanze. Chiudere i ragazzi in casa non è la soluzione ideale, serve buon senso ed educazione. Con l’unità di crisi stiamo provando a ridurre il contatto con le persone e adotteremmo altre ordinanze nelle prossime ore come chiudere strade, piazze e divieto per le minicar”. Il primo cittadino di Ottaviano chiede quindi il lockdown: “Se questa è la sanità campana bisogna chiudere. Se è un problema di carattere economico, autotassiamoci tutti e salviamo la nostra pelle stando attenti con la chiusura. Non possiamo rischiare né di morire di Covid né di fame, però con questo virus sto vedendo scene orribili”. Infine, Capasso concorda con de Magistris: “Immaginate a Ottaviano se decido il lockdown, le persone potrebbero andare fare la spesa nei Comuni adiacenti e poi i commercianti contro chi protesterebbero? Verrebbero sotto casa mia visto che non ci sono ristori. Il governo deve intervenire in modo serio, deve finire questo rimpallo di responsabilità”.  Capasso spiega la sua proposta di un fondo solidale inviata al governatore De Luca: “Ho chiesto una maxi operazione di solidarietà con un contributo volontario di dipendenti pubblici, politici e privati. Sicuramente è poca roba rispetto a una finanziaria ma credo che la paura di chiudere porta solo a tensioni e scontri: mettiamo un po’ tutti mano alla tasca e proviamo a salvarci”. (red)   111209 NOV 20  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. SINDACO CROTONE: ESCLUSI DA INTERVENTI PER EMERGENZA, VERGOGNOSO  DIR0926 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. SINDACO CROTONE: ESCLUSI DA INTERVENTI PER EMERGENZA, VERGOGNOSO  VOCE: “L’ORDINANZA DELLA REGIONE NON PREVEDE AUMENTI POSTI LETTO”  (DIRE) Reggio Calabria, 11 nov. – “E’ vergognoso escludere la  citta’ di Crotone da interventi per fronteggiare l’emergenza  Covid”. Cosi’ il sindaco della citta’ Vincenzo Voce che aggiunge:  “l’ordinanza del 10 novembre pubblicata a firma del presidente  facente funzioni della Regione Spirli’, cancella Crotone dalla  previsione della conversione di posti letto di area medica in  posti letto Covid-19”.      “Il nuovo regionale  provvedimento – afferma il primo  cittadino – adotta un incremento di 234 posti letto Covid piu’  altri 10 di terapia intensiva. Ma neanche uno solo di questi e’  disposto per Crotone malgrado stiamo assistendo a un incremento  dei positivi che non tende a rallentare”.    (Mav/Dire)  12:19 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA LOMBARDIA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:da Comune Milano 700mila euro associazioni per affitti  ZCZC8152/SXR  OMI20316008801_SXR_QBXH  R CRO S42 QBXH  Covid:da Comune Milano 700mila euro associazioni per affitti  Aiuti per locali a uso non commerciale per massimo due mensilita’     (ANSA) – MILANO, 11 NOV – Il Comune di Milano finanzia con  contributi per 700 mila euro associazioni, enti pubblici e  privati per le spese d’affitto dei locali ad uso non commerciale  in concessione dal Comune. I contributi provengono dal Fondo di  mutuo soccorso istituito dal sindaco, Giuseppe Sala, durante la  prima ondata della pandemia da Covid.      I soggetti beneficiari, che operano nel settore  socio-culturale, educativo, ricreativo e formativo, potranno  godere di una copertura delle spese di affitto di un massimo di  due mensilita’, per il periodo di chiusura obbligatoria  a causa  dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19.  “L’amministrazione – ha affermato l’assessore al Demanio,  Roberto Tasca – intende sostenere, nell’ambito delle risorse  disponibili, le attivita’ di quelle associazioni che operano in  diversi importanti settori della vita cittadina e che sono in  reale stato di difficolta’ per via dell’emergenza sanitaria”.  (ANSA).       Y59-EM  11-NOV-20 12:30 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA PUGLIA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Brindisi chiude mercato settimanale  ZCZC8195/SXR  XCI20316008817_SXR_QBKP  R CRO S44 QBKP  Covid: sindaco Brindisi chiude mercato settimanale     (ANSA) – BARI, 11 NOV – Il sindaco di Brindisi, Riccardo  Rossi, ha disposto  la chiusura del mercato settimanale di  Sant’Elia fino al 3 dicembre per l’emergenza Coronavirus. Il  provvedimento si rende necessario – spiega in una nota – per  evitare ogni possibile forma di propagazione del contagio.     “I dati ci impongono una riflessione e una decisione drastica  – dichiara il sindaco Rossi – che e’ necessaria, in questo  momento. Purtroppo e’ un sacrificio indispensabile per tutelare  la salute pubblica”. (ANSA).       LF  11-NOV-20 12:34 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: CONSIGLIO COMUNALE ERCOLANO NEL MUSEO CHIUSO, ‘CULTURA RESTI MOTORE SVILUPPO’ =  ADN0545 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RCA        CORONAVIRUS: CONSIGLIO COMUNALE ERCOLANO NEL MUSEO CHIUSO, ‘CULTURA RESTI MOTORE SVILUPPO’ =        Napoli, 11 nov. (Adnkronos) – Si è svolta nel Museo archeologico   virtuale (Mav) di Ercolano (Napoli) la prima seduta del Consiglio   comunale dopo la rielezione di Ciro Buonajuto a sindaco della   cittadina vesuviana, nota per i suoi scavi archeologici con i resti   della città sepolta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. “Ho voluto   che fossero gli spazi del Mav ad ospitare il primo consiglio comunale   di Ercolano perché mai come in questo momento vogliamo ribadire con   forza e determinazione che la cultura deve essere il motore della   crescita e dello sviluppo del nostro territorio”, dichiara Buonajuto.        “Riapriamo simbolicamente un museo, oggi chiuso a causa della pandemia  Covid-19, perché è attraverso la cultura che si riesce ad avere non   soltanto una crescita economica, ma soprattutto una crescita sociale   per il nostro Paese. Voglio ringraziare, a tal proposito, Luigi   Vicinanza, presidente della Fondazione Cives, per aver subito accolto   la mia proposta”, conclude Buonajuto, vice presidente nazionale   dell’Anci ed esponente di Italia Viva.        (Zca/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 12:37  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO CATANZARO CHIUDE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL 28 NOVEMBRE =  ADN0558 7 CRO 0 ADN CRO RCL        CORONAVIRUS: SINDACO CATANZARO CHIUDE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL 28 NOVEMBRE =        Catanzaro, 11 nov. (Adnkronos) – Scuole di ogni ordine e grado chiuse   a Catanzaro da domani, 12 novembre, e fino al 28 novembre. A stabilire  la sospensione dell’attività didattica in presenza è stato il sindaco   Sergio Abramo, che ha fatto seguito alla proposta ricevuta dal   dipartimento di Prevenzione dell’Asp. L’attività didattica, dunque,   proseguirà a distanza.        “Questa sospensione – ha spiegato Abramo – servirà a ridurre le   occasioni di contagio e, di pari passo, a garantire il tempo   necessario all’Asp per smaltire i tamponi da analizzare e aumentare lo  sforzo organizzativo per il tracciamento dei contatti. Mi auguro che   queste due settimane siano sufficienti per far sì che la risposta di   un sistema, finora gravato da consistenti ritardi, diventi più   efficace e tempestiva”. (segue)        (Lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 12:41  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO CATANZARO CHIUDE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL 28 NOVEMBRE (2) =  ADN0559 7 CRO 0 ADN CRO RCL        CORONAVIRUS: SINDACO CATANZARO CHIUDE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL 28 NOVEMBRE (2) =        (Adnkronos) – In una nota inviata dall’Asp anche al Prefetto e alla   Regione Calabria, si sottolinea infatti che “l’andamento della curva   epidemiologica evidenzia un incremento significativo dei nuovi casi di  infezione da Sars-Cov2”, un incremento che comporta “la necessità di   screening massivi di personale scolastico, docenti, alunni e personale  Ata”.        La stessa Asp ha evidenziato il “notevole ritardo nella lavorazione   dei tamponi nasofaringei e, pertanto, nella trasmissione dei relativi   referti”, situazione che determina “un ritardo nella costruzione dei   casi positivi”. Da qui il suggerimento di “sospendere la didattica in   presenza delle scuole” per almeno due settimane.        (Lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 12:41  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 NAPOLI. CITTADINI GIUGLIANO INFORMATI CON SERVIZIO CHE FA SQUILLARE TELEFONI  DIR1077 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    NAPOLI. CITTADINI GIUGLIANO INFORMATI CON SERVIZIO CHE FA SQUILLARE TELEFONI  PIROZZI: “‘SINDACI IN CONTATTO 2.0′ NUOVA OPPORTUNITÀ COMUNICAZIONE”  (DIRE) Napoli, 11 nov. – “Comunicare correttamente con tutti i  cittadini non e’ sempre un’impresa facile. Siamo consapevoli di  questa sfida e per questo stiamo attivando pagine di dialogo  attraverso il sito istituzionale e i social piu’ diffusi. Con  questo servizio sperimentiamo una nuova opportunita’ di  comunicazione con le fasce di cittadini che sono lontani dal  mondo digitale e, per questo motivo, spesso restano esclusi dalle  informazioni sui servizi e sulle emergenze. Invito i familiari ad  assicurarsi che si iscrivano”. Cosi’ in una nota Nicola Pirozzi,  sindaco di Giugliano in Campania, che annuncia l’attivazione del  servizio “Sindaci in Contatto 2.0”, il sistema progettato per  comunicare istantaneamente con tutta la cittadinanza. In casi di  emergenza o di comunicazioni istituzionali di rilievo, i  cittadini riceveranno una chiamata vocale sul proprio numero di  telefono.     Per raggiungere gli anziani, il Comune ha pensato a un  percorso semplificato destinato a chi non ha dimestichezza con i  computer o non possiede uno smartphone. Basta comporre un numero  di telefono per essere registrati.     “Stiamo lavorando per accorciare le distanze tra l’Ente e i  cittadini – continua Pirozzi -. Questo servizio ottimizza la  comunicazione in tempo reale e consente a tutti di essere  raggiunti tempestivamente dalle notizie di pubblica utilita'”.     Il progetto, avviato dal comando di polizia municipale con la  Protezione civile, consente ai cittadini di ricevere una  telefonata sul proprio cellulare con la comunicazione, attraverso  una voce registrata o un messaggio di testo. La nota riporta  anche un esempio: “immaginate che contemporaneamente squillino  migliaia di cellulari e il sindaco possa allertare immediatamente  tutti i cittadini del rischio terremoto o di un allagamento di un  quartiere o della momentanea sospensione idrica in un quartiere.  Chi si iscrive dal sito indica anche l’indirizzo e questo  consente di concentrare le comunicazioni anche per singoli  quartieri”.     Le telefonate – viene chiarito – arrivano sui numeri di  telefonia fissa gia’ presenti in chiaro sugli elenchi telefonici.  Mentre tutti gli altri cittadini sono invitati a iscriversi per  ricevere le comunicazioni. Per essere inseriti nel progetto basta  comporre il numero verde 08118858576 dal proprio cellulare. Una  voce registrata dara’ il benvenuto e comunichera’ che il numero  e’ stato registrato. Ci si potra’ registrare anche cliccando sul  banner del Comune “Sindaci in contatto 2.0”.    (Com/Elm/Dire)  12:46 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco del Casertano vieta di fumare in strada  ZCZC8476/SXB  XCI20316008899_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaco del Casertano vieta di fumare in strada  Primo cittadino: “e’ incompatibile con l’uso della mascherina”     (ANSA) – NAPOLI, 11 NOV – Scatta il divieto di fumare per  strada a Francolise, comune del Casertano dove si contano 53  persone attualmente positive al Coronavirus. Lo ha deciso con  ordinanza il sindaco Gaetano Tessitore, contagiato dal Covid  nella prima ondata della primavera scorsa. Tessitore, nel  tentativo di frenare la diffusione del virus, e assicurare il  rispetto dell’obbligo di indossare “in modo corretto” le  mascherine, ha stabilito che “nelle aree pubbliche o aperte al  pubblico del territorio cittadino di Francolise, in tutte le ore  del giorno, e’ fatto divieto assoluto di fumare, data  l’incompatibilita’ di tale azione con l’uso della mascherina. Il  divieto – specifica l’ordinanza – e’ esteso all’utilizzo di  qualsiasi strumento per il fumo, compresa la sigaretta  elettronica”. Nel provvedimento, Tessitore, che e’ medico, spiega  anche che la mascherina “deve essere indossata correttamente,  ovvero deve coprire dal mento al di sopra del naso: un utilizzo  non corretto della mascherina, come ad esempio tenerla sotto il  mento o lasciando scoperto il naso, equivale a non indossarla e  configura inottemperanza alle prescrizioni imposte per contenere  il diffondersi dell’emergenza epidemiologica”. L’ordinanza  dispone inoltre la chiusura delle piazze dopo le 18, e il  divieto, dalla stessa ora, per i minori di uscire a meno che non  siano accompagnati. (ANSA).       YEC-PIO  11-NOV-20 12:52 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: tende davanti ospedale Cosenza per attesa ricovero  ZCZC8497/SXB  XCI20316008906_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: tende davanti ospedale Cosenza per attesa ricovero  Montate da Protezione civile su disposizione del sindaco     (ANSA) – COSENZA, 11 NOV – La Protezione civile ha installato  questa mattina, su disposizione del sindaco Mario Occhiuto, due  tende nell’area antistante il pronto soccorso dell’ospedale di  Cosenza, in modo da implementare gli spazi per i pazienti  positivi al coronavirus in attesa di essere dislocati nei vari  reparti. “Oggi – ha detto Occhiuto – ho trovato trenta persone,  perlopiu’ anziane, sole, in attesa di essere ripartite nei  reparti. C’e’ bisogno di atti immediati per sbloccare la  situazione che cosi’ non puo’ continuare. Dunque, chiedo che non  venga insabbiata, ne’ sottovalutata la mia ordinanza di ieri con  la quale ho richiesto l’assunzione immediata di personale medico  e infermieristico”. (ANSA).       Y0E-SGH  11-NOV-20 12:54 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. NEL BARESE SINDACI CHIUDONO PIAZZE E STRADE  DIR1149 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. NEL BARESE SINDACI CHIUDONO PIAZZE E STRADE  LE DISPOSIZIONI CONNESSE AGLI AUMENTI DEI CONTAGI  (DIRE) Bari, 11 nov. – A causa del forte aumento del numero di  nuovi positivi in diversi comuni del barese, diversi sindaci  hanno disposto l’interdizione di strade e piazze per evitare  assembramenti emanando apposite ordinanze che resteranno in  vigore fino al prossimo 3 dicembre.       A Noicattaro il primo cittadino Raimondo Innamorato ha vietato  “l’ingiustificato stazionamento (eccezion fatta esclusivamente  per l’approvvigionamento di beni e la fruizione di servizi) di  persone in corrispondenza e nella prossimita’ del raggio di cento  metri dalle attivita’ commerciali e dai pubblici esercizi e in  particolari aree del territorio comunale” e oggi ha previsto la  chiusura degli uffici comunali dopo la positivita’ riscontrata su  un dipendente. Restano interdette le sedi comunali via Pietro  Nenni e la sede del comando di Polizia locale di via Giardini  Matteotti.      Anche Angelo Annese, sindaco di Monopoli, ha deciso la  chiusura dalle 17 alle 22 di piazza S. Antonio, piazza Falcone e  Borsellino, XX Settembre, via Procaccia Parco Giochi compreso  skate park e campo basket, piazza Garibaldi, piazza Milite  Ignoto, piazza S. Anna e piazzetta Sacro Cuore. Per i cittadini  ci sara’ la “facolta’ di transito”.      Stesso provvedimento e’ stato emanato dalla sindaca di  Altamura Rosa Melodia dopo l’accertamento di oltre 1100 casi di  contagio. Nella sua ordinanza si dispone che dalle 16 alle 22,  “fatta salva la possibilita’ di accesso e deflusso agli esercizi  commerciali e alle abitazioni private”, restano interdetta  “centro storico, Villa Comunale, piazza Zanardelli, piazza Aldo  Moro ed annesse zone verdi, piazza Stazione, piazza Laudati, area  verde via Vecchia Buoncammino, via Bari, piazza Mercadante,  piazza don Tonino Bello, piazza via Mosca, via Londra, area verde  via Mura Megalitiche, tra viale R. Margherita e via Bari, piazza  De Napoli, area esterna Infopoint, piazzetta Grotte di San  Michele, piazzetta degli Atleti, parco del Boschetto, via  Manzoni, via Treviso, parco Giochi Davide Storsillo via O.  Persio, parco Giochi Baby Park via Matera, parco Giochi La  Fornace via Minniti e via Corato”. “Il provvedimento – e’ scritto  nell’ordinanza – si e’ reso necessario per l’evolversi  esponenziale del numero di contagi tra la popolazione residente”.  (SEGUE)    (Adp/ Dire)  13:01 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. NEL BARESE SINDACI CHIUDONO PIAZZE E STRADE -2-  DIR1150 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. NEL BARESE SINDACI CHIUDONO PIAZZE E STRADE -2-  (DIRE) Bari, 11 nov. – Intanto, sale a 125 il numero dei positivi  a Grumo Appula. A darne notizia e’ il sindaco Michele Minenna:  sei sono in ospedale, uno in condizioni critiche. “Le forze  dell’ordine stanno controllando continuamente il territorio ed  elevando quotidiane multe e sanzioni. Ma sembra che nulla accada.  La situazione – evidenzia – non sembra minimamente migliorare. Se  non l’abbiamo ancora capito, ve lo dico con tutto l’ardore che ho  dentro di me, siamo in guerra con un virus “infido” che ha un  solo scopo “riprodursi, riprodursi, riprodursi” e togliere la  vita con estrema facilita’. Siamo chiamati, tutti, ad un maggiore  senso di responsabilita’. Facciamo di tutto per preservare il  nostro dono piu’ grande. La vita”.    (Adp/ Dire)  13:01 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA PUGLIA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco del Brindisino su Fb, ‘no a festa vino nuovo’  ZCZC8844/SXR  XCI20316009040_SXR_QBKP  R CRO S44 QBKP  Covid: sindaco del Brindisino su Fb, ‘no a festa vino nuovo’  A San Donaci e’ tradizione nel giorno di San Martino     (ANSA) – SAN DONACI (BRINDISI), 11 NOV – Nel giorno di San  Martino il sindaco Angelo Marasco, primo cittadino di San Donaci  (Brindisi), nota per le sue cantine, ha invitato i concittadini  a non incontrarsi, come da tradizione, per degustare il vino  novello. “Cari concittadini – ha scritto su Facebook sulla  pagina dell’amministrazione comunale –  come ben sappiamo oggi e’  San Martino e per noi che apparteniamo a questa terra cio’ vuol  dire incontrarsi per degustare il vino nuovo e godere della  compagnia degli amici. Purtroppo e’ anche nota la situazione  difficile che stiamo vivendo. Siamo, nella nostra piccola  comunita’, inseriti a pieno titolo in una condizione di emergenza  globale che richiama tutti alla responsabilita’ per la  salvaguardia della salute”.  “Per questo motivo – conclude –  vi esortiamo vivamente ad  evitare di incontrarvi con altre persone non conviventi, anche  in questa occasione. Ancora una volta ci appelliamo al senso di  responsabilita’ di tutti noi. Sono momenti difficili, ma proprio  in questi momenti si e’ chiamati tutti, a fare la propria parte.  Solo cosi’ potremo uscire a testa alta da questa pandemia. Buon  San Martino”. (ANSA).       YBE-CML  11-NOV-20 13:20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Sociale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. SINDACO CAMPOBASSO: 3 PERSONE A DISPOSIZIONE ASREM PER TRACCIAMENTO  DRS0188 3 LAV  0 DRS / WLF    COVID. SINDACO CAMPOBASSO: 3 PERSONE A DISPOSIZIONE ASREM PER TRACCIAMENTO  GRAVINA: “DA SERVIZIO CIVILE PER AFFRONTARE PROBLEMA IMPORTANTE”  (DIRE) Napoli, 11 nov. – “Nei giorni scorsi avevamo ribadito la  volonta’ della nostra Amministrazione di mettere a disposizione  dell’Asrem personale che l’azienda sanitaria poteva utilizzare  per potenziare il tracciamento delle catene epidemiologiche, un  problema importante emerso in questa seconda fase dell’emergenza  nella nostra regione. Ebbene, come gia’ proposto lo scorso marzo,  da oggi sono a disposizione di Asrem 3 persone appartenenti al  servizio civile, affinche’ si possa rendere il tracciamento piu’  efficiente e soprattutto piu’ esteso, al fine di limitare ansie e  paure nella cittadinanza”. Cosi’ il sindaco di Campobasso,  Roberto Gravina.     “Dopo i sopralluoghi della scorsa settimana, inoltre, – ha  aggiunto – la Regione e le autorita’ militari hanno ritenuto  utilizzabile la zona del parcheggio dello stadio di Selva Piana,  vicino all’altra proposta che avevamo avanzato per il drive  trough in citta’ ovvero l’adiacente zona fiera. Ora attendiamo  che Asrem affronti la parte logistica”    (Com/Elm/Dire)  13:28 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: De Luca a prefetto Napoli,piano controlli polizia (2)  ZCZC8959/SXB  XCI20316009082_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: De Luca a prefetto Napoli,piano controlli polizia (2)  Assembramenti fuori controllo lungomare Napoli e centro storico     (ANSA) – NAPOLI, 11 NOV – Nella lettera al prefetto di  Napoli, inviata per conoscenza anche al ministro dell’Interno,  Lamorgese, e al ministro della Sanita’, Speranza, De Luca  sottolinea che il piano di controlli di polizia richiesto tiene  conto “delle raccomandazioni della Cabina di Regia Nazionale  sulla opportunita’ di considerare di anticipare rapidamente le  misure previste per il livello di rischio alto”.     La richiesta di De Luca si basa anche sul Dpcm del 3 novembre  “e alle recenti direttive del Ministro dell’Interno”. Gia’ la  scorsa settimana De Luca aveva chiesto ai sindaci di chiudere  l’accesso ai cittadini ad alcune zone particolarmente affollate,  come il lungomare. Una richiesta che era stata esaudita dal  sindaco d Salerno Vincenzo Napoli e da quello di Pozzuoli,  Vincenzo Figliolia, ma non dal sindaco di Napoli, Luigi de  Magistris. Nello scorso week-end, complice anche la temperatura  primaverile, il lungomare di Napoli e alcune strade del centro  storico e del Vomero sono state invase da migliaia di persone a  passeggio, un fatto che De Luca vuole evitare si ripeta per il  prossimo week-end. (ANSA).       Y7W-CER  11-NOV-20 13:31 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: LIVORNO, MOLETTI NON ACCESSIBILI NEL WEEKEND DEL 14 E 15 NOVEMBRE =  ADN0727 7 CRO 0 ADN CRO RTO        CORONAVIRUS: LIVORNO, MOLETTI NON ACCESSIBILI NEL WEEKEND DEL 14 E 15 NOVEMBRE =        Rimane frequentabile, ma nel rispetto delle normative   anti-Covid, l’intero lungomare        Livorno, 11 nov. – (Adnkronos) – Alla luce delle indicazioni del   Ministero degli Interni, trasmesse alle Prefetture che hanno poi   informato i Comuni, nel prossimo weekend si prevedono interventi di   limitazione degli accessi nelle zone che nei giorni scorsi hanno visto  assembramenti e l’evidente non rispetto delle regole sul   distanziamento e l’uso della mascherina. Per questo nelle giornate di   sabato 14 novembre, dalle 13 alle 18, e domenica 15 novembre, dalle 10  alle 18, a Livorno non sarà possibile accedere e stazionare nei   seguenti luoghi: Scoglio della Regina, Moletto Nazario Sauro, Moletto   di San Jacopo, Moletto d’Ardenza, Moletto d’Antignano, Moletto di   Quercianella.        In tali zone potranno accedere i proprietari delle imbarcazioni   ormeggiate per attività collegate alla nautica, i residenti di   eventuali abitazioni con ingresso in quelle aree e i soci dei circoli   velici, nautici e della pesca. E’ quanto rende noto il comune.        “Rimane frequentabile l’intero lungomare labronico – afferma il   sindaco Luca Salvetti – che si estende per molti chilometri, anche se   invitiamo i livornesi a limitare allo stretto necessario l’uscita di   casa in una fase delicata della gestione della pandemia”. (segue)        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 13:32  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: LIVORNO, MOLETTI NON ACCESSIBILI NEL WEEKEND DEL 14 E 15 NOVEMBRE (2) =  ADN0728 7 CRO 0 ADN CRO RTO        CORONAVIRUS: LIVORNO, MOLETTI NON ACCESSIBILI NEL WEEKEND DEL 14 E 15 NOVEMBRE (2) =        (Adnkronos) – A tal proposito il Cosp svoltosi in Prefettura ha   annunciato ulteriori e più intensi controlli sul territorio per   limitare eventuali comportamenti non in linea con il Dpcm.        2Continuerà il nostro lavoro di sensibilizzazione e controllo su   Piazza Attias con i volontari delle associazioni che da anni guardano   al mondo dei giovani, lavoro che già nello scorso week end ha dato   frutti significativi”, prosegue il sindaco -Continueremo anche la   gestione dei luoghi del commercio, il Mercato centrale in primis che   ha un collaudato sistema di accessi e controlli sperimentato in queste  settimane e ci concentreremo ancora di più sull’appuntamento con il   Mercatino del Venerdi per il quale organizzeremo punti di   sensibilizzazione e informazione agli accessi e controlli più puntuali  intorno ai banchi per ottenere il pieno rispetto delle norme di   distanziamento e di uso della mascherina”.        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 13:32  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. DISCOTECHE SARDE, OPPOSIZIONI: SOLINAS CHIARISCI O VAI VIA /VIDEO -2-  DIR1510 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR MVD/TXT    COVID. DISCOTECHE SARDE, OPPOSIZIONI: SOLINAS CHIARISCI O VAI VIA /VIDEO -2-  STA PER PARTIRE COMMISSIONE INCHIESTA: FAR LUCE GESTIONE EMERGENZA  (DIRE) Cagliari, 11 nov. – “Il presidente della Regione Sardegna  ha due strade davanti: o mostra immediatamente tutti gli atti in  suo possesso per smentire le accuse di questi giorni, o deve  presentare le sue dimissioni per manifesta incapacita’ a gestire  l’emergenza covid”. Cosi’ Eugenio Lai, consigliere regionale di  Leu, durante la conferenza stampa convocata stamane dalle  opposizioni, dopo il servizio di Report sull’apertura delle  discoteche ad agosto che avrebbe favorito la diffusione del  coronavirus prima in Sardegna, e poi in altre regioni italiane.     L’incontro con i giornalisti e’ stato convocato dai gruppi di  minoranza per annunciare la richiesta immediata di istituzione di  una commissione d’inchiesta “per far luce su diversi aspetti  connessi alla gestione dell’emergenza covid in Sardegna- spiega  il capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus- ormai notizia di  rilievo nazionale. La gestione dell’emergenza, fin dalle prime  fasi, ha presentato condizioni di opacita’, nebulosita’, con una  mancanza di informazioni e minimi requisiti di trasparenza che  non sono piu’ tollerabili”. Questo, specifica Agus, non riguarda  soltanto il tema del parere del Comitato tecnico scientifico per  l’apertura dei locali notturni, “mai reso pubblico, ma riguarda  la complessa gestione della macchina d’emergenza, la gestione dei  tamponi, le nomine principali dei direttori che si occupano  dell’emergenza, gli appalti per l’acquisto di dispositivi di  protezione individuale, il tema dei posti letto e dei numeri  comunicati ogni giorno a Roma”. I ricoveri, rimarca Agus, “sono  molti piu’ superiori di quelli che oggi mandiamo a Roma, perche’  non tengono conto dei reparti non covid che ospitano pazienti  positivi al coronavirus. Il rischio e’  che la Sardegna sia una  Regione ‘rossa’, mascherata da Regione ‘gialla'”.     Sottolinea Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd: “Sono mesi che  denunciamo le carenze nel gestire questa emergenza, e tutte le  volte si tenta di minimizzare. È venuto il momento di fare  chiarezza sul numero dei posti letto, sulle procedure utilizzate  per attivarli, sul sistema sanitario territoriale, totalmente  inadeguato a gestire i pazienti”. L’ordine del giorno del 12  agosto votato dal Consiglio prima dell’ordinanza di Solinas?  “Inizialmente e’ stato presentato dalla maggioranza senza  prevedere il parere del Comitato tecnico scientifico- ricorda  Ganau-. E infatti come opposizioni abbiamo ribadito che, a quelle  condizioni, non eravamo disposti a votarlo e sottoscriverlo.  Quindi e’ stata fatta una correzione, prima di essere approvato,  con la richiesta del parere preventivo del Cts. Cosa diceva  l’ordine del giorno? Che sulla base di quel parere il presidente  della Regione avrebbe potuto decidere se c’erano le condizioni  per un’apertura delle discoteche, e prescrivere le condizioni di  sicurezza per questa apertura”.     Tornando al parere del Comitato tecnico scientifico, mai  pubblicato, per Ganau i casi sono tre: “O il parere e’ positivo,  e allora non si capisce perche’ non si renda pubblico, o e’  negativo -la cosa piu’ probabile- o addirittura non esiste. Negli  ultimi due casi siamo davanti a un’omissione di cui si assumera’  la responsabilita’ il presidente della Regione”.     Per Lai, “il problema non riguarda l’apertura o meno delle  discoteche, la questione principale e’ questa: il presidente  della Regione sapeva che la situazione epidemica in Sardegna  sarebbe peggiorata a causa di quella decisione? Solinas era a  conoscenza di tutti gli atti che avrebbero garantito ai sardi la  sicurezza sanitaria? Se questo non e’ avvenuto, aspettiamo le  dimissioni di Solinas. In caso contrario venga in aula, renda  trasparenti tutte le sue decisioni”.     Spiega Michele Ciusa, capogruppo del M5s nel Consiglio  regionale sardo: “La situazione in Sardegna e’ grave, come  opposizioni lo stiamo denunciando da mesi, e da mesi chiediamo di  avere dati certi sull’epidemia. I dati che vengono mandati a Roma  per stabilire il ‘colore’ delle Regioni rispondono al vero?  Sappiamo di ospedali chiusi, di Rsa abbandonate, di pronto  soccorso al collasso. Un altro tema e’ questo: come si sta  muovendo il Comitato tecnico scientifico sardo? Finora non lo  abbiamo capito”.     Chiude Massimo Zedda, esponente dei Progressisti: “Il  presidente della Regione ha mentito al Consiglio regionale, si o  no? Questo emerge dal servizio di Report ed e’ questo oggetto di  indagine da parte delle Procure”. Altro tema: “Nelle ultime  conferenze di capigruppo hanno partecipato solo due componenti  del Comitato tecnico scientifico. Come mai il professor Francesco  Cucca e il professor Pietro Cappuccinelli non partecipano piu’  alle riunioni del Cts? Mi viene il dubbio- conclude l’ex sindaco  di Cagliari che questo comitato non si mai stato realmente  coinvolto a tutela della vita dei sardi”.    (Api/ Dire)  13:34 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 ++ Sindaco Varese, non c’e’ piu’ posto nei nostri ospedali ++  ZCZC9096/SXB  XCI20316009126_SXB_QBXB  B CRO S0B QBXB  ++ Sindaco Varese, non c’e’ piu’ posto nei nostri ospedali ++  Spero nell’effetto del lockdown e servono subito i Covid hotel     (ANSA) – MILANO, 11 NOV – “I nostri ospedali stanno  raggiungendo la saturazione, non c’e’ piu’ posto”. E’ l’allarme  lanciato all’ANSA da Davide Galimberti, sindaco di Varese, al  centro di un territorio dove sono in forte crescita i contagi da  coronavirus e i ricoveri. “Da Busto Arsizio a Varese, fino a  Tradate, da giorni gli ospedali sono sotto pressione, si e’  cercato di recuperare posti letto nei vari reparti ma siamo al  limite – dice -. L’auspicio e’ che le misure del lockdown portino  in fretta gli effetti sperati e che siano attivati velocemente i  Covid hotel, per alleggerire la pressione sugli ospedali che  sono al limite”. (ANSA).       Y1N-EM  11-NOV-20 13:44 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA TOSCANA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: Monsummano chiude parchi e giardini pubblici  ZCZC9121/SXR  OFI20316009134_SXR_QBXX  R CRO S57 QBXX  Covid: Monsummano chiude parchi e giardini pubblici     (ANSA) – MONSUMMANO TERME (PISTOIA), 11 NOV – Stop alle  passeggiate all’aria aperta nei parchi e nei giardini pubblici  di Monsummano (Pistoia). E’ quanto dispone un’ordinanza firmata  dal sindaco Simona De Caro con l’obiettivo di “contenere e  gestire l’emergenza epidemiologica da Covid-19”.   “Ritenuto opportuno adottare misure idonee a non favorire  l’assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al  pubblico – si legge nell’ordinanza – e tenuto conto  dell’evoluzione della situazione epidemiologica e del suo  carattere particolarmente diffusivo che sta comportando  l’aumento di casi anche nell’ambito del nostro comune”, il  sindaco stabilisce “al fine di prevenire il rischio di  diffusione del Covid-19, la chiusura di tutti i parchi e  giardini pubblici, a eccezione dell’anello del Parco Orzali che  rimane accessibile per attivita’ motorie”. (ANSA).       Y3G-CG  11-NOV-20 13:46 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO VOCE, ‘CROTONE ESCLUSA DA INTERVENTI PER FRONTEGGIARE EMERGENZA’ =  ADN0781 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RCL        CORONAVIRUS: SINDACO VOCE, ‘CROTONE ESCLUSA DA INTERVENTI PER FRONTEGGIARE EMERGENZA’ =        Crotone, 11 nov. (Adnkronos) – “E’ vergognoso escludere la città di   Crotone da interventi per fronteggiare l’emergenza Covid”. E’ quanto   scrive il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, in una nota inviato al   presidente del Consiglio dei Ministri Conte, al ministro della Salute   Speranza, al presidente ff funzioni della Regione Calabria Spirlì e al  dirigente generale del Dipartimento Tutela della Salute della Regione   Antonio Belcastro.        “L’ordinanza n. 85 del 10 novembre pubblicata a firma del Presidente   f.f. della Regione Spirlì – spiega il sindaco – cancella Crotone dalla  previsione della conversione di posti letto di area medica in posti   letto Covid-19. Il nuovo provvedimento regionale  adotta un incremento  di 234 posti letto Covid più altri 10 di terapia intensiva. Ma neanche  uno solo di questi è disposto per Crotone malgrado stiamo assistendo a  un incremento dei positivi che non tende a rallentare”. (segue)        (Lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 13:54  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO VOCE, ‘CROTONE ESCLUSA DA INTERVENTI PER FRONTEGGIARE EMERGENZA’ (2) =  ADN0782 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RCL        CORONAVIRUS: SINDACO VOCE, ‘CROTONE ESCLUSA DA INTERVENTI PER FRONTEGGIARE EMERGENZA’ (2) =        (Adnkronos) – Subito dopo il Primo cittadino aggiunge: “Dopo essere   stati umiliati da un Commissario Straordinario della Sanità calabrese   che disconosceva il Piano pandemico, riteniamo vergognoso escludere il  nostro territorio da interventi per fronteggiare l’emergenza covid. La  città pitagorica e tutta la sua provincia, già mortificate da una   struttura ospedaliera depotenziata, è stata una volta di più   completamente ignorata”.        Crotone, conclude il sindaco, “ha diritto alla giusta attenzione da   parte del governo regionale affinché siano riconosciuti finanziamenti   ed erogazioni a favore del nostro territorio che consentano di   individuare altre strutture a supporto dell’ospedale in questa   situazione pandemica. Su questo l’Amministrazione comunale non ha   intenzione di restare a guardare”.        (Lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 13:54  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: SAN MINIATO, ASF DONA 2.000 MASCHERINE E PRODOTTI SANIFICANTI ALLE SCUOLE =  ADN0789 7 CRO 0 ADN CRO RTO RTO        CORONAVIRUS: SAN MINIATO, ASF DONA 2.000 MASCHERINE E PRODOTTI SANIFICANTI ALLE SCUOLE =        Giglioli e Profeti: “Grande sensibilità e attenzione verso il   mondo della scuola”        Pisa, 11 nov. – (Adnkronos) – Sono 2.000 le mascherine FFP2 che   l’Azienda Speciale Farmacie di San Miniato (Pisa) ha donato ai due   istituti comprensivi cittadini (“Sacchetti” e “Buonarroti”),   dispositivi dispositivi destinati al personale scolastico e docente.   Insieme a queste saranno distribuiti anche 700 dispenser (da 1 litro e  mezzo litro) di gel igienizzante per le mani e un’intera fornitura di   detergente liquido sanificante.        “L’Azienda Speciale Farmacie è da sempre vicina alle esigenze del   Comune di San Miniato – spiega il nuovo presidente dell’Asf, Andrea   Gronchi -, e in questa situazione di emergenza sanitaria ha ritenuto   doveroso provvedere alla elargizione alle scuole primarie, secondarie   e dell’infanzia statali e paritarie del comune di dispositivi di   protezione individuali e protettivi. Il Cda ringrazia il sindaco   Simone Giglioli, gli assessori e i componenti degli uffici comunali   per la collaborazione”.        “L’Asf non è nuova a gesti di grande sensibilità verso il mondo della   scuola – spiegano il sindaco Simone Giglioli e l’assessore Giulia   Profeti -. Dopo la fornitura di pannolini per i nidi, il kit di prima   infanzia e molti altri progetti scolastici che hanno sostenuto negli   anni, di fronte ad una situazione emergenziale come quella che stiamo   vivendo, gesti di questa portata sono molto importanti perché aiutano   il Comune sostenere concretamente lo svolgimento delle attività   scolastiche in sicurezza. Molto ci siamo battuti affinché i nostri   ragazzi potessero tornare in classe ma nel rispetto delle regole;   abbiamo quindi sempre più bisogno di prodotti e mascherine per   consentirgli di svolgere la didattica in presenza e vogliamo quindi   ringraziare l’Azienda perché, ancora una volta, dimostra sensibilità e  attenzione verso il mondo della scuola”.        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 13:56  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA CAMPANIA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: Somma Vesuviana,da oggi attiva ambulanza per positivi  ZCZC9282/SXR  ONA20316009189_SXR_QBXO  R CRO S44 QBXO  Covid: Somma Vesuviana,da oggi attiva ambulanza per positivi     (ANSA) – NAPOLI, 11 NOV – Sara’ attivata oggi l’ambulanza  comunale con servizio sanitario esclusivo per i cittadini di  Somma Vesuviana (Napoli) affetti da Covid. Una equipe formata da  un medico, due infermieri e l’autista, sara’ coadiuvata da una  sala operativa al piano terra del Comune, che indichera’ dove  recarsi per l’assistenza domiciliare, grazie ad un numero verde  messo a disposizione della cittadinanza. Una iniziativa,  realizzata con fondi comunali, voluta dall’amministrazione  guidata dal sindaco Salvatore Di Sarno, per far fronte  all’elevato numero di contagiati in citta’, che oggi sono  arrivati a 764 positivi attivi.     “Abbiamo attivato il numero verde 800261487 a chiamata  gratuita ed attivo dalle ore 12 alle 24 tutti i giorni – ha  spiegato il sindaco – il cittadino affetto da Covid potra’  chiamare per essere assistito a casa. E’ un servizio essenziale,  perche’ un’Amministrazione deve pensare a non lasciare da solo  nessuno. L’ambulanza stazionera’ fissa in piazza. Non si tratta  di pronto soccorso. Il medico monitorera’ anche telefonicamente  la situazione seguendo anche a distanza il malato ed in caso di  necessita’ mobilitera’ l’ambulanza anche per un’eventuale ricovero  in ospedale con il coordinamento del CTO 118. Solo il medico  avra’ l’elenco dei positivi in modo tale gestire anche la scheda  socio – sanitaria del paziente ed assisterlo nel migliore dei  modi”. Il sindaco ieri ha anche prolungato fino al 29 novembre  la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, di tutti  i circoli, divieto di aggregazione anche all’aria aperta,  chiusura del cimitero e della biblioteca comunale e del mercato  settimanale. (ANSA).       Y2W-CER  11-NOV-20 14:05 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:Zaia,preoccupa Verona,li’ strade pedonali a senso unico  ZCZC9316/SXB  XCI20316009206_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid:Zaia,preoccupa Verona,li’ strade pedonali a senso unico  Sindaco ha deciso nuova misura che scattera’ nel fine settimana     (ANSA) – VENEZIA, 11 NOV – Sorvegliata speciale per  l’impennata dei casi Covid e’ Verona, dove sono stati istituiti  dei sensi unici pedonali per limitare la circolazione del virus  e attenuare l’affluenza delle ultime ore negli ospedali. Lo  spiega il Presidente del Veneto Luca Zaia.     “A Verona abbiamo la situazione piu’ critica – ricorda – si  stanno attivando tutti i presidi possibili”. Il Governatore non  nasconde la sua preoccupazione. “Stiamo ricevendo continue  segnalazioni, basti pensare che il sindaco di Verona ha dovuto  mettere a senso unico le strade pedonali del centro nel fine  settimana, vi sembra possibile? – conclude – Con l’ordinanza che  firmero’ vogliamo dare una mano ai medici che non possono  ritrovarsi con i pullman di persone da ricoverare. Adesso non si  puo’ vedere Jesolo come d’estate”. (ANSA).       CO  11-NOV-20 14:09 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: Comitato sicurezza Messina,piu’ pattuglie e chiusura aree =  AGI0526 3 CRO 0 R01 /  Covid: Comitato sicurezza Messina,piu’ pattuglie e chiusura aree =  (AGI) – Messina, 11 nov. – Riunione alla prefettura di Messina  del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica,  presieduto dal prefetto Maria Carmela Librizzi. Al centro i  fenomeni di assembramento registrati nell’ultimo fine settimana  sul litorale di Torre Faro, zona Capo Peloro, in cui, complici  la temperatura e il bel tempo, si sono affollati numerosi  ragazzi, nonche’ in alcune piazze del centro cittadino. Si e’  deciso di mettere in campo misure piu’ restrittive e rigorose,  anche mediante il ricorso all’ordinanza di chiusura temporanea  di specifiche aree pubbliche. E’ stata condivisa con il sindaco  di Messina l’adozione di un’ordinanza per la chiusura della zona  Capo Peloro nelle prossime giornate di sabato e domenica per la  fascia oraria di maggiore afflusso (13-17). La zona sara’  presidiata da pattuglie di vigili urbani e forze dell’ordine.     Con riferimento agli assembramenti verificatisi nelle piazze del  centro cittadino, e’ stata disposta la predisposizione di  adeguati contingenti di pattuglie mobili, in grado di far  fronte, con tempestivita’, ad eventuali assembramenti  registratisi in movimento da una piazza all’altra. Disposta  anche una rigorosa e rigida applicazione dell’osservanza delle  misure anti-contagio, con conseguente irrogazione delle sanzioni  previste dalla normativa. “La particolare e delicata situazione  emergenziale – ha ribadito il ‘refetto – non puo’ in alcun modo  consentire atteggiamenti superficiali ed irresponsabili, che  mettano a repentaglio la salute pubblica”. (AGI)Mrg  111416 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Sociale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. BARI, AD ACQUAVIVA DELLE FONTI POSITIVI SALGONO A 140  DRS0222 3 LAV  0 DRS / WLF    COVID. BARI, AD ACQUAVIVA DELLE FONTI POSITIVI SALGONO A 140  SINDACO: “CHI ASPETTA DI FARE TAMPONE STIA A CASA”  (DIRE) Bari, 11 nov. – “Il numero dei positivi e’ oggi salito a  140, sette dei quali ricoverati. Ufficialmente ci risultano  soltanto 3 cittadini in attesa di tampone, ma da un’indagine  conoscitiva avviata con i medici di famiglia, il numero dei  pazienti che andrebbero sottoposti a tampone, alcuni dei quali  sintomatici, e’ molto piu’ elevato: al momento ne risultano 135  (hanno risposto 16 medici su 22), ma il numero potrebbe  aumentare”. È quanto rende noto il sindaco di Acquaviva delle  Fonti (Ba), Davide Carlucci ritenendo “probabile che il numero  reale dei contagiati sia piu’ del doppio di quanto sappiamo”.   “Nel frattempo – conclude – invitiamo chiunque ha sintomi o e’ in  attesa di tampone a non uscire di casa”.    (Adp/ Dire)  14:19 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, mercoledì 11 novembre 2020 TOP Coronavirus, sindaco Varese: Situazione critica, necessari Covid hospital  TOP Coronavirus, sindaco Varese: Situazione critica, necessari Covid hospital Milano, 11 nov. (LaPresse) – “La situazione è molto critica, noi siamo stati la provincia e la città meno coinvolta nella prima ondata, ma oggi viviamo una situazione completamente diversa e questa situazione nelle ultime settimane è in costante crescita, al di là del numero spaventoso di ieri. Gli ospedali sono ovviamente fortemente sotto pressione, ormai i posti sono saturi” ed è per questo che “sono necessari quei Covid hotel che nella nostra provincia ancora non sono stati attivati”. Lo ha detto a LaPresse Davide Galimberti, sindaco di Varese. CRO NG01 lca 111350 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, mercoledì 11 novembre 2020 TOP Coronavirus, sindaco Varese: Serve regia sanitaria extraprovinciale  TOP Coronavirus, sindaco Varese: Serve regia sanitaria extraprovinciale Milano, 11 nov. (LaPresse) – “In Lombardia c’è un coinvolgimento significativo delle province di Milano, Monza Brianza e Varese, tutte le province che gravitano attorno all’area metropolitana per ragioni di lavoro, studio ed economica ed è per questo che serve una figura che possa coordinare sotto il profilo sanitario le attività di questi diversi ambiti territoriali”. Lo ha dichiarato a LaPresse Davide Galimberti, sindaco di Varese. “Più che un commissario, penso a un regista che si confronti con gli ambiti sanitari perché ci sono una serie di problemi organizzativi che devono essere affrontati”, ha precisato. CRO NG01 lca 111402 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, mercoledì 11 novembre 2020 COVID. DE MAGISTRIS: VENERDÌ PROVVEDIMENTO PER DARE SEGNALE FORTE  DIR1932 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. DE MAGISTRIS: VENERDÌ PROVVEDIMENTO PER DARE SEGNALE FORTE  “ZONA ROSSA IN CAMPANIA È DIVENTATA QUESTIONE POLITICA NON TECNICA”  (DIRE) Napoli, 11 nov. – “Siccome ho capito il giochetto, e il  vero tema e’ perche’ qua non fanno la zona rossa, venerdi’ faro’  un provvedimento con il quale daremo un segnale molto forte a chi  ci vuole prendere in giro”. Lo annuncia il sindaco di Napoli  Luigi de Magistris ai microfoni di Un giorno da pecora su Rai  Radio1.      Il primo cittadino dice che la soluzione sara’ adottata “dopo  aver sentito il prefetto, con l’obiettivo di indicare la strada  per frenare il contagio nella citta’ di Napoli”. De Magistris  conferma che non si trattera’ di un’ordinanza “per chiudere solo  una strada”.     Per l’ex Pm, la zona rossa in tutta la Campania e’  “inevitabile” e si chiede “perche’ continuino a logorarci per  farci andare allo stremo”. “Inizio a pensare – aggiunge il  sindaco – che in Campania sta diventando un fatto politico e non  piu’ tecnico. Mi devono spiegare perche’ De Luca a ottobre voleva  chiudere tutto, diceva che la situazione era drammatica quando  avevamo 800 casi al giorno, e invece ora il problema sono i  cittadini e il sindaco che non chiude le strade”.    (Nac/ Dire)  14:31 11-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA ROMA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: “Aiutaci ad aiutare”, iniziativa spesa solidale comune Ciampino con Protezione civile  NOVA0099 3 POL 1 NOV CRO  Covid: “Aiutaci ad aiutare”, iniziativa spesa solidale comune Ciampino con Protezione civile  Roma, 11 nov – (Nova) – “Aiutaci ad aiutare”. E’ questo il  nome dell’iniziativa di spesa solidale messo in campo  dall’Amministrazione comunale di Ciampino, attraverso il  gruppo locale di Protezione civile “Adolfo Aceti”, per  sostenere le famiglie che si trovano in difficolta’ a causa  dell’emergenza Covid. “Nei supermercati recanti l’apposita  locandina, attualmente in distribuzione – si legge in una  nota – chi vorra’ potra’ dare il proprio contributo  lasciando generi alimentari da destinare ai nuclei familiari  piu’ fragili”. “Questa iniziativa – ha commentato il sindaco  di Ciampino, Daniela Ballico – ci permettera’ di rispondere  in maniera tempestiva alle possibili crescenti situazioni di  difficolta’ che alcuni nuclei familiari si trovano a vivere  a causa delle nuove restrizioni dovute all’emergenza Covid.  Ringrazio il nostro Gruppo di Protezione Civile, sempre  attivo sul territorio ed i nostri Servizi Sociali che  svolgono un egregio lavoro nel monitorare tutte le  situazioni di fragilita’ offrendo il giusto supporto  istituzionale a coloro che ne hanno bisogno. Questa  iniziativa si aggiunge a quella, instancabile, gia’ presente  sul nostro territorio ad opera della Cri con la quale  abbiamo sempre collaborato in maniera proficua, fattiva e  risolutiva”. “Le grandi sfide, come quella della pandemia –  ha concluso il sindaco Ballico – si vincono solo insieme,  con grande senso civico, aiuto reciproco e rispetto delle  regole, per il quale ringrazio il grande sforzo profuso  della nostra polizia locale”. (Com)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Matera, preoccupante aumento dei casi  ZCZC9559/SXB  XCI20316009290_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaco Matera, preoccupante aumento dei casi     (ANSA) – MATERA, 11 NOV – Il sindaco di Matera, Domenico  Bennardi, ha annunciato la istituzione di un ‘tavolo di crisi”  permanente sull’emergenza coronavirus, sollecitando la piena  collaborazione e responsabilita’ della comunita’ locale. “Nelle  ultime settimane – ha detto Bennardi – stiamo assistendo a un  preoccupante aumento di casi”.     Si tratta, secondo il primo cittadino, di “una situazione  quotidianamente monitorata dalle autorita’ sanitarie, sulla  quale, pero’, e’ indispensabile anche da parte delle istituzioni,  a tutti i livelli, porre la massima attenzione. Per queste  ragioni, ho colto positivamente l’invito pervenuto dai  consiglieri del centrosinistra per l’istituzione di un tavolo  permanente con tutte le forze politiche presenti in Consiglio  comunale, nell’ottica di un metodo di lavoro aperto e  inclusivo”.     Il sindaco ha aggiunto che il Comune e’ impegnato in  iniziative per contrastare la diffusione del coronavirus  “attraverso misure e confronti continui con le istituzioni  sanitarie e scolastiche, con i rappresentanti delle categorie  produttive e dei lavoratori. Allo stesso tempo – ha proseguito  Bennardi – e’ necessario che tutte le energie, sia pubbliche che  private, siano rivolte al sostegno concreto di quelle famiglie e  fasce di popolazione che piu’ di altre stanno pagando in termini  economici e sociali il prezzo di questa epidemia”.     Il sindaco di Matera ha annunciato, inoltre, un progetto che  ”veda il Comune protagonista attivo di iniziative di  solidarieta’ che potranno essere realizzate anche attraverso  risorse private (donazioni e sponsorizzazioni) da destinare alle  persone in difficolta’, nonche’ – ha concluso – attraverso il  coordinamento delle numerose azioni che, generosamente,  associazioni, cittadini e aziende mettono in campo in aiuto di  chi ha maggiore bisogno”. (ANSA).       R01-LSC  11-NOV-20 14:32 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: docente positivo, chiusa scuola sul Gargano  ZCZC9593/SXB  XCI20316009301_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: docente positivo, chiusa scuola sul Gargano  Da domani fino al 16 novembre     (ANSA) – VICO DEL GARGANO (FOGGIA), 11 NOV – A causa di un  docente risultato positivo al Covid, da domani 12 novembre e  fino a lunedi’ 16 l’istituto scolastico comprensivo  ‘Manicone-Fiorentino’ di Vico del Gargano rimarra’ chiuso. E’  quanto stabilito dal sindaco Michele Sementino che ha  specificato che si tratta di una “persona che non risiede a Vico  del Gargano”. La chiusura si e’ resa necessaria per effettuare la  sanificazione degli ambienti scolastici. “Il numero dei  cittadini vichesi contagiati e’ salito da 4 a 7, informa il  sindaco Sementino. “Ho sentito telefonicamente le persone in  questione. Per fortuna, le loro non gravi condizioni fanno  sperare in una prossima e relativamente rapida guarigione”,  conclude. (ANSA).       Y8N-CML  11-NOV-20 14:35 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA PUGLIA, mercoledì 11 novembre 2020 Covid:piu’ controlli nel Barese nel weekend su uso mascherine  ZCZC9594/SXR  XCI20316009302_SXR_QBKP  R CRO S44 QBKP  Covid:piu’ controlli nel Barese nel weekend su uso mascherine  Prefetta,’comportamento di ciascuno influenza salute di tutti’     (ANSA) – BARI, 11 NOV – Controlli piu’ capillari sugli  assembramenti e sull’utilizzo delle mascherine soprattutto “nei  fine settimana e in quei luoghi e in quegli orari in cui si  possono verificare maggiori punte di frequentazione”. E’ quanto  stabilito nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e  la sicurezza che si e’ tenuto stamattina nella Prefettura di  Bari, alla quale hanno partecipato i vertici delle forze  dell’ordine e il sindaco della Citta’ metropolitana Antonio  Decaro.  La riunione e’ stata convocata a seguito della circolare inviata  dal Viminale che chiedeva alle Prefettura di intensificare i  controlli anche concordando con i sindaci eventuali ordinanze di  chiusura di strade e piazze. Nell’area metropolitana in totale  sono sei i Comuni che hanno adottato ordinanze piu’ restrittive.  Bari e’ stata la prima citta’, il 20 ottobre, a disporre un  provvedimento di divieto di stazionamento in 19 zone.  L’ordinanza e’ ancora in vigore e lo sara’ fino al 13 novembre.  Toritto l’ha firmata il 30 ottobre inibendo l’accesso a parchi e  giardini comunali fino al 24 novembre. Tra ieri e oggi altri  quattro sindaci hanno disposto la chiusura di alcune aree fino  al 3 dicembre: Altamura, Monopoli, Noicattaro e Corato.  La prefetta, al termine della riunione, ha spiegato che “il  coprifuoco e’ generalmente rispettato, qualcuno ancora stenta a  usare la mascherina e continua a consumare in prossimita’ dei  bar. Dobbiamo indurre sempre piu’ la gente ad avere  consapevolezza che il proprio comportamento in questo momento  influenza la sicurezza e la salute di tutti i cittadini”.  Da quando, il 6 novembre, e’ entrato in vigore l’ultimo Dpcm che  ha istituito le zone di rischio, arancione per la Puglia, sono  state controllate 8.750 persone, 268 sanzionate, e 519 attivita’  e in sette casi i titolari sono stati sanzionati. (ANSA).       YB2-LF  11-NOV-20 14:35 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Taranto, si continua a sottovalutare emergenza (2)=  AGI0573 3 CRO 0 R01 /  Covid: sindaco Taranto, si continua a sottovalutare emergenza (2)=  (AGI) – Taranto, 11 nov. – “Per l’organizzazione piu’  strettamente sanitaria – annuncia il sindaco di Taranto – siamo  tornati a chiedere ad Asl approfondimenti. Abbiamo nuovamente  sollecitato il coinvolgimento delle strutture private per non  gravare sui pazienti di altre patologie, e infine abbiamo spinto  per l’istituzione almeno di un drive-through nel capoluogo, con  il contributo delle forze armate. Per questo – dichiara il  sindaco – abbiamo gia’ fornito la piena disponibilita’ dell’area  di Cimino”. Oggi il sindaco di Taranto ha partecipato al tavolo  sull’ordine pubblico e sicurezza convocato dal prefetto Demetrio  Martino. Il tavolo e’ stato allargato, nel corso della  mattinata, a tutti i sindaci della provincia “per discutere la  possibilita’ di provvedimenti restrittivi, per quanto fattibile  armonizzati tra i singoli comuni, proprio sulla scorta della  criticita’ che sta assumendo la curva dei contagi” specifica il  Comune di Taranto. Infine Melucci ha guidato una nuova seduta  della conferenza degli amministratori e del sistema sanitario  del territorio, con partecipazione del governatore regionale  pugliese Michele Emiliano e del responsabile della task force  regionale e assessore alla Sanita’, Pier Luigi Lopalco. Si sta  effettuando un monitoraggio del riordino dei posti letto su  scala provinciale, nonche’ del personale e degli equipaggiamenti  funzionali al trattamento del Covid 19. (AGI)Ta1/Ros  111435 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Taranto, si continua a sottovalutare emergenza =  AGI0572 3 CRO 0 R01 /  Covid: sindaco Taranto, si continua a sottovalutare emergenza =  (AGI) – Taranto, 11 nov. – Il sindaco di Taranto, Rinaldo  Melucci, si accinge a varare una ordinanza restrittiva in  materia di Covid 19. Lo annuncia lo stesso sindacato. “Troppi  cittadini – afferma – stanno ancora sottovalutando la  situazione. Le fotografie di certe aree pubbliche e commerciali  nell’ultimo fine settimana sono il sicuro viatico per la zona  rossa, per ulteriori danni economici e soprattutto per altri  decessi”. “Noi – prosegue Melucci – abbiamo la responsabilita’  di fare tutto il possibile per evitare o quanto meno ritardare  questo scenario, ragion per cui stiamo preparando una nuova  ordinanza, coinvolgeremo oggi stesso le associazioni di  categoria. Serve ovviamente la collaborazione di tutti”.  (AGI)Ta1/Ros (Segue)  111435 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: NARDELLA “ECCESSO PROTAGONISMO REGIONI E’ PROBLEMA”  ZCZC IPN 365  REG –/T   CORONAVIRUS: NARDELLA “ECCESSO PROTAGONISMO REGIONI E’ PROBLEMA”  FIRENZE (ITALPRESS) – “L’eccesso di protagonismo delle Regioni  puo’ essere un problema. L’impalcatura si regge se c’e’ un  principio di leale collaborazione, io vedo che c’e’ la voglia di  svettare di protagonismo politico che poco ha a che fare con la  leale collaborazione tra Stato e Regioni”. Lo ha detto il sindaco  Dario Nardella ai microfoni di ‘Rainews24′. “E’ un problema  complessivo – ha aggiunto Nardella – Non e’ una questione di  destra o di sinistra ma di approccio, di visione della classe  dirigente che di fronte ad un’emergenza deve farsi vedere unita  davanti ai cittadini”. “C’e’ un problema di classe dirigente – ha  proseguito Nardella – I partiti non fanno piu’ selezione di classe  dirigente da una vita, non c’e’ piu’ formazione politica: io vengo  da una esperienza amministrativa ma se non fosse stata per quella  nessuno mi avrebbe detto come mi sarei dovuto comportare di fronte  alla responsabilita’ di gestire la cosa pubblica. E’ un problema  gigantesco, purtroppo nell’emergenza questi nodi vengono al  pettine. Ci stiamo accorgendo che la classe dirigente del nostro  paese spesso non e’ all’altezza ed e’ quello di cui si accorgono i  cittadini”.   (ITALPRESS) – (SEGUE).  lc/fil/red  11-Nov-20 14:39  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: GIANI “SBAGLIATO PARLARE DI ZONA ROSSA IN BASE SENSAZIONI”  ZCZC IPN 367  REG –/T   CORONAVIRUS: GIANI “SBAGLIATO PARLARE DI ZONA ROSSA IN BASE SENSAZIONI”  FIRENZE (ITALPRESS) – “Sarebbe sbagliato che il politico sulla  base del sentiment, della sua sensazione, dicesse “Andiamo in zona  gialla o in zona rossa”, visto che siamo in zona arancione. Io  ritengo che questa procedura dettata dal Dpcm e’ corretta e quindi  io saro’ persona che si colloca nel suo ruolo rispettando quello  dei tecnici. Saranno loro che attraverso gli indicatori ci diranno  quale e’ la collocazione adatta per gestire la nostra regione”. Lo  ha detto il presidente della regione Toscana, Eugenio Giani, a chi  gli ha chiesto un commento alle dichiarazioni del sindaco di  Firenze, Dario Nardella, che ha parlato di un suo timore che la  Toscana possa scivolare nei prossimi giorni in zona rossa, e  contemporaneamente da altre parti si parli di un imminente  lockdown totale nazionali.   (ITALPRESS) – (SEGUE).  lc/fil/red  11-Nov-20 14:41  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 AIDS: GORI (BERGAMO), ‘COVID RISCHIA DI METTERE IN OMBRA LOTTA A HIV, IMPEGNIAMOCI’ =  ADN0942 7 CRO 0 ADN CRO NAZ        AIDS: GORI (BERGAMO), ‘COVID RISCHIA DI METTERE IN OMBRA LOTTA A HIV, IMPEGNIAMOCI’ =        Il sindaco, ‘siamo dal 2019 in rete Fast track cities, raggiunti  obiettivi e puntiamo a superarli’        Milano, 11 nov. (Adnkronos Salute) – “Covid rischia di mettere in   ombra altre patologie. Nel caso dell’Hiv i medici e i reparti   interessati sono le Malattie infettive, gli stessi di Covid, è ancora   più alto questo rischio di ritardo di diagnosi, difficoltà di accesso   alle strutture sanitarie, nell’aggancio precoce, nel mantenimento   della terapia e sul ricovero ospedaliero. Rinnovo l’invito alle   autorità sanitarie, perché gli standard minimi di cura non siano   pregiudicati”. A sottolinearlo è stato Giorgio Gori, sindaco di   Bergamo, intervenuto al webinar organizzato da Gilead, Anci e   Fondazione The Bridge sulle città anti-hiv, dal titolo ‘Fast Track   Cities – un progetto di valore per la Public Health’.        “Siamo impegnati su un fronte terribile” che è la lotta al coronavirus  Sars-CoV-2, ammette Gori, “ma non è una sufficiente motivazione per   trascurare gli altri malati”. Quest’anno, “dal 20 al 27 novembre   Bergamo parteciperà per la prima volta alla European Testing Week”,   nata per spingere in alto i numeri di chi si sottopone volontariamente  a test per Hiv ed epatite C. “Consente di rinnovare l’impegno” per la   diagnosi precoce “ed è ancora più importante quest’anno” alla luce   dell’emergenza Covid, osserva il primo cittadino.        Il sindaco fa il punto sull’esperienza della sua Bergamo nella rete   internazionale delle cosiddette ‘Fast Track Cities’, alla quale ha   aderito nel marzo del 2019. E’ partita da allora una collaborazione   con le realtà attive nella lotta all’Hiv e un’attività mirata per   esempio alle tossicodipendenze, al mondo della prostituzione,   all’educazione nelle scuole, alla diffusione dei test rapidi nei   luoghi del divertimento. “Abbiamo fatto partire il progetto ‘Friendly   test’ ed è nato un portale per rispondere alla missione di far   emergere il sommerso. C’è stata anche sensibilizzazione fra gli   studenti con un concorso per una campagna che partirà fra qualche   settimana”, elenca Gori. (segue)        (Lus/Adnkronos Salute)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 14:47  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Fermo, tampone negativo, presto in servizio  ZCZC9958/SXB  XCI20316009441_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaco Fermo, tampone negativo, presto in servizio  Calcinaro ricoverato il 6 ottobre e dimesso dopo due settimane     (ANSA) – FERMO, 11 NOV –    Tampone negativo per il sindaco  di Fermo Paolo Calcinaro, dimesso lo scorso 20 ottobre  dall’ospedale cittadino dopo un ricovero iniziato il 6 ottobre  per polmonite da Covid-19. Ad annunciarlo lo stesso sindaco sul  proprio profilo Facebook “tampone di ieri: negativo. Grazie a  tutti quanti voi…e la prossima settimana conto di rientrare,  con calma, in servizio”. “Mai pensato di gioire per essere  ‘negativo'” commenta Calcinaro che dopo le dimissioni  dall’ospedale aveva anche partecipato a riunioni di giunta da  remoto’. (ANSA).       CAD  11-NOV-20 15:05 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: Nardella,se folla in weekend proporro’ limiti a piazze  ZCZC0169/SXB  XCI20316009479_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: Nardella,se folla in weekend proporro’ limiti a piazze  Sindaco Firenze: troppa gente in strada scorso fine settimana     (ANSA) – FIRENZE, 11 NOV – “Oggi abbiamo fatto il Cosp col  prefetto. Per questo fine settimana abbiamo deciso di applicare  le regole previste dalla fascia arancione quindi la chiusura di  bar e ristoranti. Se pero’ le cose vanno male e vediamo che i  comportamenti non cambiano allora io proporro’ di limitare  l’ingresso alle piazze del centro di Firenze”. Lo ha detto il  sindaco di Firenze Dario Nardella, intervenuto alla trasmissione  ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio 1.  “Gia’ lo scorso fine settimana – ha aggiunto – abbiamo avuto  molti problemi con grandi affollamenti e questo non aiuta:  bisogna limitare i contatti superflui al massimo”. Sull’ingresso  della Toscana in fascia arancione come rischio per il Covid  “secondo me non deve essere vissuto come una sconfitta ma come  uno stimolo”. (ANSA).       YUT-CG  11-NOV-20 15:13 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, mercoledì 11 novembre 2020 Covid: sindaco Gela, sgomenti per tragedia famiglia  ZCZC0217/SXB  XCI20316009500_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaco Gela, sgomenti per tragedia famiglia  (V. ‘Covid: padre, madre e figlio…’ delle 12.44)     (ANSA) – GELA, 11 NOV – “Dolore, tristezza, incredulita’.  Siamo sgomenti di fronte all’immane tragedia che ha colpito una  famiglia della nostra citta’, letteralmente spazzata via dal  Covid-19”. Lo ha detto il sindaco di Gela Lucio Greco che,  insieme alla giunta e ai consiglieri comunali ha voluto  esprimere vicinanza ai familiari dei tre gelesi – padre, madre e  figlio – uccisi dal Covid-19.     “In appena dieci giorni hanno perso, uno dopo l’altro, la  loro battaglia contro un virus che non guarda in faccia nessuno  – continua il primo cittadino – e che si e’ portato via anche uno  dei loro figli di appena 50 anni, che e’ spirato a Caltanissetta,  nello stesso ospedale in cui aveva combattuto insieme alla  madre. Fino alla fine, tutti abbiamo sperato che almeno il  padre, ricoverato al San Giovanni Di Dio di Agrigento, si  potesse salvare e potesse tornare a casa dai suoi cari, ma cosi’  non e’ stato e la notizia del suo decesso, giunta nelle ultime  ore, ci lascia attoniti,  addolorati”.     “Questo e’ il momento del dolore e del silenzio, ma voglio  esprimere tutto il mio cordoglio per l’infelice sorte di questo  nucleo familiare, non solo a titolo personale ma anche a nome  dell’intera amministrazione, del presidente del Consiglio  comunale Toto’ Sammito e di tutti i consiglieri. Stiamo vivendo  davvero una fase drammatica, e ora piu’ che mai dobbiamo restare  uniti, compatti, solidali. Dobbiamo essere comunita'”, conclude.  (ANSA).       Y9C-TE  11-NOV-20 15:16 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, mercoledì 11 novembre 2020 CORONAVIRUS: LORENZIN (PD), ‘2021 ANNO VACCINO MA PREPARARSI PER TERZA ONDINA’ =  ADN1034 7 CRO 0 ADN CRO NAZ        CORONAVIRUS: LORENZIN (PD), ‘2021 ANNO VACCINO MA PREPARARSI PER TERZA ONDINA’ =        ‘Foto weekend richiamo, città governino piazze e comportamenti’        Milano, 11 nov. (Adnkronos Salute) – “Dobbiamo aspettarci una buona   notizia come quella del vaccino” anti Covid-19, “che c’è e vediamo   quando sarà a disposizione come si potrà governarlo. Ne avremo anche   altri di vaccini e vedremo come si metteranno le cose. Ma io mi   aspetto quasi tutto il 2021 impegnato per le vaccinazioni graduali a   fasce. Questo significa che dopo la seconda ondata dobbiamo prepararci  a gestire una terza ondina” di coronavirus Sars-CoV-2. “Dobbiamo fare   in modo che sia un’ondina e non un’ondata”. A sottolinearlo è stata   l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, oggi durante il webinar   organizzato da Gilead, Anci e Fondazione The Bridge sulle città   anti-hiv, dal titolo ‘Fast Track Cities – un progetto di valore per la  Public Health’.        “Dobbiamo dunque attivare meccanismi a fisarmonica e di controllo che   ci permettano di vivere a virus circolante – evidenzia la responsabile  nazionale Sanità del Pd – Stiamo imparando lezioni sulla carne viva e   in questo contesto abbiamo bisogno di rafforzare i sistemi di   controllo” del virus. “E il sindaco qui diventa determinante. Non è   uno scaricabarile, ma una condivisione di responsabilità. Lo Stato non  deve lasciare il sindaco da solo, ma si devono aiutare i sindaci ad   aiutarci, ad assumere decisioni monitorandole sul campo”.        Con Covid-19, prosegue Lorenzin, “la città diventa indispensabile. Non  ce la facciamo, se non governiamo anche piazze e comportamenti. Le   foto di questo weekend” di assembramenti vari, scattate in diverse   regioni d’Italia, “mostrano situazioni in cui è come se Covid non ci   fosse. Dovremmo analizzare anche la reazione psicologica della massa,   ma in qualche modo dobbiamo governarla o diventa un grosso problema”. (segue)        (Lus/Adnkronos Salute)  ISSN 2465 – 1222  11-NOV-20 15:19  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

BUCCI, Il Foglio

BUCCI, La Repubblica Genova

CASTRONOVO, Le città dopo il Covid, Il Sole 24 Ore

CONTE, La Stampa

CONTROLLI PIU’ STRETTI, Corriere

ECONOMIA CIRCOLARE, GRANDE OCCASIONE, Francesco Bruno, MF

FONDI PER I RIFIUTI, SCIPPO AL SUD, Il Mattino

GARATTINI, Sugli anticorpi monoclonali, Qn

GIANI, Tocca allo Stato, Corriere Fiorentino

I MUNICIPI AL GOVERNO, RIFINANZIARE I BUONI SPESA, Italia Oggi

PM10, l’ARIA NON E’ CAMBIATA PER L’ITALIA, Avvenire

VERSO UNA ZONA ROSSA PER TUTTA L’ITALIA, Domani

 

Precedente

ENERGIA, CLIMA, GREEN FINANCE, GLI IMPEGNI DEL MINISTRO DELL’AMBIENTE SERGIO COSTA AGLI STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY

Successivo

ENTI LOCALI, PAREGGIO DI BILANCIO 2020. DECRETO DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL’INTERNO