IN GAZZETTA UFFICIALE I CRITERI E LE MODALITÀ DI GESTIONE DEL FONDO PER LA FILIERA DELLA RISTORAZIONE

A waiter, wearing a face mask, walks past the only occupied by clients table terrace in a restaurant in the center of Milan, Italy, 27 October 2020. Smartworking, now used by many companies as a Covid containment measure, is impacting dramatically on the catering economy.ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Pubblicato, nella G.U. n. 285 del 2020, il D.M. 27 ottobre 2020 del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali recante “Criteri e modalità di gestione del Fondo per la filiera della ristorazione”.

Il Fondo per la filiera della ristorazione è finalizzato alla erogazione di un contributo a fondo perduto ed ha il fine di sostenere la ripresa e la continuità dell’attività degli esercizi di ristorazione ed evitare gli sprechi alimentari attraverso l’utilizzo ottimale delle eccedenze anche causate da crisi di mercato.

Vengono, dunque, definiti i i criteri e le modalità di ripartizione delle risorse del Fondo e in particolare:

  • i criteri per la concessione dell’aiuto individuale ai soggetti beneficiari e la relativa entità dello stesso;
  • la procedura per l’ammissione all’aiuto;
  • i criteri di verifica e le modalità per garantire il rispetto del limite massimo dell’aiuto.

Per l’anno 2020 le risorse del Fondo ammontano a 600 milioni di euro che costituisce limite di spesa.

da politicheagricole.it

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. Decreto Fondo Filiera ristorazione

Precedente

FLESSIBILITÀ ORARIA COME MISURA ANTI-COVID: DALL’ARAN LA SOLUZIONE PER SCRIVERE I CONTRATTI INTEGRATIVI

Successivo

LEGITTIMITÀ DELL’AFFIDAMENTO DI FORNITURA DI BUONI SPESA A CAUSA DELL’EMERGENZA DA COVID-19 DISPOSTO DA ROMA CAPITALE. SENTENZA DEL TAR LAZIO