Centri di raccolta dei rifiuti: nuove istruzioni del Ministero dell’Ambiente per Regioni e Comuni

La Direzione per l’Economia Circolare del Ministero dell’Ambiente ha diramato una importante nota esplicativa sul conferimento dei rifiuti di origine domestica nei centri di raccolta comunali.

Le istruzioni si sono rese necessarie a seguito del nuovo regime di classificazione dei rifiuti urbani e speciali introdotto dal D. Lgs. n. 116/2020.

Il decreto legislativo del 3 settembre 2020, n.116, di recepimento della direttiva (UE) 2018/851, nel definire il rifiuto urbano, ha di fatto trasposto nell’ordinamento giuridico nazionale quanto indicato all’articolo 1 della medesima direttiva con la finalità di:

rafforzare gli obiettivi della direttiva 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio relativi alla preparazione per il riutilizzo e al riciclaggio dei rifiuti, affinché riflettano più incisivamente l’ambizione dell’Unione di passare ad un’economia circolare”.

Il decreto ha inoltre precisato che la suddetta definizione è introdotta:

“al fine di definire l’ambito di applicazione degli obiettivi di preparazione per il riutilizzo e riciclaggio nonché le relative norme di calcolo”.

I rifiuti prodotti in ambito domestico e, in piccole quantità, nelle attività “fai da te”, possono essere quindi gestiti alla stregua dei rifiuti urbani ai sensi dell’articolo 184, comma 1, del d.lgs. 152/2006. E, pertanto, potranno continuare ad essere conferiti presso i centri di raccolta comunali, in continuità con le disposizioni del Decreto Ministeriale 8 aprile 2008 e s.m.i, recante “Disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato”.

Resta ferma la disciplina dei rifiuti speciali prodotti da attività di impresa di costruzione e demolizione nei casi di intervento in ambito domestico di imprese artigianali, iscritte nella categoria 2-bis dell’Albo Gestori Ambientali (produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonché i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti trenta chilogrammi o trenta litri al giorno di cui all’articolo 212, comma 8, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).

da lentepubblica.it

Rifiuti da costruzione e demolizione Ministero dell’Ambiente: Nota esplicativa 2 febbraio 2021

Precedente

Il Covid interrompe la crescita di imprese femminili: a fine 2020 sono 4mila in meno rispetto al 2019. La pandemia colpisce soprattutto le attività delle under 35

Successivo

Sindaci e FIAB insieme per promuovere la mobilità ciclabile. Firmato da Ricci, Tursi e Casciano il protocollo ALI-FIAB per promuovere l’uso della bici