Assemblea nazionale ALI 2021. Nella seconda giornata gli interventi di Bonaccini, Corrado, Lepore e i Sindaci Gori e Biffoni

Nella seconda giornata dell’ assemblea nazionale ALI tanti gli interventi programmati e il dibattito sui temi del Recovery, della velocità e del rapporto tra Regioni e Comuni.

Stefano Bonaccini Presidente della Regione Emilia Romagna  afferma che mai come oggi c è bisogno di una forte collaborazione tra centro e periferia. E cita, come esempio  virtuoso, il Patto per il lavoro e per il clima condiviso e scritto con le parti sociali e con il coinvolgimento di  55 soggetti pubblici e privati.  Quando hai la pace sociale in un territorio– sottolinea il Presidente-  ti  senti più forte nel fare le scelte. Per quanto riguarda la velocità questa non può essere disgiunta dalla bontà dei progetti messi in campo, ogni proposta se arriva tardi non è più efficacie. Per questo è necessario semplificare ma è altrettanto importante concertare e farlo nei tempi previsti. Serve una sinergia molto forte- prosegue Bonaccini-  e la Regione la deve garantire per evitare che si arrivi ad nuovo centralismo nei confronti dei Comuni.

La transizione digitale è un altro punto fondamentale su cui l’Emilia Romagna sta investendo tanto e che ci farà competere in europa e nel mondo. Il Pnrr- continua il Presidente-è  un’occasione straordinaria per recuperare il ritardo che abbiamo su vari settori. E la velocità serve per rispettare i tempi che ci chiede l’Europa. Ma è necessario semplificare garantendo il massimo di legalità  anche per assicurare  una vita più facile a cittadini imprese e soggetti pubblici.

L’Italia ha bisogno di stabilita’ – avverte Bonaccini -Stiamo parlando di contrastare e superare finalmente, speriamo  al piu’ presto, la pandemia sanitaria ed evitare che diventi una pandemia economica e sociale. Ci sono tutte le condizioni economiche per il Paese per ripartire, ci manca solo che dobbiamo trovarci con un governo che viene messo in crisi per ragioni interne a qualche partito.

La prospettiva del paese- conclude Bonaccini- sia quella della crescita, degli investimenti, dell’apertura dei cantieri e non quella del sussidio continuato. Noi – ricorda Bonaccini – facemmo in Emilia-Romagna il reddito di solidarieta’ tre anni prima del reddito di cittadinanza garantendo a chi non aveva una certa soglia di reddito di accedere a centinaia di euro al mese per non andare nella disperazione”.

Valentina Corrado Assessore Enti Locali della Regione Lazio racconta che stanno lavorando molto sulla transizione digitale per dotare soprattutto i piccoli comuni di servizi digitali e la regione supporta gli enti in questo percorso. Nell’ottica della velocità la Regione Lazio sta attuando l’agenda per la semplificazione ed eliminando gli adempimenti e le autorizzazioni non necessarie. Non bisogna perdere tempo-continua l’Assessora-per assecondare la ripartenza e in questo le Regioni devono essere di supporto agli enti locali per contribuire alla riduzione dei tempi. Abbiamo creato un fondo per la prevenzione del dissesto finanziario dei comuni – evidenzia Valentina Corrado- ben  3 milioni  di euro fondamentali per quelle piccole e medie realtà che spesso non possono spendere risorse di fondamentale importanza per assicurare i servizi essenziali. Quando parliamo del supporto agli eell- conclude l’Assessora-  parliamo di interventi concreti come questi.

Giorgio Gori Sindaco di Bergamo spiega che qualunque sindaco sperimenta come la questione della velocità fa la differenza ed è giusto riferirla al Pnrr. Ma c’è anche un tema legato alla legittimazione della politica,  per  una politica che passa dalle parole ai fatti in tempi ragionevoli. Abbiamo bisogno di ridurre i passaggi e poi c’è un tema complessivo di cambiamento del sistema autorizzativo . L’ efficienza della pubblica amministrazione è prioritaria  per servire di più e meglio i cittadini e gli strumenti che abbiamo a disposizione oggi per premiare chi lavora meglio non sono sufficienti. Per quanto riguarda i rapporti tra politica e amministrazione, senza buona gestione non c’è politica e quel pezzo lì non è tra la nostra responsabilità, precisa Gori.  Sulle riforma istituzionali e autonomie locali Gori ritiene che il nome più appropriato per definire l’attuale situazione dei Comuni  sia dipendenze locali, proprio per la mancanza di autonomia e la finanza derivata. Il Sindaco conclude enunciando tre punti su cui bisogna lavorare: riportare le regioni al loro ruolo, rafforzare le province, potenziare i Comuni.

Matteo Lepore Assessore alla cultura e turismo del Comune di Bologna evidenzia che i Comuni hanno bisogno di poteri e responsabilità e i territori devono essere protagonisti, devono essere dotati di strumenti e nuove tutele. L’Assessore del capoluogo emiliano ringrazia, infine,  per aver ricordato Patrick Zaki che per la città è un simbolo dei diritti umani perché Bologna è costruita da sempre dalle persone che la scelgono per motivi di studio e di lavoro. Per la città offrire opportunità  a chi decide di stabilirsi è una vera e propria missione. Proprio per questo- conclude l’Assessore-  dobbiamo investire nei territori dando ai territori la possibilità di costruire diritti civili e sociali.

Matteo Biffoni  Sindaco del comune Prato nel suo intervento lancia la proposta di promuovere un nuovo Patto perché altrimenti risulta difficile riuscire  a spendere anche l’ordinario. Sulle riforme istituzionali anche Biffoni ritorna sul rafforzamento delle Province e sulle esigenze di semplificazione per assicurare investimenti efficaci orientati alla crescita dei nostri territori e del Paese.

Precedente

Assemblea nazionale ALI, il secondo e ultimo giorno di lavori. Il programma di oggi

Successivo

Assemblea nazionale ALI 2021. Velocità e Sapere con gli interventi del Ministro Bianchi, Catizone e i Sindaci Falcomatà e Barnini