TAR Brescia. Protezione internazionale, con il nuovo corso fari puntati sui costi dell’accoglienza infinita

Nell’ambito dell’ampio dibattito politico che anima l’analisi dell’azione del Governo e, in particolare, del Ministro dell’Interno Salvini, una parte di rilievo è da attribuire ai provvedimenti assunti in materia di immigrazione e alle conseguenze derivanti dalla loro applicazione. Sono sotto stretta osservazione i tribunali civili e penali, talvolta accusati dallo stesso Ministro di assumere decisioni aventi un carattere ideologicamente «orientato».Si pensi alla sentenza di Bologna in tema di iscrizione nell’anagrafe comunale, ai ricorsi proposti avverso i bandi prefettizi. TAR_Brescia___Sezione_II__Sentenza_n_407_2019.pdf

Precedente

Corte dei Conti. Danno erariale al sindaco che dà la posizione organizzativa prima del pensionamento

Successivo

StartUP Tunisia, aiutiamoli a casa loro in modo nuovo