Oggi i Sindaci hanno detto…

z ANSA INTERREGIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Nel 2019 559 atti intimidatori contro amministratori locali ZCZC1136/SX4 XCI58187_SX4_QBXI U POL S04 QBXI Nel 2019 559 atti intimidatori contro amministratori locali Rapporto ‘Avviso pubblico’, colpiti 336 Comuni in tutta Italia    (ANSA) – ROMA, 22 GIU – Nel 2019 sono stati censiti 559 atti intimidatori, di minaccia e violenza nei confronti degli amministratori locali, uno ogni 15 ore: 83 le province coinvolte e 336 i Comuni colpiti, dato piu’ alto mai registrato. E’ quanto emerge dal rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ realizzato da Avviso pubblico, che evidenzia come per la seconda volta siano stati censiti atti intimidatori in tutte le regioni italiane.    Tra le regioni piu’ colpite, si conferma in testa la Campania (92 casi), mentre la Lombardia e’ prima tra le regioni non meridionali (46 casi). Un sindaco, di un Comune superiore ai 20mila abitanti di un territorio a tradizionale presenza mafiosa, che viene aggredito fisicamente o a cui viene bruciata l’auto parcheggiata nei pressi dell’abitazione: questo l’identikit dell’amministratore sotto tiro.    Il 61% del totale dei casi (342) si e’ registrato al Sud, il resto (217) al Centro-Nord, dove si riscontra un aumento del 5,5% rispetto al 2018. Aumentati i casi complessivi al Nord (da 102 a 147), mentre si registra un calo al Centro (70 casi). (ANSA).      NE 22-GIU-20 12:00 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ADN Kronos, lunedì 22 giugno 2020 **ENTI LOCALI: AVVISO PUBBLICO, SINDACO DOVE C’E’ MAFIA, IDENTIKIT AMMINISTRATORE SOTTO TIRO** = ADN0466 7 CRO 0 ADN CRO NAZ        **ENTI LOCALI: AVVISO PUBBLICO, SINDACO DOVE C’E’ MAFIA, IDENTIKIT AMMINISTRATORE SOTTO TIRO** =        Roma, 22 giu. (Adnkronos) – E’ un sindaco di un Comune superiore ai 20mila abitanti di un territorio a tradizionale presenza mafiosa, che viene aggredito fisicamente o a cui viene bruciata l’auto parcheggiata nei pressi dell’abitazione. Ecco l’identikit dell’amministratore sotto tiro, secondo quanto emerge dal rapporto ‘Amministratori sotto tiro’, realizzato da Avviso Pubblico, che censisce i casi di minacce e di intimidazioni ai danni degli amministratori locali e del personale della Pubblica amministrazione avvenuti nel corso dell’anno 2019.        (Sod/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 12:05 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Italpress, lunedì 22 giugno 2020 CORRUZIONE: TREZZI RIMETTE DELEGA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO ZCZC IPN 163 CRO –/T CORRUZIONE: TREZZI RIMETTE DELEGA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO MILANO (ITALPRESS) – Con una lettera datata 19 giugno e indirizzata al sindaco metropolitano, Giuseppe Sala, la consigliera delegata alla Mobilita’, Siria Trezzi, ha rimesso le deleghe presso la Citta’ Metropolitana di Milano a seguito della vicenda giudiziaria che la vede coinvolta. E’ quanto si legge in una nota della Citta’ Metropolitana di Milano. L’ex sindaco PD di Cinisello Balsamo e’ infatti stata arrestata tre giorni fa insieme al marito con l’accusa di corruzione. (ITALPRESS). mig/vbo/r 22-Giu-20 12:12 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AGI, lunedì 22 giugno 2020 Musica: Muti apre il Ravenna Festival, “un atto di coraggio” = AGI0308 3 SPE 0 R01 / Musica: Muti apre il Ravenna Festival, “un atto di coraggio” = (AGI) – Ravenna, 22 giu. – “Ravenna non dimentica del suo passato e del suo ardore ed e’ la prima a dare inizio di nuovo alla musica”. Cosi’ il maestro Riccardo Muti ha introdotto ieri sera la prima serata del Ravenna Festival andata in scena con il primo concerto sinfonico con pubblico in Italia dopo l’emergenza sanitaria. “E’ un atto di coraggio, e’ un atto importante”, ha aggiunto, elogiando il capoluogo romagnolo, le istituzioni locali e nazionali. Tra rigide misure di sicurezza, nella cinquecentesca Rocca Brancaleone, erano presenti, tra i 300 del pubblico, la presidente del Senato Casellati, il ministro Franceschini, il presidente regionale Bonaccini e il sindaco De Pascale. Muti era accompagnato dall’Orchestra giovanile Cherubini. (AGI)Bo2/Dan (Segue) 221214 GIU 20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ADN Kronos, lunedì 22 giugno 2020 ENTI LOCALI: CAFIERO DE RAHO, ‘SINDACI PRESIDIO FONDAMENTALE CONTRO LE MAFIE DOPO IL COVID’** (3) = ADN0504 7 CRO 0 ADN CRO NAZ        ENTI LOCALI: CAFIERO DE RAHO, ‘SINDACI PRESIDIO FONDAMENTALE CONTRO LE MAFIE DOPO IL COVID’** (3) =        (Adnkronos) – I dati del Rapporto di Avviso Pubblico segnalano un forte aumento delle intimidazioni al Nord. “È proprio la fermezza dei comportamenti di alcuni pubblici amministratori che induce le mafie all’intimidazione – dice Cafiero de Raho -. Lo abbiamo ripetuto più volte che oggi la strategia delle mafie è quella della sommersione, del silenzio, dell’infiltrazione senza utilizzare gli strumenti tradizionali della violenza o delle forme di diretta o indiretta intimidazione. Oggi per loro è più facile utilizzare la corruzione o il ‘premio’ per determinate attività, o comunque una corrispondenza economica. Se invece ci troviamo di fronte ad azioni violente è evidente che si è arrivati all’extrema ratio, quella situazione di fronte alla quale le mafie non hanno nessun’altra alternativa che utilizzare l’intimidazione, la minaccia aperta. Ed è questa, sotto un certo profilo, anche conseguenza della dirittura morale con cui alcuni pubblici amministratori portano avanti il loro impegno. È il senso del loro impegno. La Magistratura, le prefetture, la società civile devono essere al fianco di coloro che rischiano la propria persona e la famiglia, pur di portare avanti un disegno di legalità. Questo è un dovere fondamentale”.        Il 23 novembre saranno 40 anni dal terribile terremoto che devastò Campania e Basilicata. “È stato il periodo in cui la camorra ha compiuto un vero e proprio salto di qualità. Da una camorra violenta sul territorio, con estorsioni e usura, è diventata una camorra imprenditrice, con proprie società e imprese. Dalle attività propriamente criminali si è passati all’infiltrazione nell’economia e all’acquisizione degli appalti, all’edilizia, alle costruzioni, dove la spesa pubblica è più alta. Le mafie entrano laddove c’è più possibilità, più opportunità, più occasioni per intercettare flussi di denaro pubblico. Quaranta anni fa, proprio in occasione del terremoto ci fu chi provò ad apporsi agli affari mafiosi, come il sindaco di Pagani, Marcello Torre, che pagò con la vita la sua scelta. Disse no ai clan e venne ucciso. Ancora una volta emerge il ruolo fondamentale che la politica può e deve avere, soprattutto quella locale. Se questo oggi è il fronte più importante? È un fronte certamente delicato ma sono passati quaranta anni da allora e le cose in parte sono cambiate”, aggiunge il procuratore. (segue)        (Vab/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 12:17 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Dire Nazionale, lunedì 22 giugno 2020 REGIONALI MARCHE. “MANGIALARDI CORRE, LASCI ANCI”, LEGA IN PIAZZA DIR0688 3 POL 0 RR1 N/POL / DIR /TXT REGIONALI MARCHE. “MANGIALARDI CORRE, LASCI ANCI”, LEGA IN PIAZZA IL 27 E 28 GIUGNO RACCOLTA FIRME: “STOP COLLEZIONISTA POLTRONE’ (DIRE) Ancona, 22 giu. – Lega in piazza per chiedere le dimissioni del presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi. Non e’ opportuno, a detta del Carroccio, che il candidato governatore del centrosinistra alle elezioni regionali ricopra ancora quell’incarico istituzionale. “Il 27-28 giugno la Lega scendera’ in tutte le piazza delle Marche con una raccolta firme per chiedere le dimissioni di Mangialardi da tutti gli incarichi istituzionali, in particolare dalla presidenza regionale di Anci, l’associazione nazionale dei comuni, che e’ un organismo super partes senza connotazione politica- spiega in una nota il commissario regionale della Lega Riccardo Augusto Marchetti- In questa occasione, la prima dopo il lockdown, la Lega dara’ il via anche alla campagna di tesseramento 2020”. Secondo Marchetti la Lega raccoglierebbe le perplessita’ manifestate da molti sindaci e amministratori locali. “Saremo in tutte le piazze della Regione per chiedere al candidato governatore della sinistra di dimettersi da tutti gli incarichi istituzionali che riveste- continua Marchetti- oltre a essere sindaco di Senigallia, e’ attualmente presidente regionale di Anci, presidente Unione dei comuni della Marca Senone, presidente della conferenza dei sindaci Area vasta e presidente ambito territoriale sociale. Per questa ragione chiederemo a tutti i cittadini delle Marche di fermare con una firma il ‘collezionista di poltrone’ Mangialardi impedendogli di utilizzare il suo ruolo superpartes come vetrina per la campagna elettorale da governatore di parte”. Il parlamentare umbro parla di un vero e proprio “conflitto di interesse che inficia la credibilita’ di un organismo istituzionale e di garanzia come e’ Anci pertanto deve essere al piu’ presto risolto”.    (Luf/ Dire) 12:39 22-06-20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – z ANSA INTERREGIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Lamorgese, aumento minacce a amministratori locali, denunciare ZCZC1509/SX4 XCI58653_SX4_QBXI R POL S04 QBXI Lamorgese, aumento minacce a amministratori locali, denunciare (V. “Nel 2019 559 atti intimidatori contro…” delle 12)    (ANSA) – ROMA, 22 GIU – Gli atti intimidatori contro gli amministratori locali “costituiscono una tematica attuale di estrema delicatezza, specie in questa fase del emergenza Covid. Il fenomeno e’ in crescita e richiede attenzione perche’ i sindaci e gli amministratori rappresentano il punto di riferimento immediato per le comunita’ provate dagli effetti della pandemia”. Lo ha detto la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, intervenendo alla presentazione del rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ realizzato da Avviso pubblico.      “L’intimidazione contro un sindaco – ha sottolineato Lamorgese – non solo e’ un’offesa alla comunita’, ma e’ una lesione dei valori alla base del vivere civile, del principio democratico”. La ministra ha quindi invitato gli amministratori “a denunciare gli episodi per erodere la cosiddetta ‘cifra oscura’: noi dobbiamo conoscere per poter intervenire”.    L’Osservatorio sul tema del Viminale indica 654 episodi avvenuti nel 2019 (+11% rispetto al 2018), di cui “ben 347 di origine ignota”. Lo Stato, ha concluso la ministra, “deve essere vicino agli amministratori locali minacciati e deve dimostrarlo con maggiore concretezza”. (ANSA).      NE 22-GIU-20 12:56 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Dire Nazionale, lunedì 22 giugno 2020 CORONAVIRUS. REGGIO CALABRIA, FALCOMATÀ: VICINI A COMUNITÀ DI PALMI /VIDEO DIR0807 3 POL 0 RR1 N/POL / DIR MVD/TXT CORONAVIRUS. REGGIO CALABRIA, FALCOMATÀ: VICINI A COMUNITÀ DI PALMI /VIDEO “FASE DUE NON SIGNIFICA FINE DEL PERICOLO CONTAGIO, RISPETTARE REGOLE” (DIRE) Reggio Calabria, 22 giu. – “Massima vicinanza alla comunita’ di Palmi, al sindaco Ranuccio e a tutta l’amministrazione. C’e’ la nostra totale ed incondizionata disponibilita’ nell’essergli vicino per tutte le iniziative che si vorranno intraprendere. Bene la scelta di chiudere al fine di evitare un aumento possibile del focolaio”. Cosi’ alla Dire il sindaco metropolitano di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomata’, in merito all’istituzione di una zona rossa di contenimento della diffusione del Covid-19 sul territorio di Palmi.    “Questa situazione – ha aggiunto – ci ricorda ancora una volta che la Fase 2 non significa che siamo usciti dal pericolo contagio. Significa che dobbiamo tenere ancora di piu’ comportamenti responsabili perche’ ne usciremo soltanto quando verra’ trovato il vaccino. Fino ad allora – ha concluso il sindaco – occorrono occhi aperti e grande rispetto per le misure di distanziamento sociale e di divieto di assembramento”.    (Mav/Dire) 13:00 22-06-20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AskaNews, lunedì 22 giugno 2020 Gori: con Brescia costruiamo il futuro su lavoro e solidarietà Gori: con Brescia costruiamo il futuro su lavoro e solidarietà Il sindaco di Bergamo e la candidatura a Capitale Cultura 2023 Milano, 22 giu. (askanews) – “Penso che le difficoltà hanno avvicinato le comunità di Bergamo e Brescia. C’è un intreccio profondo tra le nostre due comunità, sarà perché abbiamo attraversato entrambi una tragedia di proporzioni maggiori rispetto a quasi tutti gli altri territori italiani. I valori di lavoro e solidarietà oggi sono molto presenti ai cittadini e sono le risorse sulle quali costruire il futuro”. Lo ha detto il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, nel corso di una conferenza stampa digitale di UBI Banca sulla candidatura di Bergamo e Brescia, insieme, al ruolo di Capitale italiana della Cultura 2023. “Abbiamo insieme ritenuto – ha aggiunto Gori – che il campo della cultura sia quello nel quale possiamo guadagnare un elemento di traino potente per i prossimi anni. E avere messo al 2023 il traguardo ci aiuta a fare un percorso strutturato insieme. Da soli non lo potremmo fare, perché istituzioni e fondazioni culturali sono uscite malconce dal lockdown e dalle attuali prescrizioni”. Lme 20200622T130540Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – z ANSA CALABRIA, lunedì 22 giugno 2020 Cultura: Care’, Tropea sia Capitale italiana 2022 ZCZC5296/SXR OCZ20174004568_SXR_QBXU R POL S45 QBXU Cultura: Care’, Tropea sia Capitale italiana 2022    (ANSA) – TROPEA, 22 GIU – “Il mio auspicio e’ che la classe politica calabrese sia coesa e determinata affinche’ si realizzi un importante obiettivo: Tropea, capitale italiana della cultura 2022”. Lo afferma Nicola Care’ deputato di Italia Viva.    “La segreteria generale del Mibact – prosegue – ha comunicato che il dossier candidatura dovra’ essere presentato entro il 31 luglio 2020. Successivamente una giuria di fama internazionale scegliera’ i 10 progetti finalisti entro il 12 ottobre 2020 e per il 12 novembre 2020 si conoscera’ la citta’ vincitrice della selezione. Questo iter e’ stato appositamente rimodulato a seguito dell’emergenza Covid-19. Con il decreto Rilancio del 19 maggio 2020, infatti, e’ stata decretata la prosecuzione delle attivita’ culturali di Parma, eletta capitale italiana della cultura per il 2020, anche per il 2021, scelta dettata dall’impossibilita’ di attuare nell’anno in corso il programma previsto. La nomina di Tropea, capitale italiana della cultura per il 2020 sarebbe un riconoscimento giusto, di indiscusso valore e garantirebbe un indotto di estrema rilevanza per l’economia calabrese. Oltre allo splendido mare, che quest’anno ha ottenuto la bandiera blu per l’educazione ambientale, alle splendide spiagge della ‘Costa degli Dei’, Tropea vanta un enorme patrimonio storico-culturale e paesaggistico che la pongono come meta internazionale di assoluto prestigio per i numerosissimi turisti”.    “Per questo – conclude Care’ – sosteniamo il sindaco di Tropea Giovanni Macri’ nella realizzazione di quest’obiettivo affinche’ questo sogno, che potra’ avere il coinvolgimento attivo dei numerosissimi calabresi all’estero, veri ambasciatori del Made in Calabria, possa concretizzarsi e costituisca il preludio per la candidatura della Locride nel 2025”. (ANSA).      COM-SGH 22-GIU-20 13:16 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AskaNews, lunedì 22 giugno 2020 Del Bono: la cultura per rilanciare il tessuto dei territorti Del Bono: la cultura per rilanciare il tessuto dei territorti Il sindaco di Brescia sulla candidatura con Bergamo per il 2023 Milano, 22 giu. (askanews) – “Al 2023 bisogna arrivare solidi e vivi, per questo stiamo lavorando per costruire davvero un appuntamento, che è molto vicino: in questi due anni dobbiamo rilanciare il nostro tessuto”. Lo ha detto il sindaco di Brescia Emilio Del Bono, nel corso di una conferenza stampa organizzata da UBI Banca sulla coandidatura comune di Brescia e Bergamo a Capitale italiana della Cultura 2023. “Io sono molto ottimista – ha aggiunto Del Bono – perché abbiamo un tessuto molto vivace, molto reattivo, sempre pronto alle sfide del cambiamento. Siamo pronti ad aiutare le nostre realtà, sia le istituzioni culturali tradizionali, sia quel magma culturale diffuso di associazioni e circoli che attraversa le nostre città”. “Ho sentito in queste settimane – ha concluso il sindaco di Brescia – un tentativo di sottovalutazione di quello che abbiamo vissuto noi, anche da parte di persone dalle quali non me lo sarei mai aspettato. Noi oggi guardiamo al futuro, ma lo facciamo partendo dalla realtà di quello che è realmente successo nei nostri territori in questi ultimi mesi”. Lme 20200622T131733Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Italpress, lunedì 22 giugno 2020 LEGALITA’: LAMORGESE “ATTI INTIMIDATORI PA TEMA ATTUALE E DELICATO” ZCZC IPN 275 POL –/T LEGALITA’: LAMORGESE “ATTI INTIMIDATORI PA TEMA ATTUALE E DELICATO” ROMA (ITALPRESS) – “Gli atti intimidatori costituiscono una tematica attuale e di estrema delicatezza, soprattutto in questa fase della vita del Paese, toccata dall’emergenza Covid-19. Il fenomeno richiede attenzione perche’ gli amministratori locali, in particolare i sindaci, rappresentano l’immediato punto di riferimento per comunita’ provate dagli effetti della pandemia”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo alla videoconferenza di presentazione del Rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ di Avviso Pubblico. “Il Governo – ha aggiunto Lamorgese – ha cercato di muoversi con celerita’ anche su questo aspetto, attivando una serie di linee di finanziamento per gli enti locali. Tra queste, quelle che sicuramente sono arrivate con immediatezza sono i 400 milioni per l’emergenza alimentare”. Il ministro Lamorgese ha poi parlato della necessita’ di “celerita’ nel dare i contributi perche’ da li’ nasce il disagio sociale. Il tema dell’usura – ha detto – puo’ prendere il sopravvento in questo momento. Un atto di intimidazione nei confronti di un sindaco o di un presidente di Regione non solo costituisce un’offesa all’amministrazione e alla comunita’, ma rappresenta una lesione dei valori che sono alla base del vivere civile e del principio democratico” (ITALPRESS) – (SEGUE). ym/fag/red 22-Giu-20 13:48 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ANSA NAZIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Decaro, sindaci piu’ esposti malcontento, spesso lasciati soli ZCZC1829/SXA XCI59138_SXA_QBXB R POL S0A QBXB Decaro, sindaci piu’ esposti malcontento,spesso lasciati soli (V. “Nel 2019 559 atti intimidatori contro…” delle 12)    (ANSA) – ROMA, 22 GIU – “Nel nostro Paese fare l’amministratore pubblico e’ molto rischioso, soprattutto se lo si fa con disciplina ed onore come prevede la nostra Costituzione ed i sindaci sono il terminale piu’ esposto e sensibile della Repubblica”. Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, intervenendo alla presentazione del rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ realizzato da Avviso pubblico.    “Il rapporto – ha spiegato Decaro – rileva la presenza ingombrante dell’Antistato, che non e’ piu’ solo la criminalita’ organizzata, ma la corruzione, il disprezzo delle regole che alimentano sentimenti eversivi nei confronti dei valori democratici. Non e’ un caso se la maggior parte delle intimidazioni sono avvenute ad aprile, mese precedente le elezioni”.    “I sindaci – ha proseguito il presidente dell’Anci – sono gravati da responsabilita’ forse eccessive per quanto riguarda la tutela dei principi democratici. Ce ne siamo accorti durante l’emergenza Covid, quando abbiamo scontato il dissenso della cittadinanza anche rispetto allo Stato, alle ingiustizie sociali e alle paure vere o indotte. I cittadini vanno dai sindaci. Grazie ai primi aiuti stanziati dal Governo siamo riusciti a contenere la tensione sociale”.    Decaro ha quindi acceso un faro sulla condizione dei piccoli Comuni. “Io – ha ricordato – sono sotto scorta da 4 anni, ma spesso ci sono sindaci di piccoli centri minacciati e non lo sa nessuno. In quanti ad un certo punto di dimettono o non si candidano perche’ minacciati? Spesso gli amministratori si sentono soli”. (ANSA).      NE 22-GIU-20 13:49 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ADN Kronos, lunedì 22 giugno 2020 ENTI LOCALI: LAMORGESE, ‘DOMANI VERTICE SU MINACCE AI SINDACI’ = ADN0818 7 CRO 0 ADN CRO INT        ENTI LOCALI: LAMORGESE, ‘DOMANI VERTICE SU MINACCE AI SINDACI’ =        ‘Serve un livello maggiore di attenzione sul fenomeno’        Roma, 22 giu. (Adnkronos) – (di Enzo Bonaiuto) – “Domani mattina, avremo un incontro con tutti i soggetti istituzionali interessati, dall’Anci alla magistratura, dal Viminale al ministero dell’Istruzione”. E’ quanto annuncia il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, nel corso della presentazione online del rapporto ‘Amministratori locali sotto tiro’ redatto da Avviso Pubblico, a proposito delle minacce ai sindaci e ai rappresentanti degli enti locali.        “Le intimidazioni contro un sindaco, un assessore, un presidente regionale, non sono soltanto un’offesa all’amministrazione e all’intera comunità locale che rappresentano, ma anche una lesione dei valori che sono alla base del vivere civile e del principio democratico della rappresentanza politica, ne sono il fondamento”, sottolinea Lamorgese.        “Gli atti intimidatori contro i sindaci e gli amministratori locali costituiscono un aspetto di estrema delicatezza, soprattutto in questa fase della vita del nostro Paese. Il fenomeno delle minacce nei loro confronti – afferma il ministro dell’Interno – richiede un maggiore livello di attenzione, perché i sindaci rappresentano l’immediato punto di riferimento delle comunità e sono i primi attori istituzionali”. (segue)        (Bon/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 13:56 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – z ANSA INTERREGIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Fase 3: Ricci, subito risorse a cittadini o rabbia sociale ZCZC1883/SX4 XCI59158_SX4_QBXI R POL S04 QBXI Fase 3: Ricci, subito risorse a cittadini o rabbia sociale (V. “Nel 2019 559 atti intimidatori contro…” delle 12)    (ANSA) – ROMA, 22 GIU – “La parola d’ordine sia velocita’. Se le risorse stanziate dal Governo non arriveranno velocemente nelle tasche di lavoratori, imprese e famiglie avremo un’esplosione di rabbia sociale che si ripercuotera’ sui sindaci”. Lo ha detto Matteo Ricci sindaco di Pesaro e presidente di Ali (Autonomie locali italiane) intervenendo alla presentazione del rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ realizzato da Avviso pubblico.    “Durante l’emergenza Covid – ha sottolineato Ricci – il sindaco e’ ancora piu’ il punto di riferimento del cittadino per qualunque cosa, spesso al di la’ del proprio ruolo”. (ANSA).      NE 22-GIU-20 13:58 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AskaNews, lunedì 22 giugno 2020 Lamorgese: maggior livello attenzione per sicurezza Sindaci Lamorgese: maggior livello attenzione per sicurezza Sindaci Sono punto riferimento immediato per comunità Roma, 22 giu. (askanews) – La grave emergenza sanitaria che stiamo attraversando deve accentuare l’attenzione nei riguardi della sicurezza dei sindaci, spesso fatti oggetto di atti di intimidazione, proprio perché “gli amministratori locali, in particolar modo i sindaci, rappresentano l’immediato punto di riferimento per le comunità provare, appunto, dagli effetti della pandemia. Ritengo che per fronteggiare questa situazione occorre un maggior livello di attenzione”. Lo ha detto oggi il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese intervenuta nel corso della presentazione del Rapporto “Amministratori sotto tiro” redatto da Avviso Pubblico. Il ministro ha poi ricordato di essere più volte intervenuta presso i prefetti per chiedere attenzione e “di intercettare sul nascere i segnali di disagio sociale” con il governo “che ha cercato di muoversi con celerità attivando una serie di linee di finanziamento per gli enti locali e, tra questi, arrivati con immediatezza sono quelli dei 400 milioni per l’emergenza agro-alimentare. A questo si aggiungono anche altre misure poste in essere come i Decreti Crescita prima e Rilancio dopo”. La Lamorgese ha, quindi, voluto ricordare che un atto di intimidazione nei confronti di un sindaco o di un presidente di Regione “non solo costituisce una offesa all’amministrazione stessa ed alla comunità ma una lesione di valori che sono alla base del vivere civile e del principio democratico che nella rappresentanza politica trova proprio la sua più importante manifestazione”. Gci/ 20200622T141250Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ADN Kronos, lunedì 22 giugno 2020 ENTI LOCALI: DECARO (ANCI), ‘ ZONA GRIGIA HUMUS PER CRIMINALITA’, TRACCIARE LINEA BUONI E CATTIVI’ = ADN0879 7 CRO 0 ADN CRO INT        ENTI LOCALI: DECARO (ANCI), ‘ ZONA GRIGIA HUMUS PER CRIMINALITA’, TRACCIARE LINEA BUONI E CATTIVI’ =        ‘presenza ingombrante di anti-Stato non solo mafioso’        Roma, 22 giu. (Adnkronos) – (di Enzo Bonaiuto) – “La sfera della a-legalità, la ‘zona grigia’, in cui gli interessi criminali dialogano con le professioni, con le imprese, con la società civile, è un humus all’interno del quale cresce la criminalità, dai piccoli abusi ai tentativi di infiltrare la pubblica amministrazione. Occorre tracciare, come si faceva una volta a scuola, una linea che divida i buoni e i cattivi”. E’ quanto denuncia Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente dell’Anci, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani, nel corso della presentazione online del rapporto ‘Amministratori locali sotto tiro’ redatto da Avviso Pubblico sulle minacce ai sindaci e ai rappresentanti degli enti locali.        “C’è una presenza ingombrante dell’anti-Stato – denuncia Decaro – che non è formato solo dalle mafie e dalla criminalità organizzata, ma anche da vere e proprie forze sociali che, attraverso la corruzione, il disprezzo delle regole, il mancato rispetto delle istituzioni, alimentano sentimenti che sono ‘eversivi’ rispetto ai valori democratici su cui si basa la nostra Costituzione”.        Non a caso, osserva il presidente dell’Anci, “la maggior parte delle intimidazioni è rivolta propria contro gli amministratori locali; e non è un caso il fatto che il 56% delle vittime riguarda proprio loro e che per il 57% sono sindaci e per il 22% consiglieri comunali: noi siamo i terminali più esposti della Repubblica italiana, gravati da responsabilità forse anche eccessive rispetto alla tutela dei principi democratici. Spesso, si sentono soli”, avverte Decaro.        (Bon/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 14:26 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ANSA NAZIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Calcio: sindaco Lecce, partita senza pubblico e’ una sconfitta ZCZC5705/SXB XRS20174004732_SXB_QBXB R SPR S0B QBXB Calcio: sindaco Lecce,partita senza pubblico e’ una sconfitta    (ANSA) – ROMA, 22 GIU – “Considero una sconfitta il fatto che fino ad ora non si sia riusciti a trovare il modo di consentire al pubblico del calcio di assistere alla partita, almeno per una parte della capienza degli stadi, anche a fronte di altri contesti per i quali invece si e’ riusciti a trovare un compromesso tra sicurezza e diritto di partecipare a spettacoli e manifestazioni. Mi auguro che quanto prima si possa porre rimedio a questa anomalia, una delle tante di questa cosiddetta Fase 2”. E’ il post di incoraggiamento pubblicato su Facebook dal sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, alla squadra giallorossa che questa sera, dopo l’emergenza Covid, riprendera’ il campionato affrontando in casa il Milan.    “L’importante – aggiunge – e’ fare sentire il proprio calore alla squadra, nonostante il divieto di andare sugli spalti a tifare”.    “Ci attendono – prosegue – dodici finali in successione per raggiungere il traguardo atteso da tutti: la permanenza in A, dopo la splendida doppia promozione dalla serie C, che per quanto visto finora oltre che meritata e’ anche alla portata della squadra, grazie al grande lavoro svolto da Presidente, staff, allenatore, giocatori.” Intanto, conclude il sindaco, “non ci resta che gridare come sempre: via Lecce, via!”. (ANSA).     YWP-SE 22-GIU-20 14:28 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AGI, lunedì 22 giugno 2020 Israele: sindaco Tel Aviv verso via libera a unioni civili = AGI0579 3 EST 0 R01 / Israele: sindaco Tel Aviv verso via libera a unioni civili = (AGI) – Gerusalemme, 22 giu. – Nel mese dedicato all’orgoglio omosessuale, il Comune di Tel Aviv ha annunciato che permettera’ alle coppie dello stesso sesso di registrare la loro unione al Municipio e di poter godere degli stessi diritti matrimoniali riconosciuti alle coppie eterosessuali, in parte andando contro alle regole statali. Lo scrive la stampa israeliana. Il sindaco di Tel Aviv, Ron Huldai, ha affermato che la nuova politica consentira’ alle coppie di ottenere anche riduzioni fiscali per l’alloggio e altri benefici, compresi i servizi di asilo nido per i bambini. “Abbiamo deciso di sfidare il governo e consentire alle coppie di dichiarare la loro unione – ha detto pubblicamente il sindaco – speriamo che il governo entri nel XXI secolo e sostenga i diritti della comunita’ LGBT, cioe’ il diritto di sposarsi, avere pari responsabilita’ genitoriali, essere protetti dai crimini d’odio e dal bullismo e dalle discriminazioni sul luogo di lavoro”. Anche se il matrimonio omosessuale in Israele non e’ illegale, il Rabbino Capo del paese, che ha giurisdizione su tutti i matrimoni nel paese, si rifiuta di riconoscere tali unioni. (AGI)Jey/Ven (Segue) 221505 GIU 20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AGI, lunedì 22 giugno 2020 Israele: sindaco Tel Aviv verso via libera a unioni civili (2)= AGI0580 3 EST 0 R01 / Israele: sindaco Tel Aviv verso via libera a unioni civili (2)= (AGI) – Gerusalemme, 22 giu. – Le coppie che non possono o si rifiutano di avere il loro matrimonio consacrato dal Rabbino Capo, normalmente, devono recarsi all’estero (in gran parte vanno nella vicina Cipro) per registrare le loro unioni civili, interreligiose e omosessuali. Tornati in Israele, gli “sposi” registrano l’unione con il Ministero dell’interno ma nella gran parte dei casi non ottengono gli stessi benefici soprattutto economici e fiscali di coloro che si sposano invece attraverso il Rabbinato. Anche se pensata principalmente per le coppie omosessuali, la nuova legge consentirebbe pure alle coppie laiche e a coloro che si oppongono ai matrimoni religiosi di essere riconosciuti come sposati, senza dover lasciare il proprio paese per sposarsi.     Intanto il parlamento israeliano, dove quest’anno c’e’ il numero record di parlamentari omosessuali, e’ stato pero’ deciso di rinviare di un mese l’approvazione di un disegno di legge che mira a rendere illegale la pratica di conversione dei membri della comunita’ omosessuale. Se approvata, la legge renderebbe illegale la licenza di alcuni psicologi che appunto usano la terapia di conversione contro gli omosessuali. Il disegno di legge e’ stato proposto dal leader di Meretz, Nitzan Horowitz, che e’ uno dei sei attuali membri del parlamento appartenenti alla comunita’ gay. La terapia di conversione e’ un metodo con cui le persone che sono sessualmente attratte dal proprio sesso vengono sottoposte a delle cure per cambiare il loro orientamento. (AGI)Jey/Ven 221505 GIU 20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – NOVA ROMA, lunedì 22 giugno 2020 Centri estivi: Comune Latina, in arrivo fondo da oltre 273 mila euro per potenziarli NOVA0111 3 CRO 1 NOV POL Centri estivi: Comune Latina, in arrivo fondo da oltre 273 mila euro per potenziarli Roma, 22 giu – (Nova) – Il Comune di Latina risulta assegnatario di un finanziamento di 273.114,35 euro per il potenziamento dei centri estivi e dei servizi socioeducativi rivolti ai bambini tra i 3 e i 14 anni, per quanto riguarda le attivita’ educative e ricreative che si svolgeranno tra giugno a settembre 2020. La somma fa parte dei 150 milioni che il governo ha stanziato all’articolo 105 del decreto Rilancio sul fondo delle politiche per le famiglie. Lo comunica in una nota l’ente comunale. “Ci impegneremo – commenta l’assessore alla Pubblica istruzione di Latina, Gianmarco Proietti – perche’ le risorse non rappresentino solo un aiuto economico per le famiglie ma un’opportunita’ di miglioramento della qualita’ dei servizi offerti”. Nel frattempo, questa mattina, il sindaco Damiano Coletta e l’assessore Proietti hanno accolto i primi bambini e le prime bambine nel centro estivo aperto presso la scuola comunale di San Marco. E’ la prima volta a Latina che il Comune apre dei centri estivi. Oltre a quello di San Marco, totalmente a gestione comunale, ci sara’ infatti una seconda struttura affidata alla cooperativa che opera per conto dell’ente presso il nido di via Gran Sasso d’Italia. Tutta l’azione sul campo e’ coordinata e affiancata dall’azione dell’ufficio Pubblica istruzione. “Il lavoro svolto sta dando i suoi frutti – dichiara il sindaco Damiano Coletta -. Sui centri estivi e’ in corso da settimane un’attivita’ complessa e attenta da parte degli uffici della Pubblica istruzione, che ringrazio in maniera particolare. I bambini e le bambine sono stati tra i piu’ colpiti dalla pandemia e ora che le condizioni lo consentono, vogliamo fornire alle famiglie tutti gli strumenti per potere tornare a fruire dei servizi educativi. Anzi – conclude – lavoreremo duramente nel tentativo di migliorare la qualita’ dell’offerta”. (Com) NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Dire Nazionale, lunedì 22 giugno 2020 SCUOLA. RAID ALLA ‘FALCONE’, SINDACO DI PALERMO: GESTO DI CRIMINALI DIR1459 3 CRO 0 RR1 N/POL / DIR /TXT SCUOLA. RAID ALLA ‘FALCONE’, SINDACO DI PALERMO: GESTO DI CRIMINALI ORLANDO: “NON RIUSCIRANNO A MACCHIARE L’IMMAGINE DELLO ZEN” (DIRE) Palermo, 22 giu. – “I gesti di alcuni criminali incivili in cerca di visibilita’ non riusciranno a macchiare l’immagine dello Zen e del suo percorso di crescita culturale, di cui la scuola e’ uno degli assi portanti”. Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, commentando l’ennesimo atto vandalico avvenuto ai danni dell’Istituto comprensivo ‘Giovanni Falcone’, nel quartiere Zen.    “Chi compie questi atti e’ un nemico dello Zen, dei suoi bambini, delle sue famiglie e come tale deve essere trattato da tutta la comunita'”, ha aggiunto Orlando.    (Sac/Dire) 15:34 22-06-20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Italpress, lunedì 22 giugno 2020 LEGALITA’: DE CARO “SINDACI PIÙ ESPOSTI, SCONTANO DISSENSO” ZCZC IPN 449 POL –/T LEGALITA’: DE CARO “SINDACI PIÙ ESPOSTI, SCONTANO DISSENSO” ROMA (ITALPRESS) – “Gli amministratori scontano il dissenso della cittadinanza anche nei confronti dello Stato, rispetto alle ingiustizie sociali e alle paure”. Lo ha detto Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, intervenendo alla videoconferenza di presentazione del Rapporto ‘Amministratori sotto tiro’ di Avviso Pubblico, commentando le intimidazioni agli amministratori. “Dai dati del rapporto – ha aggiunto – si vede la presenza ingombrante dell’antistato che non e’ soltanto la criminalita’ organizzata, ma forze sociali che, attraverso corruzione e disprezzo per regole e istituzioni, alimentano sentimenti eversivi nei confronti dei valori democratici”. Secondo Decaro, i sindaci sono “quelli piu’ esposti perche’ gravati da responsabilita’ forse anche eccessive. Ce ne siamo accorti durante l’emergenza sanitaria, per esempio. Gli amministratori scontano – ha concluso – le loro scelte personali, ma anche scelte fatte da altri livelli istituzionali perche’ e’ al sindaco che si rivolge il cittadino” (ITALPRESS). ym/fag/red 22-Giu-20 15:34 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – AGI, lunedì 22 giugno 2020 P.a.: Ricci (Ali), minacce non caleranno in prossimi mesi = AGI0699 3 CRO 0 R01 / P.a.: Ricci (Ali), minacce non caleranno in prossimi mesi = (AGI) – Pesaro, 22 giu. – “Atti intimidatori e minacce contro i sindaci destinati a aumentare se le risorse europee e i fondi importanti stanziati dal governo non arriveranno velocemente a cittadini, imprese e lavoratori”. Cosi’ Matteo Ricci, sindaco di Pesaro e presidente di Autonomie locali italiane (Ali), che ha partecipato in videoconferenza alla presentazione del rapporto di Avviso Pubblico sugli “Amministratori sotto tiro”, con il ministro Luciana Lamorgese. “Gia’ prima il sindaco era il terminale di qualsiasi richiesta – ha spiegato -: con l’emergenza covid ha rafforzato il suo ruolo, dai cittadini e’ visto come riferimento quotidiano dello Stato e a lui si attribuisce la responsabilita’ di qualsiasi cosa”. Secondo Ricci, “se le risorse europee e i fondi importanti stanziati dal governo non arriveranno velocemente nelle tasche di lavoratori, imprese e cittadini, la rabbia sociale potrebbe avere il sopravvento, ripercuotendosi ancora su chi e’ in prima linea, ovvero sui sindaci”. (AGI) (segue) PU1     P.a.: Ricci (Ali), minacce non caleranno in prossimi mesi (2) (AGI) – Pesaro, 22 giu. – Per il sindaco di Pesaro e presidente di Ali, il rischio e’ che nelle prossime settimane, “aumenti l’odio”. Ricci stesso ne e’ stato vittima lo scorso aprile: “La lettera minatoria ricevuta si ricollega alla ricerca di un capro espiatorio”. Ma, aggiunge, “potrebbe rafforzarsi anche la criminalita’ organizzata nei territori, se lo stato non sara’ veloce a rispondere” e da qui la richiesta di “tenere alta la guardia”. Ai sindaci, ha osservato Ricci, “servono piu’ garanzie: bisogna sciogliere il nodo dell’assicurazione per gli amministratori”, un elemento ritenuto “centrale”, visto che “in molti piccoli comuni in tanti rinunciano e non si trovano neanche i candidati”. “E’ ancora troppo il divario tra indennita’ e responsabilita’ dei sindaci – ha detto ancora -. Dobbiamo continuare a garantire pari opportunita’ di accesso, non solo a chi se lo puo’ permettere”. (AGI)Pu1/Sep 221605 GIU 20 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – NOVA NAZIONALE, lunedì 22 giugno 2020 Mafie: Delrio (Pd), un sindaco minacciato ogni 15 ore, proteggiamoli per il bene di tutti NOVA0410 3 POL 1 NOV INT Mafie: Delrio (Pd), un sindaco minacciato ogni 15 ore, proteggiamoli per il bene di tutti Roma, 22 giu – (Nova) – Il capogruppo alla Camera del Partito democratico, Graziano Delrio, sui primi cittadini d’Italia afferma: “Nei giorni piu’ bui li abbiamo visti aggirarsi per strade deserte per aiutare fino all’ultimo concittadino. I sindaci – scrive su Twitter – sono un bene prezioso per le nostre comunita’. Eppure ogni 15 ore, uno e’ minacciato. Sosteniamoli e proteggiamoli per il bene di tutti”. (Rin) NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – NOVA, lunedì 22 giugno 2020 Abruzzo: Chieti, “Scuole sicure 2020-2021”, risorse importanti al Comune (2) NOVA0817 3 POL 1 NOV ECO INT Abruzzo: Chieti, “Scuole sicure 2020-2021”, risorse importanti al Comune (2) L’Aquila, 22 giu – (Nova) – “Scuole sicure e’ un insieme di azioni concrete per dire no alla droga – dichiara il sindaco, Umberto Di Primio -. In tale ottica ho voluto personalmente perorare, in sede di Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico, la bonta’ del progetto. Ringrazio il signor prefetto e i rappresentanti delle Forze dell’ordine presenti in Comitato per il supporto tecnico e per aver validato il progetto. Grazie anche alla Polizia municipale, che ha lavorato sull’iniziativa, avremo a disposizione della nostra comunita’ piu’ risorse e strumenti utili a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti in ambienti da tutelare in modo prioritario. L’iniziativa rafforza, inoltre, la collaborazione tra istituzioni scolastiche e Amministrazione comunale per potenziare il controllo e il monitoraggio del territorio. Verranno istallate telecamere in piu’ punti della citta’, che saranno messe in rete con quelle gia’ esistenti, per incrementare la sorveglianza sul territorio”. (Gru) NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – ADN Kronos, lunedì 22 giugno 2020 CORONAVIRUS: A NEW YORK RIAPRONO RISTORANTI, NEGOZI E PARRUCCHIERI = ADN1249 7 EST 0 ADN EST NAZ        CORONAVIRUS: A NEW YORK RIAPRONO RISTORANTI, NEGOZI E PARRUCCHIERI =        Solo tavolini all’aperto, poca gente farà ritorno negli uffici        New York, 22 giu. (Adnkronos) – Dopo oltre 100 giorni, New York fa un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità. Gli abitanti di una delle città più colpite negli Usa e nel mondo dalla pandemia di coronavirus, con oltre possono da oggi riprendere alcune delle loro abitudini, dopo che le autorità hanno dato il via libera alla seconda fase (su quattro) del piano di allentamento delle misure restrittive. Si potrà tornare a mangiare nei ristoranti, ma solo se avranno allestito tavoli all’aperto, così come è consentita la riapertura dei negozi, sebbene con ingressi contingentati. Riaperti anche i parchi-giochi e i parrucchieri.        Con la ‘Fase 2’ è prevista anche la riapertura di alcuni degli uffici ospitati nei grattacieli della città, anche se diverse aziende hanno già annunciato che manterranno l’attuale regime di telelavoro, almeno fino alla fine dell’estate. Il sindaco Bill de Blasio ha detto di prevedere che a partire da oggi tra i 150mila e i 300mila newyorchesi torneranno al lavoro. Un numero esiguo, rispetto ai milioni di persone che in tempi normali affollano le strade, i mezzi pubblici e i marciapiedi della città nei loro spostamenti.       In un sondaggio condotto questa settimana dalla ‘Partnership for New York City’, una delle associazioni imprenditoriali più influenti della città, 60 aziende che hanno i loro uffici a Manhattan prevedono che solamente il 10 per cento dei loro impiegati farà ritorno fisicamente al lavoro entro il 15 agosto.        (Mli/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 16:39 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Italpress, lunedì 22 giugno 2020 SCUOLA: NARDELLA “SU QUESTO TEMA VUOTO TROPPO PESANTE” ZCZC IPN 628 REG –/T SCUOLA: NARDELLA “SU QUESTO TEMA VUOTO TROPPO PESANTE” FIRENZE (ITALPRESS) – “Non e’ colpa loro se vivono in un Paese che ha riaperto tutto ma che non e’ riuscito a riaprire le scuole. E ancora non e’ certo di come riapriranno a settembre. Non voglio fare polemica ma davvero un vuoto su un tema cosi’ importante e’ troppo pesante”. Lo ha scritto sul suo profilo Facebook il sindaco di Firenze Dario Nardella parlando dei propri figli, Francesco e Amelie, che hanno iniziato a frequentare i centri estivi che da oggi hanno aperto a Firenze, dovendo pero’ rinunciare nei mesi scorsi al ritorno a scuola post lockdown da Coronavirus. “Ritroviamo l’orgoglio di una Italia che vuole guardare avanti ed essere efficiente – ha aggiunto Dario Nardella – Il futuro dei nostri bambini e’ adesso, non si puo’ aspettare ancora”. (ITALPRESS). lc/fil/red 22-Giu-20 17:00 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –


Precedente

DIPARTIMENTO PARI OPPORTUNITÀ ALI: DOMANI WEBINAR CHE APRE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PER LE AMMINSITRAZIONI LOCALI

Successivo

RICCI: “TROPPO IL DIVARIO TRA INDENNITÀ E RESPONSABILITÀ DEI SINDACI. FONDAMENTALE GARANTIRE PARI OPPORTUNITÀ DI ACCESSO, NON SOLO A CHI SE LO PUÒ PERMETTERE”