Oggi i Sindaci hanno detto…

z ANSA VALLE D’AOSTA, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Courmayeur, seggio volante per elettori in isolamento  ZCZC8392/SXR  OAO20309012663_SXR_QBKA  R CRO S56 QBKA  Covid: Courmayeur, seggio volante per elettori in isolamento  Dichiarazione da trasmettere al commissario entro il 5 novembre     (ANSA) – AOSTA, 04 NOV – Potranno votare a domicilio gli  elettori positivi al coronavirus sottoposti a trattamento  domiciliare e coloro che si trovino in condizioni di quarantena  o di isolamento fiduciario per Covid-19: e’ quanto previsto in  occasione dell’elezione diretta del  sindaco, del  vicesindaco e  del  consiglio comunale di Courmayeur in calendario l’8 novembre  prossimo. Il voto sara’ raccolto durante l’orario di apertura  delle urne (dalle ore 7 alle 23) dal seggio ‘volante’ della  prima sezione, composto dal presidente, dal segretario e da uno  scrutatore, designato a sorte. Accompagnati da operatori della  Protezione civile, saranno dotati di dispositivi di protezione  individuale e formati al loro corretto utilizzo.  Entro giovedi’ 5 novembre 2020 l’elettore deve far pervenire al  commissario del Comune, con modalita’ anche telematiche (invio  e-mail con allegata copia del documento d’identita’), una  dichiarazione in cui attesta la volonta’ di esprimere il proprio  voto presso il domicilio sul territorio del Comune di  Courmayeur, indicando con precisione l’indirizzo completo e un  recapito telefonico. Deve anche trasmettere un certificato,  rilasciato dalla direzione della struttura complessa dell’Usl  Igiene e Sanita’ non prima del 25 ottobre 2020 (14/o giorno  antecedente la data della votazione), che attesti l’esistenza  delle condizioni di trattamento domiciliare, quarantena o  isolamento fiduciario per Covid-19. La richiesta del certificato  deve essere fatta esclusivamente via e-mail all’indirizzo  igiene.pubblica@ausl.vda.it e il successivo invio del documento  rilasciato avverra’ sempre via posta elettronica. (ANSA).       YU2-GRD  04-NOV-20 10:09 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 = Covid: Decaro, non credo che dpcm riesca a contenere contagi =  AGI0129 3 CRO 0 R01 /  = Covid: Decaro, non credo che dpcm riesca a contenere contagi =  (AGI) – Bari, 5 nov. – “Probabilmente dovevamo partire prima,  almeno un mese prima, se lo avessimo fatto probabilmente avremmo  contenuto i contagi, che invece continuano ad aumentare.  Onestamente non credo che riusciremo, anche con questi  provvedimenti, a limitarlo”. Lo ha detto il presidente Anci e  sindaco di Bari, Antonio Decaro, a Omnibus su LA7, rispondendo a  una domanda specifica. (AGI)Le3/Lil (Segue)  050842 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: DE MAGISTRIS, ‘CAMPANIA ZONA GIALLA MA SITUAZIONE DRAMMATICA, CONTI NON TORNANO’ =  ADN0097 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RCA        CORONAVIRUS: DE MAGISTRIS, ‘CAMPANIA ZONA GIALLA MA SITUAZIONE DRAMMATICA, CONTI NON TORNANO’ =        Napoli, 5 nov. (Adnkronos) – “I conti non tornano”. Così il sindaco di  Napoli Luigi de Magistris, commentando la decisione di inserire la   Campania nella zona gialla. “Due settimane fa – ricorda de Magistris –  il presidente della Regione Campania annunciava che avrebbe proclamato  il lockdown per la gravissima situazione dei contagi in Campania.   Annuncio poi caduto nel vuoto. Una settimana fa il prof. Ricciardi,   consulente del Governo, annunciava in televisione che Napoli sarebbe   dovuta andare in lockdown. Ieri sera abbiamo appreso dal presidente   del Consiglio che la Campania è zona gialla, quindi tra le regioni a   più basso rischio in Italia. Eppure gli ospedali a Napoli, ed in   Campania, sono al collasso. Ambulanze utilizzate come letti di   reparto, macchine in fila fuori gli ospedali per attendere cure che   non arrivano, persone che rischiano di morire perché non ricevono   adeguata ed immediata assistenza, positivi sintomatici spesso   abbandonati presso le proprie abitazioni”.        Secondo de Magistris, “siccome la situazione è drammatica presso le   strutture sanitarie, delle due l’una: o la Regione Campania non   fornisce dati reali ed attuali al Ministero della Salute, oppure la   sanità in Campania è andata in tilt nonostante siamo al livello   giallo, il più basso di rischio tra le regioni in Italia. Siamo   sconcertati e preoccupati. Abbiamo il diritto di capire e di ricevere   dal Governo informazioni precise”, conclude de Magistris.        (Zca/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 08:44  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: DECARO “NELLE ZONE ROSSE E’ COME TORNARE AL LOCKDOWN”  ZCZC IPN 055  POL –/T   CORONAVIRUS: DECARO “NELLE ZONE ROSSE E’ COME TORNARE AL LOCKDOWN”  ROMA (ITALPRESS) – “A partire da domani ci saranno delle nuove  limitazione, in alcune regioni saranno chiusi ristoranti e bar e  questo sara’ un problema per molte persone”. Lo ha detto il  sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, ospite di  “Radio anch’io” su Radio1 Rai. “Ci saranno tanti problemi nelle  zone rosse, sara’ come tornare al lockdown, spero soltanto per  qualche giorno. Se i 21 parametri del rischio si abbassano – ha  aggiunto – si potranno avere allentamenti restrizioni. Sulle  scuole il Dpcm da’ la possibilita’ ai presidenti di Regione di  poter adottare delle ordinanze come maggiori restrizioni e nella  mia regione e’ quello che e’ accaduto. Spero che i dati subiscano,  nei prossimi giorni, una riduzione in modo da poter riprendere le  scuole di primo e secondo grado”.   (ITALPRESS).  ror/ads/red  05-Nov-20 09:09  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA CAMPANIA, giovedì 05 novembre 2020 Covid:positivi ospiti e operatori casa famiglia Torre Ann.ta  ZCZC6764/SXR  ONA20310015364_SXR_QBXO  R CRO S44 QBXO  Covid:positivi ospiti e operatori casa famiglia Torre Ann.ta     (ANSA) – TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 5 NOV – Tredici tra  operatori e ospiti di una casa famiglia di Torre Annunziata  (Napoli) positivi al Covid-19. Si tratta di una struttura che si  trova a corso Umberto I e per la cui situazione il sindaco della  citta’ vesuviana ha convocato questa mattina un incontro urgente  con i rappresentanti del locale Centro operativo comunale.  Stando alle notizie raccolte, le prime ad avere contratto il  Coronavirus sarebbero state nei giorni scorsi due operatrici  sociosanitarie. Ora sono emersi i risultati dei tamponi fatti  sui loro contatti stretti all’interno della struttura, tamponi  che hanno dato esito positivo per tutti i dieci ospiti e un  altro Oss.  Preoccupazione tra i familiari degli anziani, che gia’ qualche  giorno fa si erano rivolti ai carabinieri per chiedere  informazioni sullo stato di salute dei loro cari.  (ANSA)       YW0-DLP  05-NOV-20 09:13 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: aumentano contagi in campo nomadi Lecce =  AGI0146 3 CRO 0 R01 /  Covid: aumentano contagi in campo nomadi Lecce =  (AGI) – Lecce, 5 nov. – Aumentano i casi di contagio da Covid 19  accertati tra gli ospiti del campo nomadi Panareo, poco fuori  l’abitato di Lecce, e passano dai sei dei giorni scorsi a 27,  dopo gli ultimi test. Il sindaco, Carlo Salvemini, e l’assessore  comunale al Welfare, Silvia Miglietta, hanno provveduto a  notificare i provvedimenti con cui si dispone la quarantena a  tutte persone interessate che alloggiano nella struttura. I  provvedimenti sono stati notificati con l’ausilio dei volontari  della Croce rossa italiana e delle forze di polizia.  (AGI)Le2/Lil  050913 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Mosca prolunga lezioni a distanza fino al 22 novembre  ZCZC6825/SXB  XAI20310015386_SXB_QBXB  R EST S0B QBXB  Covid: Mosca prolunga lezioni a distanza fino al 22 novembre  Per gli alunni dalla sesta classe in avanti     (ANSA) – MOSCA, 05 NOV – Il Comune di Mosca ha deciso di  prolungare di altre due settimane, cioe’ fino al 22 novembre, il  regime di insegnamento a distanza per gli alunni dalla sesta  classe in avanti lanciato tre settimane fa per cercare di  rallentare l’epidemia di Covid-19. Lo ha annunciato il sindaco,  Serghiei Sobyanin, sul suo sito web. “La situazione col  coronavirus a Mosca ha cominciato di nuovo a peggiorare  all’inizio di questa settimana, come vediamo dai dati dei  pazienti e dei ricoveri in ospedale”, ha dichiarato Sobyanin.  Nella capitale russa si sono registrati 5.255 nuovi contagi  nelle ultime 24 ore. (ANSA)       YK2-ZC  05-NOV-20 09:23 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”  ZCZC IPN 069  POL –/T   CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”  MILANO (ITALPRESS) – “E’ stato doveroso e necessario fissare dei  criteri oggettivi che determinino la collocazione delle Regioni in  una fascia piu’ o meno critica, con l’attivazione delle  conseguenti misure restrittive a tutela della salute. Ma serve  trasparenza sui dati”. Lo scrive questa mattina sulla sua pagina  Facebook il sindaco di Brescia, Emilio del Bono (Pd),   allineandosi con il presidente della Regione Lombardia Attilio  Fontana (Lega) sulla richiesta al governo di trasparenza sui dati  epidemiologici sui quali fondare la decisione di inserire il  territorio lombardo nella cosiddetta ‘zona rossa’. Del Bono  insiste anche sull’istituzione di zone sub regionali differenziate  in base ai numeri dell’epidemia a livello territoriale, come, fra  l’altro chiesto ieri Associazione dei Comuni Bresciani,  annunciando una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza.  (ITALPRESS) – (SEGUE).  fmo/fsc/red  05-Nov-20 09:46  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”-2-  ZCZC IPN 070  POL –/T   CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”-2-  “Ci sono 21 parametri che determinano i fattori di rischio –  osserva nel post il sindaco bresciano -. Parametri elaborati da  ogni Regione e poi trasmessi al Governo che a sua volta li  elabora. Parametri come posti letto occupati e posti in terapia  intensiva occupati, che sono anche condizionati da scelte di  gestione sanitaria e mobilita’ dei malati. Li si pubblichi, questi  parametri, provincia per provincia, quelli piu’ vecchi e quelli  piu’ nuovi. Solo cosi’ si potra’ valutare la collocazione di  territori sub regionali in modo diversificato. Il Dpcm lo prevede,  in accordo tra ministro della Salute e presidente della Regione.  Chiediamo che questo passo venga fatto per trasparenza e  serieta'”. Del Bono sottolinea che “i cittadini devono essere  messi in grado di sapere se i loro sacrifici sono giustificati e  necessari. E – conclude del Bono – gli stessi amministratori  locali devono avere tutti i dati necessari per rappresentare e  tutelare il loro territorio sotto ogni punto di vista.   Siamo in tempo facciamolo”.  (ITALPRESS) – (SEGUE).  fmo/fsc/red  05-Nov-20 09:46  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”-3-  ZCZC IPN 071  POL –/T   CORONAVIRUS: SINDACO BRESCIA CON FONTANA “SERVE TRASPARENZA SUI DATI”-3-  A sostenere misure sub regionali differenziate e’ anche il sindaco  di Cremona, Mattia Palazzi che ieri sera sulla sua pagina Facebook  spiegava: “Siamo ancora in attesa di capire se saremo fascia rossa  come intera Lombardia o se saranno fatte diversificazioni per zone  dentro la stessa Regione, come auspico. Purtroppo non dipende da  noi”.   (ITALPRESS).  fmo/fsc/red  05-Nov-20 09:46  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 ++ Decaro, da maggio chiediamo parametri chiari ++  ZCZC7065/SXA  XCI20310015460_SXA_QBXB  B CRO S0A QBXB  ++ Decaro, da maggio chiediamo parametri chiari ++  ‘Per rendere tutti consapevoli e responsabili’     (ANSA) – ROMA, 05 NOV – “Domani con l’entrata in vigore delle  nuove restrizioni ci saranno delle limitazioni. In alcune  regioni sono piu’ spinte in altre meno. Nelle zone rosse non si  potra’ uscire di casa. Mentre in quelle arancioni sara’ solo una  raccomandazione, nelle zone rosse sara’ come tornare al lockdown  totale.  Spero sia solo per qualche giorno.”   Cosi’ Antonio Decaro, presidente ANCI e sindaco di Bari su Rai  Radio1 all’interno di Radio anch’io.  Rispondendo alla domanda se  condivide la linea del governo,  Decaro ha risposto: “Noi avevamo chiesto da maggio di  individuare dei parametri in modo trasparente, in modo da  renderci tutti responsabili. Noi lo abbiamo chiesto a maggio nel  periodo delle riaperture. Volevamo indicatori certi per dare  possibilita’ alle comunita’ e ai sindaci di capire e fare  aggiustamenti”. (ANSA).       VR  05-NOV-20 10:07 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AskaNews, giovedì 05 novembre 2020 Gori:Fontana attacca governo,ma direttore Ats Milano lo smentisce  Gori:Fontana attacca governo,ma direttore Ats Milano lo smentisce “Secondo medico Lombardia andava chiusa due settimane fa”  Roma, 5 nov. (askanews) – Mentre #Fontana attacca il governo x la Lombardia “rossa” (“Schiaffo ai lombardi”), il direttore sanitario ATS Milano, indicato da #RegioneLombardia nella Cabina di regia nazionale sui contagi, denuncia: ‘RT a 2,01, sistema a rischio, la Lombardia andava chiusa 2 sett fa'”. E’ quanto scrive in un tweet il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.  Vep 20201105T101443Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Decaro, sindaci hanno chiesto parametri certi da maggio =  AGI0226 3 CRO 0 R01 /  Covid: Decaro, sindaci hanno chiesto parametri certi da maggio =  (AGI) – Bari, 5 nov. – “Noi sindaci avevamo chiesto da maggio di  individuare parametri e restrizioni legate a quei parametri”.  Cosi’ il presidente Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, alla  trasmissione ‘Radio anch’io’ di Rai Radio 1. “Lo abbiamo messo a  verbale a maggio, nel periodo delle riaperture, perche’ volevamo  che anche le riaperture fossero legate a parametri certi e non  dipendessero dalla volonta’ o sensibilita’ politica di singoli  presidenti di Regione o ministri, per dare le possibilita’ a  sindaci e anche alle comunita’ di verificare se sul rispetto di  alcuni parametri potessero esserci allentamenti. Oggi siamo  nella fase contraria, avremo in vigore nuove restrizioni”,  spiega. (AGI)Le3/Lil  051056 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Decaro, se casi diminuiscono attivita’ in scuole riprende =  AGI0247 3 CRO 0 R01 /  Covid: Decaro, se casi diminuiscono attivita’ in scuole riprende =  (AGI) – Bari, 5 nov. – “Spero che i dati numerici subiscano una  riduzione per riprendere al piu’ presto le attivita’ delle  scuole di primo e secondo grado”. A dirlo, il presidente Anci e  sindaco di Bari, Antonio Decaro, a Rai Radio 1, rispondendo a  una domanda sul fatto che in alcune regioni le scuole restano  chiuse per volonta’ dei presidenti. “Sulle scuole il dpcm da’ la  possibilita’ ai presidenti delle Regioni di adottare ordinanze  con maggiore restrizione – spiega – nella mia e’ accaduto, come  anche in Campania. Le ordinanze sono precedenti al dpcm e, non  essendo cambiate le condizioni, sono state confermate”.  (AGI)Le3/Lil  051106 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: OSPEDALE DI CORTONA, INTESA RAGGIUNTA, A DISPOSIZIONE 15 POSTI LETTO =  ADN0309 7 CRO 0 ADN CRO RTO RTO        CORONAVIRUS: OSPEDALE DI CORTONA, INTESA RAGGIUNTA, A DISPOSIZIONE 15 POSTI LETTO =        Arezzo, 5 nov. – (Adnkronos) – “L’ipotesi di mettere a disposizione   l’intera struttura ospedaliera della Fratta di Cortona per   l’assistenza ai pazienti affetti da Covid-19 non si concretizza”. Lo   rende noto il Comune di Cortona (Arezzo). La notizia era emersa due   giorni fa da fonti non ufficiali. Di fronte a questa eventualità, il   sindaco di Cortona, Luciano Meoni, il quale è anche presidente della   conferenza dei sindaci della Valdichiana aretina, aveva subito messo   al corrente gli altri colleghi sindaci che fanno parte della medesima   conferenza.        L’obiettivo comune, in una fase nella quale l’indice dei contagi si è   accresciuto, è stato quello di garantire la disponibilità solo   parziale dell’intero complesso sanitario. Nella tarda mattinata di   ieri, Meoni si è collegato in videoconferenza, alla presenza del   direttore generale della Asl Toscana sud est, Antonio D’Urso, e dei   presidenti delle conferenze dei sindaci dell’intera area territoriale   di riferimento. Meoni ha ripetuto la propria contrarietà all’ipotesi   di destinare tutta la struttura ospedaliera alla cura dei pazienti   affetti da Covid 19, spiegando che la patologia Covid, benché assai   preoccupante, non sia l’unica esistente.        “Un ospedale interamente rivolto alla cura dei pazienti affetti dal   virus avrebbe significato la morte dell’intero complesso sanitario,   all’interno del quale, invece, devono essere garantite tutte le   attività a oggi esistenti”, ha detto Meoni. Dopo una trattativa   proseguita per molte ore, e conclusa solo nella serata, è stato   possibile raggiungere un accordo, spiega il Comune di Cortona in un   comunicato. (segue)        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 11:11  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: OSPEDALE DI CORTONA, INTESA RAGGIUNTA, A DISPOSIZIONE 15 POSTI LETTO (2) =  ADN0310 7 CRO 0 ADN CRO RTO RTO        CORONAVIRUS: OSPEDALE DI CORTONA, INTESA RAGGIUNTA, A DISPOSIZIONE 15 POSTI LETTO (2) =        (Adnkronos) – L’intesa prevede la destinazione di una parte del   secondo piano dell’ospedale Santa Margherita della Fratta, totalmente   isolata dal resto della struttura, e con ingressi separati, alle cure   intermedie Covid, con quindici posti letto a disposizione. Nel reparto  sarà operativa anche l’unità Usca.        “Così facendo – commenta Meoni – abbiamo ottenuto un giusto risultato   che ha permesso alla sanità locale di essere ancora una volta   all’altezza del territorio”. Meoni risponde alle affermazioni dei   colleghi sindaci di Foiano della Chiana, Marciano della Chiana e   Lucignano, dicendosi amareggiato per le dichiarazioni da loro diffuse   pubblicamente. “Mi preme rilevare – afferma Meoni – che la strategia   di riservare alle cure Covid solo una parte dell’ospedale della Fratta  era stata concordata con i sindaci della Valdichiana, i quali erano   stati informati telefonicamente. Era, dunque, una strategia condivisa.  Al tempo stesso, desidero ringraziare il sindaco di Castiglion   Fiorentino, Mario Agnelli, per essersi interessato, in modo costante,   all’intera vicenda. Questa situazione non ci impedisce di portare   avanti le nostre richieste di potenziamento della struttura   ospedaliera, soprattutto per alcuni reparti, come, ad esempio,   l’ortopedia. Sulla sanità – conclude Meoni – non dovrebbe esistere   alcun colore politico. La salute è un bene di tutti e deve sempre   essere preservata”.        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 11:11  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 SAN MARINO: RIFIUTI, A CONFRONTO SINDACO CORIANO E SEGRETERIA DI…-2-  ZCZC IPN 133  EST –/T   SAN MARINO: RIFIUTI, A CONFRONTO SINDACO CORIANO E SEGRETERIA DI…-2-  Il fine e’ ridurre i rifiuti conferiti proprio all’inceneritore di  Coriano.  Il Sindaco Spinelli ha piu’ volte precisato pubblicamente come,  nonostante l’Accordo con la Regione Emilia Romagna fosse stato  siglato nel 2018, e’ stato ratificato dalla Repubblica di San  Marino solo quest’anno, esprimendo gradimento per il fatto che gli  obiettivi non siano cambiati.  Tema principale sara’ anche la prevenzione e riduzione della  produzione dei rifiuti a monte. Mentre Coriano e’ stato il primo  Comune a diventare Plastic Free, San Marino, si appresta con le  prossime modifiche al Codice Ambientale, che vietano la  commercializzazione e distribuzione di plastica monouso, a  diventare il primo Stato Plastic Free. Intervento promosso  nell’ambito del Tavolo per lo Sviluppo Sostenibile, con la  partecipazione del Movimento Fridays For Future, per il  raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’ONU.    (ITALPRESS) – (SEGUE).  mgg/com  05-Nov-20 11:25  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 SAN MARINO: RIFIUTI, A CONFRONTO SINDACO CORIANO E SEGRETERIA DI…-3-  ZCZC IPN 134  EST –/T   SAN MARINO: RIFIUTI, A CONFRONTO SINDACO CORIANO E SEGRETERIA DI…-3-  Si e’ anche parlato a lungo dell’importanza che rivestono le  attivita’ di educazione ambientale sostenibile in collaborazione  con il sistema scolastico nazionale.   Stefano Canti (Segretario di Stato al Territorio, l’Ambiente,  l’Agricoltura, la Protezione Civile e i rapporti con AASLP): “A  partire dal 16 Novembre, l’AASS posizionera’ sul territorio di  Borgo Maggiore, in corrispondenza degli attuali cassonetti, i  contenitori dedicati alla raccolta stradale dei rifiuti organici.  La Segreteria al Territorio chiede la massima collaborazione dei  cittadini per la buona riuscita del progetto che, in alternativa  alla raccolta porta a porta, consentira’ di risparmiare notevoli  risorse economiche. Nei contenitori per l’organico dovranno essere  conferiti tutti gli scarti derivanti dalla preparazione e  consumazione dei pasti”.  (ITALPRESS).  mgg/com  05-Nov-20 11:25  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: RUSSIA, SITUAZIONE ALLARMANTE MA ‘SOTTO CONTROLLO’ =  ADN0355 7 EST 0 ADN EST NAZ        CORONAVIRUS: RUSSIA, SITUAZIONE ALLARMANTE MA ‘SOTTO CONTROLLO’ =        Mosca, 5 nov. (Adnkronos) – Allarmante, ma “sotto controllo”. Il   portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha descritto così la situazione  in Russia dove a causa della pandemia di coronavirus – secondo i dati   ufficiali – sono oltre 1,7 milioni i contagi e più di 29.500 le   vittime. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 19.404 nuovi casi di  Covid-19, con ben 5.255 contagi solo a Mosca. Qui, secondo il sindaco   Sergei Sobyanin, la situazione “peggiora” e aumentano i ricoveri.   Peskov, nelle dichiarazioni riportate dall’agenzia Tass, ha aggiunto:   “Non si possono fare previsioni accurate” sull’andamento   dell’epidemia.        (Rak/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 11:27  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm, Sala: Mi batterò con Confommercio perchè ristori arrivino giusti  Dpcm, Sala: Mi batterò con Confommercio perchè ristori arrivino giusti Milano, 5 nov. (LaPresse) – “Ieri sera il presidente del Consiglio ci ha presentato le decisioni contenute nel nuovo Dpcm. Le decisioni del governo vanno rispettate. Io da uomo delle istituzioni mi adopererò affinchè le decisioni dle governo e affinchè si trasformino in un beneficio per la nostra comunità”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel video messaggio quotidiano per i milanesi, postato su Facebook. !Queste decisioni vengono prese o dal governo o dalla Regione. Io continuerò a combattere per la mia comunità – ha aggiunto Sala – e mi batterò, ad esempio, perchè questi benedetti ristori arrivino nella maniera giusta. A questo proposito questo pomeriggio riceverò a Palazzo Marino il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, perchè voglio che questa sia una battaglia comune”. CRO LOM bdr 051126 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 ++ Dpcm: Sala, sistema complesso, meglio piu’ uniforme ++  ZCZC7784/SXA  XCI20310015687_SXA_QBXB  B POL S0A QBXB  ++ Dpcm: Sala, sistema complesso, meglio piu’ uniforme ++     (ANSA) – ROMA, 05 NOV – “Io non posso che dire che il sistema  scelto dal governo per definire le zone gialle, arancioni e  rosse sia troppo complesso”. Cosi’ il sindaco di Milano, Giuseppe  Sala, ha commentato il nuovo decreto del governo per contenere i  contagi da Covid, sulle sue pagine social.       “Divide non solo per Regioni ma anche per Province.  Immaginatevi quanti distinguo, inoltre e’ basato sull’Rt e 21  indicatori, difficilissimi da decifrare. Io avrei scelto un  sistema piu’ semplice e uniforme – ha concluso -. Io non sono  cosi’ certo che questa classificazione vista in maniera dinamica,  in ottica di tendenza garantisca una decisione equa”. (ANSA).       Y59-VN  05-NOV-20 11:29 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: Sala, decisioni del governo vanno rispettate  ZCZC7849/SXA  XCI20310015706_SXA_QBXB  R POL S0A QBXB  Dpcm: Sala, decisioni del governo vanno rispettate     (ANSA) – ROMA, 05 NOV – “Ieri sera il presidente del  Consiglio ci ha illustrato le misure contenute nel nuovo Dpcm.  Faccio una premessa doverosa e necessaria, le decisioni del  governo vanno rispettate”. Cosi’ il sindaco di Milano, Giuseppe  Sala, ha parlato del nuovo decreto del governo per contenere i  contagi da Covid, in un video sulle sue pagine social.        “Io da uomo delle istituzioni mi attivero’ affinche’ vengano  rispettate e affinche’ questo sacrificio che ci viene chiesto si  trasformi in un beneficio per la salute della nostra comunita'”,  ha concluso. (ANSA).       Y59-TAG  05-NOV-20 11:33 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: sindaco Genova, manterrei stop mobilita’ tra ore 21 e 6  =  AGI0290 3 CRO 0 R01 /  Covid: sindaco Genova, manterrei stop mobilita’ tra ore 21 e 6  =  (AGI) – Genova, 5 nov. – “Noi abbiamo l’ordinanza che limita la  mobilita’ dalle 21 alle 6, il dpcm parla di 22-5. Io sarei per  mantenere su Genova l’ordinanza 21-6. Non per confondere la  gente, ma perche’ forse, se siamo in zona gialla, e’ anche per  il fatto che abbiamo preso prima certe misure”. Lo ha detto il  sindaco di Genova, Marco Bucci, commentando il nuovo dpcm che  entra in vigore domani e impone il coprifuoco dalle 22 alle 5.  Il primo cittadino ha parlato a margine del Silver economy  forum, in corso a palazzo Tursi. (AGI)Ge4/Lil  051136 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm:Reggio Calabria si mobilita su social, sit-in in serata  ZCZC7967/SXA  XCI20310015743_SXA_QBXB  R POL S0A QBXB  Dpcm:Reggio Calabria si mobilita su social, sit-in in serata  Sindaco:citta’ e regione messe all’angolo da decisione Governo     (ANSA) – REGGIO CALABRIA, 05 NOV – Reggio non ci sta ad  essere chiusa. Dopo il lockdown in Calabria annunciato ieri dal  Presidente del Consiglio Giuseppe Conte , e’ partito un  passaparola sui social. In molti stanno rilanciando l’appello  pubblicato questa mattina per dar vita ad un sit-in civico alle  18.30 di stasera davanti alla Prefettura. Un’adunata spontanea   che partira’ da piazza De Nava e con una marcia pacifica si  dirigera’ verso la Prefettura. “Una adunata che vuole essere –  spiegano gli organizzatori – una protesta ferma contro la zona  rossa ordinata dal presidente Conte in Calabria senza che ce ne  fosse assolutamente bisogno”. Non sara’ una manifestazione  politica. “I politici di qualunque schieramento sono pregati di  astenersi o, se vorranno esserci, di partecipare da semplici  cittadini”.         E sulla scelta di inserire la Calabria tra le zone rosse,  interviene il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomata’. Nel  corso di una diretta Facebook, poco dopo la conferenza stampa di  Conte, Falcomata’ ha fortemente stigmatizzato la decisione del  Governo. “La Calabria – ha detto – viene chiusa non per l’alto  numero di contagi tra la popolazione o per l’indice ‘RconT’, ma  per uno scarso livello di ospedalizzazione. Saremo chiusi perche’  dovevano essere fatte delle cose che non sono state fatte e  andavano fatte, ancor di piu’ negli ultimi mesi. Se fosse stato  realizzato il Centro Covid regionale, probabilmente, oggi, non  avremmo parlato di queste cose. Non si e’ discusso su come  realizzarlo, ma dove realizzarlo, ed intanto si negavano nuove  assunzioni di personale nella sanita’. Il piano assunzione del  Gom e’ stato bocciato; non sono stati aumentati, come era  previsto, i posti di terapia intensiva e quelli di terapia semi  intensiva”.       Falcomata’ si e’ detto preoccupato, definendo contraddittoria  la risposta del Governo, che mentre, da una parte ha istituito  la zona rossa, dall’altra ha confermato il Decreto Calabria, con  il commissariamento della sanita’, “la grande assente di questa  partita: assente dai tavoli istituzionali e da qualsiasi altro  confronto”.  “Il Governo ha messo all’angolo la nostra regione,  ha messo in ginocchio la nostra citta’ – ha detto ancora  Falcomata’ esprimendo preoccupazione per i commercianti, gli  imprenditori, i negozianti ed i cittadini – chiediamo ora  priorita’ nel sostegno economico. Date i soldi ai Sindaci.  Vogliamo essere protagonisti. Lo abbiamo gia’ fatto, con i buoni  spesa, con velocita’ e trasparenza”.       Per il 6 novembre, alle 10, in seduta straordinaria e  urgente, e’ stato convocato il Consiglio comunale della citta’,  con all’ordine del giorno un unico punto: Emergenza Covid-19.  (ANSA).       Y2F-ATT  05-NOV-20 11:47 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Sala, sistema scelto da governo per zone e’ troppo complesso, ne avrei scelto uno piu’ semplice  NOVA0162 3 POL 1 NOV INT  Covid: Sala, sistema scelto da governo per zone e’ troppo complesso, ne avrei scelto uno piu’ semplice  Milano, 05 nov – (Nova) – “Credo che il sistema scelto dal  governo per definire le zone gialle arancioni e rosse sia  troppo complesso perche’ divide non solo per regioni ma  anche per province, immaginate quindi quanti distinguo, e’  basato sull’Rt e 21 indicatori, difficilissimi da  decifrare”. Lo ha dichiarato il sindaco di Milano Giuseppe  Sala, in un video su Facebook. “Io avrei scelto un sistema  piu’ semplice e uniforme – ha aggiunto il primo cittadino –  io non sono cosi’ certo che questa classificazione, vista in  maniera dinamica, vista in ottica di tendenza, garantisca  una decisione equa. Mi ha chiamato questa mattina il sindaco  di Napoli, Luigi de Magistris, non lo dico per polemica, mi  ha cercato lui, e mi ha detto: ‘Ma come? In Campania il  presidente De Luca immaginava di fare un lockdown generale  perche’ la situazione era drammatica, le scuole sono chiuse,  e noi ci troviamo nella zona gialla?'”. “A volte a  complicare eccessivamente le cose non si raggiunge  l’obiettivo – ha concluso Sala – Io ho sempre gestito la  complessita’ nella mia vita professionale, so cosa sia, e  credo che ci siano momenti, in cui e’ meglio lavorare su  sistemi piu’ semplici e dare messaggi piu’ unificanti”.  (Rem)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm:Cosenza, cittadini divisi tra rischi sanita’ e economia  ZCZC8032/SXA  XCI20310015766_SXA_QBXB  R POL S0A QBXB  Dpcm:Cosenza, cittadini divisi tra rischi sanita’ e economia  Sindaco:’zona rossa’ sembra frutto motivazioni politiche     (ANSA) – COSENZA, 05 NOV – Cittadini divisi a Cosenza sul  nuovo Dpcm in vigore dalla mezzanotte di oggi che istituisce in  Calabria la zona rossa. Da un lato i cittadini che ritengono  opportuno il provvedimento, considerato il sistema sanitario  regionale duramente compromesso da anni di cattiva gestione e  che non riuscirebbe a garantire l’assistenza adeguata in caso di  aumento di ricoveri in ospedale per Covid 19; dall’altro le  critiche soprattutto degli operatori dei settori produttivi e  del commercio per il conseguente e inevitabile danno economico  che queste disposizioni creeranno sul tessuto sociale. “Chiudere  tutto – ha dichiarato il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto – e’  la cosa piu’ semplice per affrontare l’emergenza, ma non la  soluzione del problema.  Adesso la Calabria diventa anche zona  rossa, ma e’ una grave ingiustizia per i calabresi”. “Sembra piu’  un provvedimento frutto di motivazioni politiche e punitive – ha  aggiunto Occhiuto – che non di oggettive misure precauzionali.  Ma per colpa di chi poi? Se a gestire la sanita’ calabrese negli  ultimi 10 anni sono stati i governi nazionali? Il dato vero e’  che in Calabria si governera’ pure male, ma a Roma peggio che  peggio. Il centralismo statale non aiuta per nulla, neanche per  le forniture di banchi per le scuole (che ancora non sono tutti  arrivati mentre le scuole richiudono) o per la semplice  fornitura di dispositivi di protezione (che non sono a  disposizione in misura sufficiente neanche nei reparti Covid)”.        “Non basta chiudere – ha sostento ancora il sindaco di  Cosenza – e starsene semplicemente in attesa che la diffusione  del virus si arresti. Non puo’ essere questa la politica di un  governo. Occorre innanzitutto adottare misure sanitarie che  possano efficacemente limitare e quasi annullare gli effetti  negativi del contagio, e tra la prima e la seconda ondata di  diffusione del virus e’ stato fatto poco o nulla”. (ANSA).       Y0E-ATT  05-NOV-20 11:55 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 ++ Bucci,Genova vuol tenere limiti mobilita’ dalle 21 alle 6 ++  ZCZC8127/SXB  XCI20310015800_SXB_QBXB  B CRO S0B QBXB  ++ Bucci,Genova vuol tenere limiti mobilita’ dalle 21 alle 6 ++  Sindaco, per confondere i cittadini     (ANSA) – GENOVA, 05 NOV –  “A Genova abbiamo gia’ le  limitazioni alla mobilita’ di sera dalle 21 alle 6 e il dpcm  parla di una fascia oraria dalle 22 alle 5. Io direi di  mantenere a Genova l’orario 21-6 non per confondere la gente ma  per far capire che forse se siamo gialli e’ perche’, anche se non  posso dimostrarlo, abbiamo preso prima determinate misure e  quindi queste misure vanno mantenuti”. Cosi’ il sindaco di Genova  Marco Bucci a margine del convegno sulla Silver Economy ha  commentato la decisione del ministero della Salute di inserire  la Liguria in zona gialla. (ANSA).       YL7-MOI  05-NOV-20 12:05 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 SANITÀ. FALCOMATÀ: IN CALABRIA GOVERNO COMMISSARIA SE STESSO  DIR0844 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    SANITÀ. FALCOMATÀ: IN CALABRIA GOVERNO COMMISSARIA SE STESSO  “ASP GRANDE ASSENTI AI TAVOLI, NON e’ STATO FATTO NULLA PER COVID”  (DIRE) Reggio Calabria, 5 nov. – “Il governo nazionale di fatto  commissaria se stesso, perche’ rinnova il commissariamento della  sanita’, le Asp sono le grandi assenti di questo dibattito, ai  tavoli istituzionali per risolvere le problematiche legate al  Covid”. Cosi’ il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomata’  sul nuovo commissariamento della sanita’ regionale.      “La Calabria non ci sta – ha aggiunto – aspettiamo risposte  concrete per affrontare i prossimi quindici, trenta giorni. Se  fra quindici giorni sara’ realizzato un centro Covid  nella  nostra regione, usciremo dalla zona rossa e rientreremo in quella  gialla. Lo dico con amara ironia, perche’ – ha concluso  Falcomata’ – era quello che doveva essere e non e’ stato fatto”.    (Mav/Dire)  12:06 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Bucci,Genova vuol tenere limiti mobilita’ dalle 21 alle 6 (2)  ZCZC8197/SXB  XCI20310015827_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Bucci,Genova vuol tenere limiti mobilita’ dalle 21 alle 6 (2)     (ANSA) – GENOVA, 05 NOV – Per Bucci “l’obiettivo e’ transitare  attraverso la pandemia restando in zona gialla, se tutti  collaboriamo ce la possiamo fare, certo non ci deve essere gente  che danza in strada la notte, che spaccia o crea assembramento,  non solo nei vicoli ma anche in altri quartieri, come mi viene  segnalato. Dobbiamo mantenere questa zona gialla ed e’ opportuno  quindi rispettare le norme per far si’ che non cadiamo in zona  arancione o rossa”.  Sulla possibilita’ che Genova possa essere in un secondo momento  catalogata singolarmente come “zona rossa”, il sindaco afferma:  “Qualcuno ha fatto questa ipotesi ma a noi non risulta nulla al  momento, d’altronde ieri sera pensavamo che avremmo discusso  oggi in quale zona saremmo rientrati e dieci minuti dopo il  governo ha annunciato la decisione”. (ANSA).       YL7-MOI  05-NOV-20 12:11 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  NOVA NAPOLI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: sindaco Somma Vesuviana, Campania non e’ zona gialla, sanita’ al collasso  NOVA0016 3 POL 1 NOV REG  Covid: sindaco Somma Vesuviana, Campania non e’ zona gialla, sanita’ al collasso  Napoli, 05 nov – (Nova) – “Mi aspettavo di ritrovarmi almeno  in zona arancione, invece siamo in quella gialla per evitare  una guerra sociale. A Somma su 35mila abitanti 670 sono  positivi, la curva e’ alta, ieri altri 50 contagiati”. Cosi’  Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana (Na), ai  microfoni di Radio Crc Targato Italia. “Personalmente –  continua Di Sarno – ero d’accordo con il Governatore De Luca  che chiedeva la zona rossa. Abbiamo bisogno di uno stop  totale per ripartire a dicembre. Nel mio comune ho gia’  chiuso parchi, cimiteri, luoghi di assembramento ma se non  c’e’ una presa di coscienza dei cittadini, il problema non  si risolve”. Molte misure restrittive imposte alle Regioni  della “zona gialla” raccomandano ma non vietano: “Non  possiamo controllare tutto da soli. Avevo chiesto al  Governatore De Luca un aiuto per rinforzare il corpo di  polizia municipale ma non sono stato ascoltato”. In  conclusione, il primo cittadino di Somma Vesuviana ha  ricordato la sua iniziativa per alleggerire il carico di  lavoro del 118: “Abbiamo pensato a un presidio fisso con  ambulanza dotata di personale medico e infermieristico per  assistere i pazienti Covid a domicilio, il 118 e’  sovraccaricato, non riesce a rispondere a tutte le esigenze  dei cittadini in particolare di sera”. (Ren)  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Sala, decisioni governo vanno rispettate, mi attivero’ =  AGI0358 3 CRO 0 R01 /  Covid: Sala, decisioni governo vanno rispettate, mi attivero’ =  (AGI) – Milano, 5 nov. – “Le decisioni del governo vanno  rispettate e io mi attivero’ affinche’ vengano rispettate”. Lo  ha affermato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando in  un video le misure decise dal governo con la divisione  dell’Italia in zone. “Da uomo delle istituzioni mi attivero’  affinche’ vengano rispettate e affinche’ questo sacrificio che  ci viene richiesto si trasformi in un beneficio per la salute  della nostra comunita'”. (AGI)Gla  051216 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 ++ Conte,lockdown pesa per chi gia’ colpito ma serve unita’ ++  ZCZC8442/SXA  XPP20310015917_SXA_QBXB  B POL S0A QBXB  ++ Conte,lockdown pesa per chi gia’ colpito ma serve unita’ ++  Premier, non bisogna perdere senso unita’ nazionale     (ANSA) – BRESCIA, 05 NOV – “Mi pesa molto essere venuto di  notte a Brescia l’ultima volta e spero di tornare presto. Domani  inizia il lockdown e  la situazione pesa per territori gia’  profondamente colpiti. Non bisogna pero’ perdere il senso di  unita’ nazionale”. Lo ha detto il presidente del Consiglio  Giuseppe Conte collegato con il sindaco di Brescia  Del Bono, il  ministro dell’Ambiente Costa per la firma dell’accordo di  programma per la messa in sicurezza  del sito di interesse  nazionale di Brescia Caffaro. (ANSA).       YA3-DU  05-NOV-20 12:30 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: sindaco Sondrio, sacrifici necessari per tutela salute  ZCZC8489/SXA  XCI20310015930_SXA_QBXB  R CRO S0A QBXB  Dpcm: sindaco Sondrio, sacrifici necessari per tutela salute  Appello ai cittadini, rispettate le regole     (ANSA) – SONDRIO, 05 NOV – “Il peggioramento della situazione  sanitaria era atteso e, purtroppo, si e’ verificato, rendendo  necessaria e improrogabile l’adozione di provvedimenti  restrittivi che si pongono un solo obiettivo: tutelare la salute  pubblica e contenere il contagio per evitare nuovi ricoveri”.  Cosi’ il sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, alla guida di un  esecutivo di centrodestra ha osservato dopo l’istituzione della  niova zona rossa in Lombardia.     .”Nessuno avrebbe voluto questi provvedimenti, ma oggi, come  gia’ la primavera scorsa – ha sottolineato -, si tratta di azioni  utili ad arginare la diffusione dell’infezione e nell’intento di  scongiurare regole ancora piu’ limitative delle liberta’  personali. La citta’ di Sondrio si e’ sin qui distinta per un  indice di infezione per abitante molto basso e mi auguro che  l’attenzione posta sino a qui continui anche nelle prossime  settimane. Come Amministrazione comunale abbiamo gia’ provveduto  a riattivare i servizi di assistenza alle persone risultate  positive o tenute all’isolamento fiduciario”.     Il suo e’ anche un appello ai cittadini: “Vi chiedo di  rispettare le nuove regole, di rimanere in casa negli orari  stabiliti, di evitare i luoghi potenzialmente a rischio, di  indossare sempre la mascherina, di mantenere il distanziamento e  di igienizzare le mani frequentemente. Dobbiamo farlo per noi  stessi, per le persone che amiamo e per tutta la comunita’:  l’impegno e’ grande ma lo sara’ di piu’ la ricompensa, che si  tradurra’ nel ritorno alla normalita’ che tutti desideriamo”.  (ANSA).       YN5-TAG  05-NOV-20 12:33 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: REGGIO CALABRIA, A TAURIANOVA 79 POSITIVI FRA CUI 7 VIGILI URBANI =  ADN0596 7 CRO 0 ADN CRO RCL        CORONAVIRUS: REGGIO CALABRIA, A TAURIANOVA 79 POSITIVI FRA CUI 7 VIGILI URBANI =        Reggio Calabria, 5 nov. (Adnkronos) – Sono 79 le persone positive al   Covid19 a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria. Fra loro anche   7 vigili urbani in servizio al Comune. Ad affermarlo è stato il   sindaco Roy Biasi, che ha anche comunicato l’esito negativo del   tampone cui sono stati sottoposti i membri della Giunta comunale. Il   test sarà effettuato anche sui dipendenti comunali, che lavoreranno in  smart working.        (lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 12:50  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: sindaco Ferrara, area gialla non e’ vittoria ne’ premio  ZCZC8785/SXB  XCI20310016019_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Dpcm: sindaco Ferrara, area gialla non e’ vittoria ne’ premio  ‘Amareggiato da chiusura musei, Franceschini liberi cultura’     (ANSA) – BOLOGNA, 05 NOV – “L’inserimento della Regione  Emilia-Romagna nell’area gialla non puo’ essere considerato ne’  una vittoria ne’ un premio, ma e’ sicuramente lo stimolo a  continuare sulla strada intrapresa, anche per scongiurare  lockdown o misure piu’ restrittive, legate ai dati”. Lo ha detto  il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, che ha anche ringraziato i  suoi concittadini “perche’ in questo tempo difficile hanno  dimostrato grande attenzione alle regole, hanno fatto proprie le  buone prassi per evitare il contagio e le violazioni sono state  rarissime. Un ringraziamento – ha aggiunto – anche a medici,  infermieri e a tutto il personale sanitario per il grande lavoro  che hanno messo in campo”.          Per Fabbri l’inserimento nell’area gialla, oggi, “deve quindi  rappresentare una ulteriore spinta a proseguire sulla via  dell’attenzione, dell’aderenza alle misure, dell’impegno  collettivo ad escludere ogni fattore di rischio. Rimane il  sospiro di sollievo – ha sottolineato – per nuove chiusure  scongiurate”. Il primo cittadino ha poi espresso “profonda  amarezza” per la chiusura dei musei. “Da qui il mio appello al  governo, e al ministro Franceschini in particolare – ha spiegato  Fabbri – a liberare la cultura, in piena sicurezza e con tutte  le misure che ben abbiamo previsto e adottato a Ferrara. Non si  trascuri, e qui mi appello al ministro Spadafora, anche il  valore dello sport di base, che e’  benessere, salute, relazione,  prevenzione, formazione”. (ANSA).       Y2C-ROM  05-NOV-20 12:52 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio  Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio Roma, 5 nov. (LaPresse) – “L’inserimento della Regione Emilia-Romagna nell’area gialla non può essere considerato né una vittoria né un premio, ma è sicuramente lo stimolo a continuare sulla strada intrapresa, anche per scongiurare lockdown o misure più restrittive, legate ai dati”. Lo dice il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri. “Ringrazio i ferraresi perché in questo tempo difficile hanno dimostrato grande attenzione alle regole, hanno fatto proprie le buone prassi per evitare il contagio e le violazioni sono state rarissime – sottolinea -. Un ringraziamento anche a medici, infermieri e a tutto il personale sanitario per il grande lavoro che hanno messo in campo. Abbiamo collaborato con la città per portare avanti le azioni anti-Covid e, allo stesso tempo, per continuare con l’impegno per la promozione del nostro territorio, del suo straordinario patrimonio, sempre in sicurezza e con massima attenzione per il lavoro e la sua tutela”.(Segue). POL EMR gar 051306 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio-2-  Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio-2- Roma, 5 nov. (LaPresse) – “L’inserimento nell’area gialla, oggi,  deve quindi rappresentare una ulteriore spinta a proseguire sulla via dell’attenzione, dell’aderenza alle misure, dell’impegno collettivo ad escludere ogni fattore di rischio – prosegue il sindaco di Ferrara -. Rimane il sospiro di sollievo per nuove chiusure scongiurate e rimane la nostra battaglia, che portiamo avanti anche nelle sedi politiche, per  garantire a lavoratori e attività fortemente penalizzate ristori e sostegno economico adeguato. Noi continueremo a fare la nostra parte”. “Dall’inizio dell’emergenza, tra investimenti e minori entrate abbiamo impiegato oltre 13milioni di euro – ricorda -. Stiamo lavorando  anche al nuovo bando anticrisi, dopo aver stanziato 1,7milioni di euro (fondi comunali). Inoltre, dopo aver convocato il tavolo Ferrara Rinasce, stiamo esaminando le proposte che le categorie ci hanno inviato, categorie che ringrazio per il loro contributo costruttivo, e stiamo lavorando a iniziative che ne siano la sintesi”.(Segue). POL EMR gar 051306 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio-3-  Dpcm, sindaco Ferrara: Emilia-Romagna in area gialla non è vittoria né premio-3- Roma, 5 nov. (LaPresse) – “Mi sia concesso esprimere una nota di profonda amarezza per la chiusura dei musei. Ferrara è città storica, è città d’arte: la cultura e la bellezza sono sicuramente una risposta a tempi difficili, come dimostra il profondo interesse che si evince dai dati di affluenza che stavamo registrando a palazzo dei Diamanti per l’antologica di Antonio Ligabue (una media tra le 400 e le 500 presenze al giorno). Da qui il mio appello al governo, e al ministro Franceschini in particolare: non sia sottovalutato il valore di tutto questo e si torni, presto, a liberare la cultura, in piena sicurezza e con tutte le misure che ben abbiamo previsto e adottato a Ferrara. Non si trascuri, e qui mi appello al ministro Spadafora, anche il valore dello sport di base, che è  benessere, salute, relazione, prevenzione, formazione. Non lasciamo i nostri ragazzi senza tutto questo, ma lavoriamo insieme per continuare a offrire loro ciò che li fa crescere al meglio”, conclude Fabbri. POL EMR gar 051306 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Decaro, spero nuove restrizioni contengano contagio  ZCZC9024/SXB  XCI20310016088_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: Decaro, spero nuove restrizioni contengano contagio  “Criteri oggettivi che devono essere leggibili da tutti”     (ANSA) – BARI, 05 NOV – “Sono preoccupato per la mia regione  e per il resto del nostro Paese. Speriamo con queste nuove  restrizioni di riuscire a contenere il contagio, ovviamente non  si puo’ fermare. Dobbiamo abbassare la curva in modo da non  entrare in una emergenza sanitaria, non intasare i reparti  ospedalieri e soprattutto le terapie intensive”. Lo ha detto il  sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, a  Tgcom24.  Sulle ultime misure anti-Covid del Governo, Decaro spiega che  “ci sono criteri oggettivi e le restrizioni sono legate a quei  parametri. Noi come sindaci abbiamo chiesto che i parametri  siano leggibili da tutti. In questo modo i cittadini possono  capire cosa sta accadendo e diventiamo tutti piu’ responsabili.  Se rispettiamo le restrizioni facciamo scendere l’indice del  contagio. Se rispettiamo le restrizioni puo’ darsi che le  restrizioni si allentino”. (ANSA).       YB2-LF  05-NOV-20 13:10 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. SINDACO FERRARA CHIAMA FRANCESCHINI: CHE AMAREZZA I MUSEI  DIR1416 3 POL  0 RR1 N/CLT / DIR /TXT    COVID. SINDACO FERRARA CHIAMA FRANCESCHINI: CHE AMAREZZA I MUSEI  “LIBERATE CULTURA”; E SU EMILIA ‘GIALLA’: NO VITTORIA, MA STIMOLO  (DIRE) Bologna, 5 nov. – L’inserimento dell’Emilia-Romagna  nell’area gialla “non puo’ essere considerato ne’ una vittoria  ne’ un premio, ma e’ sicuramente lo stimolo a continuare sulla  strada intrapresa, anche per scongiurare lockdown o misure piu’  restrittive, legate ai dati”. Cosi’ il sindaco di Ferrara Alan  Fabbri, che pero’ contesta la chiusura dei musei e per questo si  rivolge direttamente al ministro della Cultura, il ferrarese  Dario Franceschini. “Mi sia concesso esprimere una nota di  profonda amarezza per la chiusura dei musei- afferma il sindaco  leghista- Ferrara e’ citta’ storica, e’ citta’ d’arte: la cultura  e la bellezza sono sicuramente una risposta a tempi difficili,  come dimostra il profondo interesse che si evince dai dati di  affluenza che stavamo registrando a palazzo dei Diamanti per  l’antologica di Antonio Ligabue”, con una “media tra le 400 e le  500 presenze al giorno”.      Da qui il “mio appello al Governo, e al ministro Franceschini  in particolare: non sia sottovalutato il valore di tutto questo e  si torni, presto, a liberare la cultura, in piena sicurezza e con  tutte le misure che ben abbiamo previsto e adottato a Ferrara.  Non si trascuri, e qui mi appello al ministro Spadafora, anche il  valore dello sport di base, che e’  benessere, salute, relazione,  prevenzione, formazione. Non lasciamo i nostri ragazzi senza  tutto questo, ma lavoriamo insieme per continuare a offrire loro  cio’ che li fa crescere al meglio”.    (SEGUE)    (Bil/ Dire)  13:10 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. SINDACO FERRARA CHIAMA FRANCESCHINI: CHE AMAREZZA I MUSEI -2-  DIR1417 3 POL  0 RR1 N/CLT / DIR /TXT    COVID. SINDACO FERRARA CHIAMA FRANCESCHINI: CHE AMAREZZA I MUSEI -2-  (DIRE) Bologna, 5 nov. – Per il resto Fabbri ringrazio i  ferraresi per la “grande attenzione alle regole”. “Hanno fatto  proprie le buone prassi per evitare il contagio e le violazioni  sono state rarissime”, fa sapere il primo cittadino. Che rivolge   un ringraziamento “anche a medici, infermieri e a tutto il  personale sanitario per il grande lavoro che hanno messo in  campo”. “Abbiamo collaborato con la citta’ per portare avanti le  azioni anti-Covid e, allo stesso tempo- prosegue- per continuare  con l’impegno per la promozione del nostro territorio, del suo  straordinario patrimonio, sempre in sicurezza e con massima  attenzione per il lavoro e la sua tutela. L’inserimento nell’area  gialla, oggi, deve quindi rappresentare una ulteriore spinta a  proseguire sulla via dell’attenzione, dell’aderenza alle misure,  dell’impegno collettivo ad escludere ogni fattore di rischio.  Rimane il sospiro di sollievo per nuove chiusure scongiurate e  rimane la nostra battaglia, che portiamo avanti anche nelle sedi  politiche, per garantire a lavoratori e attivita’ fortemente  penalizzate ristori e sostegno economico adeguato. Noi  continueremo a fare la nostra parte”.      Dall’inizio dell’emergenza, quantifica Fabbri, “tra  investimenti e minori entrate abbiamo impiegato oltre 13 milioni  di euro. Stiamo lavorando anche al nuovo bando anticrisi, dopo  aver stanziato 1,7 milioni di euro” di fondi comunali. Inoltre  “dopo aver convocato il tavolo Ferrara Rinasce, stiamo esaminando  le proposte che le categorie ci hanno inviato, categorie che  ringrazio per il loro contributo costruttivo, e stiamo lavorando  a iniziative che ne siano la sintesi”.    (Bil/ Dire)  13:10 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: sindaci Lega lodigiani, altro lockdown inaccettabile  ZCZC9061/SXA  XCI20310016098_SXA_QBXB  R CRO S0A QBXB  Dpcm: sindaci Lega lodigiani, altro lockdown inaccettabile  ‘E’ una evidente forma di accanimento verso il territorio’     (ANSA) – LODI, 05 NOV – “Un altro lockdown per il lodigiano,  da un punto di vista economico e sociale, e’ inaccettabile”.  parola del presidente della Provincia Francesco Passerini,  sindaco di Codogno, che ha firmato una nota congiunta con gli  altri sindaci leghisti della zona, Sara Casanova che e’ sindaco  di Lodi, Elia Delmiglio da Casalpusterlengo, Giovanna Gargioni  da Borghetto Lodigiano, Maurizio Villa, primo cittadino di  Sant’Angelo Lodigiano e Serevrino Serafini, sindaco di  Massalengo. Insieme ai sindaci di Marudo, Claudio Bariselli,  Francesco Morosini di Tavazzano con Villavesco, Alberto Carlo  Rizzi di Crespiatica e Veronica Emilia Piazzoli di Cornovecchio.     “Oggi non possiamo essere paragonati ad altre zone d’Italia  fortemente investite dal Covid nella misura in cui noi lo siamo  stati a marzo e aprile – hanno spiegato -. Questa, da parte del  Governo, risulta essere un’evidente forma di accanimento nei  confronti di un territorio che ha gia’ pagato tanto e noi, in  qualita’ di sindaci non possiamo accettarlo in maniera passiva”.     “I nostri cittadini, i nostri artigiani, i nostri  commercianti, i nostri imprenditori – e’ la loro conclusione –  hanno gia’ dato tanto, troppo. Il loro esempio ed il loro senso  di responsabilita’ dimostrati nel rispettare silenziosamente ogni  norma ed ogni imposizione, anziche’ essere riconosciuti, vengono  in questo modo mortificati e resi vani. Ci troviamo nella  situazione in cui il Lodigiano risulterebbe essere l’unica  realta’ territoriale a pagare due volte un prezzo altissimo. Da  parte nostra, e’ inaccettabile e, con queste parole siamo  assolutamente certi di intercettare e rappresentare il pensiero  di tanti altri sindaci”, (ANSA).       Y5N-TAG  05-NOV-20 13:12 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: sindaco Ferrara, area gialla non e’ premio ma stimolo  =  AGI0449 3 CRO 0 R01 /  Covid: sindaco Ferrara, area gialla non e’ premio ma stimolo  =  (AGI) – Ferrara, 5 nov. – “L’inserimento dell’Emilia Romagna  nell’area gialla non puo’ essere considerato ne’ una vittoria  ne’ un premio, ma e’ sicuramente lo stimolo a continuare sulla  strada intrapresa, anche per scongiurare lockdown o misure piu’  restrittive, legate ai dati”. A dirlo, il sindaco di Ferrara,  Alan Fabbri. “Abbiamo collaborato con la citta’ per portare  avanti le azioni anti-Covid e, allo stesso tempo per continuare  con l’impegno per la promozione del nostro territorio, del suo  straordinario patrimonio, sempre in sicurezza e con massima  attenzione per il lavoro e la sua tutela”, aggiunge.  L’inserimento della Regione Emilia Romagna nell’area gialla,  oggi, “deve quindi rappresentare una ulteriore spinta a  proseguire sulla via dell’attenzione, dell’aderenza alle misure,  dell’impegno collettivo ad escludere ogni fattore di rischio”.  “Rimane il sospiro di sollievo – conclude Fabbri – per nuove  chiusure scongiurate e rimane la nostra battaglia, che portiamo  avanti anche nelle sedi politiche, per garantire a lavoratori e  attivita’ fortemente penalizzate ristori e sostegno economico  adeguato”. (AGI)Bo1/Lil  051315 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Vista, giovedì 05 novembre 2020 04-11-20 Covid Genova, Bucci: “Rispettare misure sicurezza, non ci piace fare sanzioni”  <iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/m5tu0KyYvzc” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>  <a href=”https://www.youtube.com/embed/m5tu0KyYvzc”>https://www.youtube.com/embed/m5tu0KyYvzc</a>  (Agenzia Vista) Genova, 05 novembre 2020  04-11-20 Covid Genova, Bucci: “Rispettare misure sicurezza, non ci piace fare sanzioni”  Le dichiarazioni del sindaco di Genova Marco Bucci. / courtesy Primocanale  Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev – agenziavista.it  05 NOV 2020  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO FIUMICINO, ‘186 POSITIVI, 10 IN PIU’ DI IERI’ =  ADN0786 7 CRO 0 ADN CRO NAZ RLA        CORONAVIRUS: SINDACO FIUMICINO, ‘186 POSITIVI, 10 IN PIU’ DI IERI’ =        Roma, 5 nov. (Adnkronos) – ”Secondo il nuovo aggiornamento sul numero  di persone positive nel nostro Comune che quotidianamente mi fornisce   la Asl Rm3, salgono di dieci rispetto a ieri: ben 186 nella giornata   di oggi”. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino Esterino Montino.        ”Come detto già ieri – aggiunge – la situazione è preoccupante e   ognuno di noi, mai come prima, è tenuto a fare la propria parte   rispettando tutte le prescrizioni indicate dagli organi sanitari per   la prevenzione dei contagi: distanziamento, uso delle mascherine,   igienizzazione delle mani, limitazione degli spostamenti non   necessari. In attesa, si spera, che le nuove direttive dell’ultimo   DPCM del Presidente del Consiglio Conte portino risultati in tempi   brevi”.        (Cro-Del/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 13:35  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AskaNews, giovedì 05 novembre 2020 Covid, Ricci (Ali): Di Maio? Ok, da regioni polemiche strumentali  Covid, Ricci (Ali): Di Maio? Ok, da regioni polemiche strumentali Ma dai Comuni massima collaborazione  Roma, 5 nov. (askanews) – “Di Maio ha ragione quando critica alcune regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, per nulla quando attacca anche i comuni. Da parte dei sindaci e degli enti locali c’è stata sempre massima collaborazione, a partire dal presidente dell’Anci Antonio Decaro e dal presidente dell’Upi Michele De Pascale. I comuni hanno dato un contributo fondamentale alla programmazione del governo, con grande responsabilità e disponibilità e continuano ad essere quotidianamente, da mesi, in prima linea nella gestione della pandemia con grande equilibrio tra l’emergenza sanitaria e quella economica. Auspichiamo che anche le regioni, d’ora in poi, facciano altrettanto”. Lo afferma il sindaco Pd di Pesaro e presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo Ricci.  Pol/Gal 20201105T133630Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO PIETRASANTA, ‘ATTENTI AL PERICOLO DELLE FUGHE DALLE ZONE ROSSE’ =  ADN0791 7 CRO 0 ADN CRO RTO        CORONAVIRUS: SINDACO PIETRASANTA, ‘ATTENTI AL PERICOLO DELLE FUGHE DALLE ZONE ROSSE’ =        “In Versilia tante seconde case”        Lucca, 5 nov. – (Adnkronos) – “Il Governo ha sottovalutato, ancora una  volta, il fenomeno delle fughe dalle cosiddette zone rosse. Il nuovo   Dpcm fino a domani non impedisce ad un cittadino delle regioni   classificate ad alto rischio di spostarsi in un’altra regione. Non c’è  nulla di illegale, fino a quando non ci sarà una legge o una   ordinanza, che lo renderà tale. I comuni non possono chiudere le   frontiere. E’ evidente che a Roma anche in questa occasione hanno   sottovalutato una problematica che per aree come la nostra generano   comprensibile preoccupazione nei cittadini”. Così il sindaco di   Pietrasanta (Lucca), Alberto Stefano Giovannetti, sul fenomeno della   fuga verso le seconde case al mare, in particolare in Versilia. A   Pietrasanta ci sono all’incirca 6 mila seconde case su 17 mila   abitazioni complessive.        “Quello che possono notare, e che noi tutti abbiamo notato in questi   mesi, è che ci siano molte seconde case aperte. E’ un fenomeno in   corso dalla fine del lockdown generale – continua Giovannetti – Così   come notiamo che ci sia in atto un boom nelle richieste di compra   vendita di case o di affitti anche con contratti annuali. La   motivazione è ovviamente il Covid. Chi ne ha la possibilità cercherà   di trascorrere nelle seconde case di mare come nel nostro caso,   campagna e montagna, eventuali periodi di limitazione”.        (Zto/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 13:38  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Public Policy, giovedì 05 novembre 2020 DISSESTO, ANCI: SERVE SUPPORTO TECNICO INTERMEDIO PER PICCOLI COMUNI  DISSESTO, ANCI: SERVE SUPPORTO TECNICO INTERMEDIO PER PICCOLI COMUNI  (Public Policy) – Roma, 05 nov – I Comuni piccoli, che magari sono quelli che hanno più disagi, non avranno mai la struttura tecnica in grado di fare questo tipo di azioni. Qui la riflessione da fare è se avere degli enti intermedi, già presenti a livello nazionale, che possano essere pensati come centrali di progettazione, come collaboratori, come enti di supporto dei piccoli Comuni.   Così il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in rappresentanza dellAnci (Associazione nazionale Comuni italiani) durante laudizione nella commissione Ambiente della Camera sulle misure di contrasto al dissesto idrogeologico. (Public Policy)  @PPolicy_News  GIL   051338 nov 2020    – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA MOLISE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Montecilfone, sindaco in isolamento, positiva moglie  ZCZC9446/SXR  OAQ20310016223_SXR_QBKX  R CRO S43 QBKX  Covid: Montecilfone, sindaco in isolamento, positiva moglie  Comune del paese si accede solo su prenotazione     (ANSA) – MONTECILFONE, 05 NOV – Il sindaco di Montecilfone  Giorgio Manes in isolamento in abitazione a seguito della  positivita’ al Covid-19 della moglie. Nel Comune del paese,  invece, si accede solo su appuntamento e per motivi urgenti, una  sola persona alla volta dopo aver misurato la temperatura.  “Mia moglie risulta positiva anche se asintomatica – scrive su  facebook il primo cittadino oggi -. Per tale ragione siamo tutti  in isolamento domiciliare. E’ mio dovere ribadire che, il covid  non e’ una vergogna, nessuno di noi e’ purtroppo immune, puo’  colpire chiunque. Spero di cuore che il cluster del paese non si  allarghi e si chiuda presto senza arrecare danni a nessuno di  noi”.  Il sindaco conclude con l’invito alla comunita’ al:”rispetto  delle regole, no all’allarmismo. Ce la faremo, ora, piu’ che mai,  uniti. Ci aspettano giornate dure ma non dobbiamo cedere”.  (ANSA).       YM8-HNZ  05-NOV-20 13:38 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  La Presse, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm, Ricci (Ali): Di Maio? Ok su regioni ma da comuni massima collaborazione  Dpcm, Ricci (Ali): Di Maio? Ok su regioni ma da comuni massima collaborazione Roma, 5 nov. (LaPresse) – “Di Maio ha ragione quando critica alcune regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, per nulla quando attacca anche i comuni. Da parte dei sindaci e degli enti locali c’è stata sempre massima collaborazione, a partire dal presidente dell’Anci Antonio Decaro e dal presidente dell’Upi Michele De Pascale. I comuni hanno dato un contributo fondamentale alla programmazione del governo, con grande responsabilità e disponibilità e continuano ad essere quotidianamente, da mesi, in prima linea nella gestione della pandemia con grande equilibrio tra l’emergenza sanitaria e quella economica. Auspichiamo che anche le regioni, d’ora in poi, facciano altrettanto”. Lo afferma il sindaco Pd di Pesaro e presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo Ricci. POL NG01 abf 051337 NOV 20 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AskaNews, giovedì 05 novembre 2020 Covid, De Luca: da oggi decisivi comportamenti cittadini  Covid, De Luca: da oggi decisivi comportamenti cittadini Il contagio non scomparirà da solo  Napoli,  5 nov. (askanews) – “Deve essere chiaro che da oggi in poi saranno decisivi i comportamenti dei concittadini. Il contagio non scomparirà da solo”. A dirlo è l presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca.  Per l’ex sindaco di Salerno il rischio di avere “situazioni drammatiche è dietro l’angolo”. “Comportamenti irresponsabili, ancora largamente presenti nei nostri territori, rischiano di pregiudicare tutto e di far saltare due dati per noi decisivi che stiamo difendendo con l’impegno straordinario di tutto il personale sanitario: una presenza contenuta nelle terapie intensive, e un numero contenuto di persone che perdono la vita in relazione alla popolazione residente” conclude il governatore.  Aff 20201105T133907Z – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: sindaco Guardamiglio,come mai Campania non zona rossa?  ZCZC9483/SXB  XCI20310016237_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Dpcm: sindaco Guardamiglio,come mai Campania non zona rossa?  ‘Forse perche’ in piazza nei giorni scorsi con bastoni?’     (ANSA) – GUARDAMIGLIO (LODI), 05 NOV – Dal Lodigiano, dopo il  malcontento espresso unitariamente dai sindaci della Lega, anche  il sindaco di Guardamiglio, comune al confine con  l’Emilia-Romagna, . “E’ certo che, per ora, dobbiamo eseguire  degli ordini dall’alto  dice – ma ci stiamo gia’ organizzando tra  sindaci per incontri da tenersi gia’ dalle prossime ore. In ogni  caso – conclude – io mi chiedo come mai la Campania, con numeri  di contagiati da coronavirus alti, sia stata posta non in zona  rossa ma in zona arancione. Forse perche’, nei giorni scorsi,  abbiamo visto in piazza gente con i bastoni? Spero di no: ci  spieghino. (ANSA).       Y5N-MF  05-NOV-20 13:43 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. RICCI (ALI): DI MAIO? OK SU REGIONI MA DA COMUNI MASSIMA COLLABORAZIONE  DIR1675 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. RICCI (ALI): DI MAIO? OK SU REGIONI MA DA COMUNI MASSIMA COLLABORAZIONE  (DIRE) Roma, 5 nov. – “Di Maio ha ragione quando critica alcune  regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, per nulla quando  attacca anche i comuni. Da parte dei sindaci e degli enti locali  c’e’ stata sempre massima collaborazione, a partire dal  presidente dell’Anci Antonio Decaro e dal presidente dell’Upi  Michele De Pascale. I comuni hanno dato un contributo  fondamentale alla programmazione del governo, con grande  responsabilita’ e disponibilita’ e continuano ad essere  quotidianamente, da mesi, in prima linea nella gestione della  pandemia con grande equilibrio tra l’emergenza sanitaria e quella  economica. Auspichiamo che anche le regioni, d’ora in poi,  facciano altrettanto”. Lo afferma il sindaco Pd di Pesaro e  presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo Ricci.    (Vid/ Dire)  13:44 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 DISSESTO IDROGEOLOGICO. PIZZAROTTI (ANCI): SERVE LEGGE CONSUMO SUOLO ‘SOTTOZERO’  DIR1688 3 AMB  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    DISSESTO IDROGEOLOGICO. PIZZAROTTI (ANCI): SERVE LEGGE CONSUMO SUOLO ‘SOTTOZERO’  NON SOLO STOP NUOVE COSTRUZIONI MA TORNARE INDIETRO SU AREE PROGRAMMATE  (DIRE) Roma, 5 nov. – Per rispondere al dissesto idrogeologico,  che colpisce ampie parti del territorio italiano, “serve una  legge nazionale contro il consumo suolo, che sia non zero ma  sottozero, per togliere aree gia’ programmate per  l’urbanizzazione”. Il Sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, lo  dice rappresentando l’Associazione nazionale comuni italiani  (ANCI) in audizione – in videoconferenza – alla commissione  Ambiente della Camera sulle misure di contrasto al dissesto  idrogeologico, anche alla luce degli effetti causati dai recenti  eventi metereologici nelle regioni settentrionali.     Un consumo “sottozero”, spiega il sindaco di Parma, per  “fermare il passato ma intervenire anche sul futuro”.     Una legge, quella per lo stop al consumo di suolo, “non  dovrebbe partire dalle Regioni ma da un indirizzo forte a livello  nazionale”, auspica Pizzarotti, infatti si devono “togliere le  impermeabilizzazioni”, la copertura del suolo con cemento,  asfalto e costruzioni che impediscono l’assorbimento e lo  scorrimento naturale dell’acqua, “e questo riduce le esondazioni,  le industrie vanno sotto perche’ non hanno fatto casse di  espansione”.    (Ran/Dire)  13:48 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Public Policy, giovedì 05 novembre 2020 DISSESTO, ANCI: SERVE PROGRAMMAZIONE NAZIONALE OPERE CHE PARTA DAI TERRITORI  DISSESTO, ANCI: SERVE PROGRAMMAZIONE NAZIONALE OPERE CHE PARTA DAI TERRITORI  (Public Policy) – Roma, 05 nov – Cè un tema di trasparenza, quindi capire come sono state distribuite le somme erogate in modo anche da capire come, per ogni livello istituzionale, a che punto siamo. Cè un tema di programmazione, quindi fare un piano nazionale di opere in modo che, a partire dai territori, vengano fatte proposte alle Regioni, le quali vadano a sintetizzarle in filoni di intervento per portarle poi al Governo e al Parlamento. Quindi partire dal basso.  Così il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in rappresentanza dellAnci (Associazione nazionale Comuni italiani) durante laudizione nella commissione Ambiente della Camera sulle misure di contrasto al dissesto idrogeologico.  Sul supporto, serve ununità di progettazione a supporto dei Comuni, sfruttando enti già esistenti, noi abbiamo citato la Sogesid, oppure le Province. Sul monitoraggio, occorre avviare una rete di coordinamento per capire lo stato di attuazione del lavori. Occorre superare il concetto della straordinarietà, del commissario, perché noi interveniamo dopo in tanti casi, a valle di una disgrazia. Sulla salvaguardia del suolo servirebbe un impulso nazionale, non solo regionale, anche per togliere aree già programmate per lurbanizzazione. Sulla manutenzione del territorio servono norme chiare per il taglio degli alberi lungo l’alveo dei fiumi.  (Public Policy)  @PPolicy_News  GIL   051351 nov 2020    – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  9COL, giovedì 05 novembre 2020 DPCM, RICCI (PESARO): DA COMUNI SEMPRE MASSIMA COLLABORAZIONE  9CO1119940 4 POL ITA R01  DPCM, RICCI (PESARO): DA COMUNI SEMPRE MASSIMA COLLABORAZIONE  (9Colonne) Roma, 5 nov – “Di Maio ha ragione quando critica alcune regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, per nulla quando attacca anche i comuni. Da parte dei sindaci e degli enti locali c’è stata sempre massima collaborazione, a partire dal presidente dell’Anci Antonio Decaro e dal presidente dell’Upi Michele De Pascale. I comuni hanno dato un contributo fondamentale alla programmazione del governo, con grande responsabilità e disponibilità e continuano ad essere quotidianamente, da mesi, in prima linea nella gestione della pandemia con grande equilibrio tra l’emergenza sanitaria e quella economica. Auspichiamo che anche le regioni, d’ora in poi, facciano altrettanto”. Lo afferma il sindaco Pd di Pesaro e presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo Ricci. (red)   051410 NOV 20  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Nardella eletto presidente Eurocities  ZCZC9750/SXA  XCI20310016335_SXA_QBXB  R POL S0A QBXB  Nardella eletto presidente Eurocities  Guidera’ per 2 anni network di oltre 100 citta’ europee     (ANSA) – BRUXELLES, 05 NOV – Il sindaco di Firenze, Dario  Nardella, rappresentera’ le principali citta’ europee nei prossimi  due anni in qualita’ di nuovo presidente di Eurocities. Eletto  dai delegati di oltre 100 citta’ europee, Nardella prende il  posto dell’omologo di Stoccolma, Anna Koenig Jerlmyr, ed e’  affiancato dal sindaco di Lipsia, Burkhard Jung, che diventera’  il vicepresidente della rete.          Nei prossimi due anni, Nardella intende guidare  Eurocities verso l’implementazione del Green deal e una maggiore  coesione culturale e sociale. “Non ci puo’ essere futuro per  l’Europa senza comunita’ locali e governi locali”, ha commentato  il sindaco, ricordando che “la pandemia di COVID-19 ha colpito  piu’ duramente” proprio i centri urbani, molti cittadini  affrontano difficolta’ lavorativi o la disoccupazione e i  “servizi sanitari e sociali sono stati tirati ben oltre i  limiti”.  L’invito e’ quindi all’Ue per dare accesso diretto ai  finanziamenti e una maggiore voce in capitolo nella  progettazione delle politiche comunitarie. “L’attuale crisi puo’  essere un’opportunita’ per aprire la strada a una ripresa  sostenibile ed equa” se le citta’ avranno “un posto al tavolo  decisionale”, ha precisato. (ANSA).       RED-TI  05-NOV-20 14:10 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 Covid: Ricci, Di Maio? Ok su regioni ma da comuni collaborazione =  AGI0544 3 POL 0 R01 /  Covid: Ricci, Di Maio? Ok su regioni ma da comuni collaborazione =  (AGI) – Roma, 5 nov. – “Di Maio ha ragione quando critica alcune  regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, meno quando  attacca anche i comuni. A parte qualche caso isolato, da parte  dei sindaci e degli enti locali c’e’ stata sempre massima  collaborazione, a partire dal presidente Anci Antonio Decaro e  dal presidente Upi Michele De Pascale. I comuni hanno dato un  contributo fondamentale alla programmazione del governo, con  grande responsabilita’ e disponibilita'”. Lo afferma il sindaco  Pd di Pesaro e presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo  Ricci.(AGI)Alf  051413 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: ORLANDO “SICILIA A RISCHIO, REGIONE RENDA PUBBLICI DATI”  ZCZC IPN 366  POL –/T   CORONAVIRUS: ORLANDO “SICILIA A RISCHIO, REGIONE RENDA PUBBLICI DATI”  PALERMO (ITALPRESS) – “La dichiarazione della Sicilia come zona  arancione desta preoccupazione perche’ indica una situazione di  grave rischio sanitario. Un rischio, per essere chiari, che si  traduce nella possibilita’ che ci siano decine se non centinaia di  morti legati al covid. Se questo rischio e’ reale in base ai  parametri che la regione ha trasmesso al governo Nazionale, vuol  dire che la situazione e’ stata sottovalutata per mesi: un fatto  gravissimo di cui chi ne ha responsabilita’ deve assumersi la  responsabilita’ e trarne le dovute conseguenze. Se invece il  rischio non e’ cosi’ grave da determinare la dichiarazione di zona  arancione da parte del governo Nazionale, allora e’ quest’ultimo  che deve rispondere del proprio operato, anche qui traendone le  dovute conclusioni”. Lo afferma in una nota il sindaco di Palermo,  Leoluca Orlando.  “A questo punto – aggiunge Orlando – e’ indispensabile fare  chiarezza soprattutto per rispetto verso coloro che avranno  conseguenze negative dovute alle drastiche misure di prevenzione  attivate: il Governo regionale renda pubblici tutti i dati  epidemiologici e di programmazione sanitaria che ha trasmesso al  governo nazionale”.  (ITALPRESS) – (SEGUE).  fsc/com  05-Nov-20 14:13  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Italpress, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: ORLANDO “SICILIA A RISCHIO, REGIONE RENDA PUBBLICI DATI”-2-  ZCZC IPN 367  POL –/T   CORONAVIRUS: ORLANDO “SICILIA A RISCHIO, REGIONE RENDA PUBBLICI DATI”-2-  “Ed entrambi i governi nazionale e regionale attivino subito e con  procedure di Protezione Civile, strumenti di compensazione e  ristoro per le attivita’ economiche, culturali e sociali che si  preparano ad un altro mese di chiusura”, conclude Orlando.  (ITALPRESS).  Lo dichiara il sindaco, Leoluca Orlando.  fsc/com  05-Nov-20 14:13  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO CAROLEI, ‘IN CALABRIA LOCKDOWN POLITICO, NON RISPETTERO’ DPCM’ =  ADN0902 7 POL 0 ADN POL RCL        CORONAVIRUS: SINDACO CAROLEI, ‘IN CALABRIA LOCKDOWN POLITICO, NON RISPETTERO’ DPCM’ =        Cosenza, 5 nov. – (Adnkronos) – “Non rispetterò le regole previste dal  nuovo Dpcm, questo è un lockdown politico”. A dichiararlo è Francesco   Iannucci, sindaco di Carolei (Cs). In un post su Facebook, infatti, il  Primo cittadino scrive: “Questo è un lockdown politico. Non è giusto   considerare la Calabria ‘zona rossa’ se si considera che il contagio è  sostanzialmente contenuto. Non è giusto far pagare ai calabresi onesti  gli errori commessi da Amministratori, Commissari, Dirigenti e   funzionari impreparati e disonesti, incapaci di fronteggiare la   seconda ondata della pandemia nonostante tutti sapevano, sin da   maggio, che ci saremmo ritrovati con una nuova impennata dei contagi”.        Poi il sindaco aggiunge: “Che fine hanno fatto i finanziamenti   destinati a creare nuovi posti di terapia intensiva, ad assumere   personale sanitario (medici, infermieri ecc)? I suddetti finanziamenti  sono mai arrivati in Calabria?”. Il sindaco, infine, conclude: “Non   accetto questa ‘punizione’ immeritata, intendo essere complice della   distruzione dell’economia Calabrese, non intendo essere   corresponsabile dell impoverimento dei calabresi. Per questo motivo   non rispetterò le regole, eccessivamente restrittive, previste dal   nuovo Dpcm. Questo non vuol dire istigare alla disobbedienza sociale,   ma vuol dire prevenire il collasso della nostra, già povera, economia   con conseguenti ed inevitabili disordini”.        (Lro/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 14:19  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: NUORO, EMERGENZA PER CASA RIPOSO IN CRISI PER CONTAGI OPERATORI =  ADN0941 7 CRO 0 ADN CRO RSA        CORONAVIRUS: NUORO, EMERGENZA PER CASA RIPOSO IN CRISI PER CONTAGI OPERATORI =        Cagliari, 5 nov. (Adnkronos) – Si aggrava la situazione nella casa di   riposo di Nuoro, in viale Trieste, dove ci sono 27 positivi tra ospiti  e operatori e c’è stato un decesso, e il sindaco Andrea Soddu questa   mattina ha dichiarato per la struttura lo stato di emergenza   sanitaria. Nella casa di riposo, è stato comunicato nella riunione di   questa mattina del Centro operativo Comunale, il numero di casi di   positività al virus è in crescendo, tanto da richiedere la   classificazione di Fase 4, di “pericolosità estrema per aumentata e   prolungata trasmissione nella popolazione in generale”. Soddu ne ha   dato comunicazione alla Regione, all’Ats, alla Prefettura. La   situazione del nuorese è drammatica anche al San Francesco, dove si   registrano numerosi contagi tra gli operatori sanitari.        (Zoc/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 14:32  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm: Ali, Di Maio? dai comuni massima collaborazione  ZCZC9966/SXB  XCI20310016409_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Dpcm: Ali, Di Maio? dai comuni massima collaborazione  Ricci, ‘ministro ha ragione quando critica alcune regioni’     (ANSA) – ROMA, 05 NOV – “Di Maio ha ragione quando critica  alcune regioni per le polemiche strumentali sul Dpcm, per nulla  quando attacca anche i comuni. Da parte dei sindaci e degli enti  locali c’e’ stata sempre massima collaborazione, a partire dal  presidente dell’Anci Antonio Decaro e dal presidente dell’Upi  Michele De Pascale. I comuni hanno dato un contributo  fondamentale alla programmazione del governo, con grande  responsabilita’ e disponibilita’ e continuano ad essere  quotidianamente, da mesi, in prima linea nella gestione della  pandemia con grande equilibrio tra l’emergenza sanitaria e  quella economica. Auspichiamo che anche le regioni, d’ora in  poi, facciano altrettanto”. Lo afferma il sindaco Pd di Pesaro e  presidente Ali (Autonomie Locali Italiane) Matteo Ricci. (ANSA).       VN  05-NOV-20 14:33 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  z ANSA TOSCANA, giovedì 05 novembre 2020 Covid: ospedale Cortona avra’ 15 letti per cure intermedie  ZCZC9974/SXR  OFI20310016412_SXR_QBXX  R CRO S57 QBXX  Covid: ospedale Cortona avra’ 15 letti per cure intermedie     (ANSA) – CORTONA (AREZZO), 05 NOV – Accordo raggiunto per  l’ospedale della Fratta di Cortona (Arezzo) dove saranno messi a  disposizione 15 posti letto per malati di Covid in apposita area  per le cure intermedie. Quindi, l’ipotesi di mettere a  disposizione l’intera struttura ospedaliera della Fratta per  l’assistenza ai pazienti affetti da Covid 19 non si concretizza.  L’eventualita’ aveva spaventato la popolazione locale poiche’ si  sarebbero tolte tutte le assistenze alle altre patologie e cure  trattate nell’ospedale. Di fronte a questa ipotesi il sindaco di  Cortona (Arezzo) Luciano Meoni, il quale e’ anche presidente  della conferenza dei sindaci della Valdichiana aretina, ha  subito messo al corrente gli altri colleghi sindaci che fanno  parte della medesima conferenza. L’obiettivo comune, in una fase  nella quale l’indice dei contagi si e’ accresciuto, e’ stato  quello di garantire la disponibilita’ Covid solo parziale  dell’intero complesso sanitario. Dopo una trattativa proseguita  per molte ore, e conclusa solo nella serata, e’ stato possibile  raggiungere un accordo con Asl e Regione.     L’intesa prevede la destinazione di una parte del secondo  piano dell’ospedale Santa Margherita della Fratta, totalmente  isolato dal resto della struttura, e con ingressi separati, alle  cure intermedie Covid, con 15 posti letto a disposizione. Nel  reparto sara’ operativa anche l’unita’ Usca. “Cosi’ facendo –  commenta Meoni – abbiamo ottenuto un giusto risultato che ha  permesso alla sanita’ locale di essere ancora una volta  all’altezza del territorio”. La proposta ha avuto l’appoggio del  vicepresidente del consiglio regionale, Marco Casucci della  Lega. (ANSA).       YWS-GUN  05-NOV-20 14:34 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  AGI, giovedì 05 novembre 2020 = Covid: sindaco Casalpusterlengo, pronto a impugnare Dpcm =  AGI0579 3 CRO 0 R01 /  = Covid: sindaco Casalpusterlengo, pronto a impugnare Dpcm =  (AGI) – Milano, 5 nov. – Il sindaco di Casalpusterlengo, Elia  Del Miglio, ha espresso l’intenzione di impugnare l’ordinanza  del Ministro Roberto Speranza in un passaggio di un’intervista  alla trasmissione ‘Cosa succede in citta” in onda su ‘Radio  Campus’. “Siamo molto arrabbiati, la situazione epidemiologica  nel nostro territorio e’ sotto controllo, il governo doveva fare  dei provvedimenti che tenessero conto della situazione dei  singoli territori all’interno della regione – queste le sue  parole -. Preoccupati per il tessuto economico, perche’  tantissime realta’ piccole e commerciali che hanno fatto sforzi  immani per adeguarsi alle normative vigenti si sono viste chiuse  improvvisamente e tante hanno paura di non poter piu’ riaprire.  Alcune attivita’ sono gia’ fallite. Sono pronto ad impugnare il  dpcm”. (AGI)Mad  051437 NOV 20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. SINDACO DI PALERMO: RENDERE PUBBLICI I DATI SUL CONTAGIO  DIR1909 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. SINDACO DI PALERMO: RENDERE PUBBLICI I DATI SUL CONTAGIO  “CHI HA SBAGLIATO TRA GOVERNI DI PALERMO E ROMA NE TRAGGA CONSEGUENZE”  (DIRE) Palermo, 5 nov. – “La dichiarazione della Sicilia come  zona arancione desta preoccupazione perche’ indica una situazione  di grave rischio sanitario. Un rischio, per essere chiari, che si  traduce nella possibilita’ che ci siano decine se non centinaia  di morti legati al Covid. Se questo rischio e’ reale in base ai  parametri che la regione ha trasmesso al governo nazionale, vuol  dire che la situazione e’ stata sottovalutata per mesi: un fatto  gravissimo di cui chi ne ha responsabilita’ deve assumersi la  responsabilita’ e trarne le dovute conseguenze. Se invece il  rischio non e’ cosi’ grave da determinare la dichiarazione di  zona arancione da parte del governo nazionale, allora e’  quest’ultimo che deve rispondere del proprio operato, anche qui  traendone le dovute conclusioni”. Lo dice in una nota il sindaco  di Palermo, Leoluca Orlando.      “A questo punto e’ indispensabile fare chiarezza – aggiunge  Orlando – soprattutto per rispetto verso coloro che avranno  conseguenze negative dovute alle drastiche misure di prevenzione  attivate: il governo regionale renda pubblici tutti i dati  epidemiologici e di programmazione sanitaria che ha trasmesso al  governo nazionale. Ed entrambi i governi nazionale e regionale  attivino subito e con procedure di Protezione civile, strumenti  di compensazione e ristoro per le attivita’ economiche, culturali  e sociali che si preparano ad un altro mese di chiusura”.    (Com/Sac/Dire)  14:40 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: sindaco Pietrasanta,fuga da zone rosse a seconde case  ZCZC0191/SXB  XCI20310016453_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: sindaco Pietrasanta,fuga da zone rosse a seconde case  Giovannetti, ‘Molte aperte. Gia’ successo e Governo sottovaluta’     (ANSA) – PIETRASANTA (LUCCA), 05 NOV – “Il Governo ha  sottovalutato, ancora una volta, il fenomeno delle fughe dalle  cosiddette zone rosse. Il nuovo Dpcm fino a domani non impedisce  ad un cittadino delle regioni classificate ad alto rischio di  spostarsi in un’altra regione. Non c’e’ nulla di illegale, fino a  quando non ci sara’ una legge o una ordinanza, che lo rendera’  tale. I comuni non possono chiudere le frontiere. E’ evidente  che a Roma anche in questa occasione hanno sottovalutato una  problematica che per aree come la nostra generano comprensibile  preoccupazione nei cittadini”. Lo afferma in un comunicato il  sindaco di Pietrasanta (Lucca), Alberto Stefano Giovannetti, sul  fenomeno della fuga verso le seconde case al mare. In Versilia,  solo a Pietrasanta ci sono  circa 6.000 seconde case su 17 mila  abitazioni complessive. “Quello che possono notare, e che noi  tutti abbiamo notato in questi mesi, e’ che ci siano molte  seconde case aperte. E’ un fenomeno in corso dalla fine del  lockdown generale. Cosi’ come notiamo che ci sia in atto un boom  nelle richieste di compravendita di case o di affitti anche con  contratti annuali. La motivazione e’ ovviamente il Covid. Chi ne  ha la possibilita’ cerchera’ di trascorrere nelle seconde case di  mare come nel nostro caso, campagna e montagna, eventuali  periodi di limitazione”. (ANSA).       COM-GUN  05-NOV-20 14:46 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Dpcm; sindaco Pesaro, Sgarbi benvenuto, ma non a cena  ZCZC0251/SXB  XCI20310016471_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Dpcm; sindaco Pesaro, Sgarbi benvenuto, ma non a cena  Critico d’arte vuole andare dal ristoratore cena-provocazione     (ANSA) – ANCONA, 05 NOV – “Caro Vittorio Sgarbi, siamo sempre  contenti quando vieni a Pesaro, ma tutti i ristoranti la sera  rispetteranno le regole e per questo li troverai chiusi. A  Pesaro le leggi si rispettano sempre, e ci pensano le Forze  dell’Ordine a garantirlo. Non si scherza sulla pandemia e sulla  salute delle persone”.  Il sindaco Matteo Ricci risponde cosi’ su  facebook al critico d’arte che, durante la trasmissione Mediaset  ‘Fuori dal coro’, ha annunciato l’intenzione di andare a cena  domani nel locale di Umberto Carriera, il ristoratore pesarese  che aveva organizzato una cena-provocazione con 90 commensali la  sera dell’entrata in vigore del Dpcm che stabiliva l’orario di  chiusura alle 18 per bar e ristoranti. Per il locake  poi  scattata la chiusura per 15 giorni decisa dal questore. “Anzi,  se vai a San Marino (dove si puo’ cenare, ndr) – aggiunge il  sindaco – digli che smettano anche loro con le buffonate.  Abbiamo grande rispetto per la gloriosa Repubblica sammarinese  ma non esiste che abbiano regole diverse da quelle dell’Emilia  Romagna e delle Marche”. “Inoltre non so cosa voglia dire  ‘l’aria di Pesaro e’ piu’ pericolosa’, di certo da noi vogliamo  legalita’, prudenza e equilibrio tra emergenza sanitaria e  economica” conclude. (ANSA).       ME  05-NOV-20 14:50 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid: 28 positivi su 31 in casa riposo Santa Maria Nuova  ZCZC0336/SXB  XCI20310016495_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid: 28 positivi su 31 in casa riposo Santa Maria Nuova  Ancona. Sindaco Cesarini, condizioni stabili e non preoccupanti     (ANSA) – SANTA MARIA NUOVA, 05 NOV – Nella casa di riposo di  Santa Maria Nuova (Ancona) sono 28 gli anziani positivi al  coronavirus, su un totale di 31 ospiti. Alcuni sono  asintomatici, altri con sintomi, ma le loro condizioni – fa  sapere all’ANSA il sindaco Alfredo Cesarini – “non destano al  momento particolari preoccupazioni, e nessuno degli ospiti della  residenza protetta si e’ aggravato”. Tutti sono dunque in  isolamento in un reparto Covid allestito all’interno della  struttura, e sono curati da medici e infermieri inviati  dall’Usca, Unita’ Speciali per la Continuita’ Assistenziale. In  isolamento anche i tre anziani negativi, in stanze dedicate.  Anche tra il personale della casa di riposo – gestita dalla  Polis Cooperativa Sociale di Perugia – si sono registrati casi  di positivita’ al virus. (ANSA).       YXM-ME  05-NOV-20 14:56 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. TRAPANI, IL COMUNE DI PACECO CHIEDE MILLE TAMPONI ALL’ASP  DIR2051 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. TRAPANI, IL COMUNE DI PACECO CHIEDE MILLE TAMPONI ALL’ASP  “VOGLIAMO AVVIARE UNO SCREENING TRA LA POPOLAZIONE”  (DIRE) Palermo, 5 nov. – La fornitura di un migliaio di tamponi  rapidi “da utilizzare per l’accertamento di quanti piu’ positivi  possibili, procedere al loro isolamento e combattere il  diffondersi del Covid-19” e’ stata chiesta dal sindaco di Paceco,  Giuseppe Scarcella, in una lettera inviata all’Asp di Trapani nei  giorni scorsi.      L’obiettivo e’ quello di procedere a uno screening della  popolazione “al fine di accertare l’eventuale positivita’ al  virus”. Nella nota, inoltre, Scarcella precisa che i test saranno  effettuati da medici e paramedici che hanno gia’ dichiarato la  propria disponibilita’, “con l’intento di non gravare sulla  struttura sanitaria”.    (Com/Sac/Dire)  15:03 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ADN Kronos, giovedì 05 novembre 2020 CORONAVIRUS: SINDACO SALERNO CHIUDE LUNGOMARE E VILLA COMUNALE NEL WEEKEND =  ADN1023 7 CRO 0 ADN CRO RCA        CORONAVIRUS: SINDACO SALERNO CHIUDE LUNGOMARE E VILLA COMUNALE NEL WEEKEND =        Napoli, 5 nov. (Adnkronos) – Il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli,   ha disposto per ogni sabato e domenica a partire dal 7 novembre e fino  al 3 dicembre la chiusura del lungomare cittadino, con annessa   spiaggia di Santa Teresa, e della Villa Comunale. Napoli è il primo   sindaco campano a disporre la chiusura del lungomare accogliendo   l’invito in tal senso rivolto ai primi cittadini dal presidente della   Regione Campania Vincenzo De Luca. Il sindaco di Salerno Vincenzo   Napoli fa sapere di aver chiesto al prefetto la convocazione di un   tavolo per l’ordine e la sicurezza, che si svolgerà oggi alle ore   17.30 da remoto, “per discutere e concordare le azioni da mettere in   campo per garantire il rispetto di quanto previsto per il contenimento  della pandemia, ovvero l’uso della mascherina, il distanziamento e la   sicurezza nelle zone perimetrate e chiuse quali la villa Comunale e il  lungomare nonché per il controllo e il rispetto del divieto di   circolazione se non per motivi di salute, lavoro e comprovata   necessità dopo le ore 22”        (Zca/Adnkronos)  ISSN 2465 – 1222  05-NOV-20 15:06  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  Dire Nazionale, giovedì 05 novembre 2020 COVID. SINDACO CROTONE: ZONA ROSSA NON CI AIUTA A RISALIRE LA CHINA  DIR2069 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT    COVID. SINDACO CROTONE: ZONA ROSSA NON CI AIUTA A RISALIRE LA CHINA  VOCE: “NECESSARIO INTERVENTO STRAORDINARIO DA REGIONE E GOVERNO”  (DIRE) Reggio Calabria, 5 nov. – “Il governo sicuramente con  questo provvedimento non aiuta a risalire la china ma non si  possono negare le responsabilita’ di chi la Calabria, in questi  anni, l’ha amministrata e condotta a questo stato”. Cosi’ il  sindaco di Crotone Vincenzo Voce sull’istituzione della zona  rossa per la Calabria da parte del governo.     “Con particolare attenzione – aggiunge – faccio mie le  preoccupazioni che arrivano dalla gente comune, dai cittadini,  dagli imprenditori, dai commercianti ma anche dalle fasce piu’  deboli della popolazione. Queste settimane saranno difficili e  durissime ed accentueranno ancor di piu’ le difficolta’ di un  territorio gia’ provato dal punto di vista economico”.     “Naturalmente non staremo fermi ad aspettare – afferma il  primo cittadino – mettendo in campo tutte le misure che come Ente  possiamo prevedere. È necessario tuttavia un intervento  straordinario, immediato, di sostegno economico da parte del  governo e anche da parte della Regione per Crotone”.     “Ai miei concittadini dico – conclude Voce – che non saranno  lasciati soli e tuttavia chiedo unita’ e condivisione in questa  ulteriore difficile fase. Il rispetto delle misure di prevenzione  e’ fondamentale”.    (Com/Mav/Dire)  15:10 05-11-20  NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –  ANSA NAZIONALE, giovedì 05 novembre 2020 Covid:8 morti cluster Rsa Calenzano,sindaco scrive a Regione  ZCZC0617/SXB  XCI20310016588_SXB_QBXB  R CRO S0B QBXB  Covid:8 morti cluster Rsa Calenzano,sindaco scrive a Regione  ‘Chiarire gestione sanitaria’. Comune chiese azioni tempestive     (ANSA) – FIRENZE, 05 NOV – Si aggrava il bilancio del  focolaio Covid alla Rsa Villa Magli di Calenzano (Firenze).  Secondo il Comune ci sono 8 morti, mentre complessivamente erano  finora risultati positivi 29 ospiti su 45 anziani assistiti  nella struttura. A fronte dei nuovi dati, il sindaco di  Calenzano Riccardo Prestini ha scritto una lettera al presidente  della Regione Toscana Eugenio Giani e all’assessore alla Sanita’  Simone Bezzini “per chiedere chiarimenti in merito alla gestione  sanitaria dei casi di Covid-19 nelle Rsa”. Secondo il Comune,  dopo il primo caso di positivita’ emerso nella Rsa a meta’  ottobre, il tracciamento di tutti gli ospiti e degli operatori  fu eseguito “solo dopo formali e ripetute richieste anche da  parte del Comune. Sempre in base a quanto precisato nella nota,  due settimane fa, preoccupato per l’evoluzione del contagio che  ha portato ai primi decessi, “il sindaco Prestini ha chiesto  formalmente al gestore e all’autorita’ sanitaria azioni piu’  tempestive, coordinate, al fine di garantire adeguati livelli  assistenziali agli ospiti della Rsa, attraverso un tracciamento  stretto, un piu’ efficace isolamento e quindi un arresto del  contagio all’interno della struttura. Nella lettera inviata al  presidente della Regione Prestini chiede “che venga avviata al  piu’ presto una riflessione sul sistema sanitario regionale, sul  livello di assistenza all’interno delle residenze sanitarie  assistite, con particolare riguardo per quelle pubbliche, come  la Rsa Villa Magli, sulle quali i sindaci hanno una  responsabilita’ diretta”. (ANSA).       YDA-GUN  05-NOV-20 15:21 NNNN – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

ARRIVA L’EDUCAZIONE AMBIENTALE, Green&Blue

BALDUZZI E FIASCO, GIOCO D’AZZARDO, CAMBIA, Avvenire

FERRONI, GIANFRANCO, Cultura 1 milardo in meno di investimenti degli EE.LL. in 20 anni, Italia Oggi

IL NUOVO DPCM SPIEGATO, Domani

LOTTA AL RICICLAGGIO, UN’AUTORITY EUROPEA, Il Sole 24 Ore

MAGGINO, FILOMENA, Come spenderemo i soldi dell’Europa, Famiglia Cristiana

NUOVE REGOLE, DOMANDE E RISPOSTE, Repubblica

OSPEDALI SOTTO PRESSIONE, Avvenire

PARTECIPATE, CDA E SINDACI PROROGATI, Il Sole 24 Ore

REGIONI, UNO SPETTACOLO INDECOROSO, Repubblica

RICCI, Il Dubbio

RUINI, LUCA, CONAI, Emergenza impianti riciclo, Italia Oggi

ZONA ROSSA PER QUATTRO REGIONI, Repubblica

Precedente

REGISTRO UNICO NAZIONALE DEL TERZO SETTORE (RUNTS). IL DECRETO MINISTERIALE IN GAZZETTA UFFICIALE

Successivo

COVID-19: NIENTE IMU PER LOCALI, PALESTRE E IMPIANTI SPORTIVI