DIFFERENZIAZIONE DEI PREMI INDIVIDUALI: IL CHIARIMENTO DELL’ARAN

Con orientamento applicativo CFL126, l’Aran affronta il tema della differenziazione dei premi individuali (art. 69 del CCNL del 21 maggio 2018).

Dopo aver ricordato le regole di ‘ingaggio’ della differenziazione in parola, per agevolare la corretta applicazione della disciplina contrattuale collettiva in esame, viene suggerito il seguente percorso:

  • a) determinare preventivamente, nell’ambito delle risorse destinate a tale finalità, l’ammontare medio pro-capite del premio collegato alla performance individuale da riconoscere al personale valutato positivamente;
  • b) successivamente, in sede di contrattazione integrativa, definire il valore della maggiorazione del premio individuale, da riconoscere ai dipendenti che abbiano conseguito le valutazioni più elevate, in misura comunque non inferiore al 30% del valore medio dei premi come determinati alla lett. a)
  • c) determinare, sempre in sede di contrattazione integrativa, una limitata quota massima di personale valutato cui dovrà essere riconosciuta la maggiorazione di premio individuale, nell’importo di cui alla lett. b);
  • d) dalle complessive risorse destinate ai premi individuali, di cui alla lett. a), prelevare quelle destinate alla corresponsione della maggiorazione, calcolandole sulla base del valore della stessa, ai sensi della lett. b), e della limitata quota di personale di cui alla lett. c).

da aran.it

ARAN, orientamento applicativo, cfl126

Precedente

LA MOBILITÀ DI PERSONALE NON È PIÙ NEUTRA. PRONUNCIAMENTO DELLA CORTE DEI CONTI

Successivo

NEXT GENERATION ITALIA. PA DIGITALE E IMPRESE 4.0: SUL PIATTO OLTRE 50 MILIARDI PER LA SVOLTA