APPLICAZIONE DELLA MAGGIORAZIONE DEL PREMIO INDIVIDUALE: LE INDICAZIONI OPERATIVE DELL’ARAN

L’art. 69 del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro relativo al comparto funzioni locali sottoscritto il 21.5.2018, come noto, in materia di differenziazione del premio individuale, ai commi 1 e 2, stabilisce che: “1. Ai dipendenti che conseguano le valutazioni più elevate, secondo quanto previsto dal sistema di valutazione dell’ente, è attribuita una maggiorazione del premio individuale di cui all’art. 68, comma 2, lett. b), che si aggiunge alla quota di detto premio attribuita al personale valutato positivamente sulla base dei criteri selettivi. 2. La misura di detta maggiorazione, definita in sede di contrattazione integrativa, non potrà comunque essere inferiore al 30% del valore medio pro-capite dei premi attribuiti al personale valutato positivamente ai sensi del comma 1” ed al comma 3 che “La contrattazione integrativa definisce altresì, preventivamente, una limitata quota massima di personale valutato, a cui tale maggiorazione può essere attribuita”.

Con l’orientamento applicativo CFL 126, che pubblichiamo, l’ARAN fornisce alcune indicazioni per la corretta applicazione dell’istituto sopracitato.

In particolare, individua il seguente percorso operativo:

  1. a) determinare preventivamente, nell’ambito delle risorse destinate a tale finalità, l’ammontare medio pro-capite del premio collegato alla performance individuale da riconoscere al personale valutato positivamente;
  2. b) successivamente, in sede di contrattazione integrativa, definire il valore della maggiorazione del premio individuale, da riconoscere ai dipendenti che abbiano conseguito le valutazioni più elevate, in misura comunque non inferiore al 30% del valore medio dei premi come determinati alla lett. a);
  3. c) determinare, sempre in sede di contrattazione integrativa, una limitata quota massima di personale valutato cui dovrà essere riconosciuta la maggiorazione di premio individuale, nell’importo di cui alla lett. b);
  4. d) dalle complessive risorse destinate ai premi individuali, di cui alla lett. a), prelevare quelle destinate alla corresponsione della maggiorazione, calcolandole sulla base del valore della stessa, ai sensi della lett. b), e della limitata quota di personale di cui alla lett. c).

Con il medesimo orientamento, l’ARAN chiarisce che la disciplina contrattuale collettiva nazionale in parola non ha dato alla contrattazione integrativa alcuna delega negoziale per l’individuazione di una soglia valutativa cui collegare il riconoscimento della maggiorazione del premio individuale atteso che un simile meccanismo potrebbe oggettivamente prestarsi ad una applicazione elusiva della disciplina stessa.

da moltocomuni.it

ARAN, CFL 126

Precedente

IL RENDICONTO ELETTORALE DEVE ESSERE TRASMESSO ALLA PREFETTURA COMPETENTE. COMUNICATO DEL VIMINALE

Successivo

I GIOVANI ITALIANI LAVORERANNO SEMPRE DI PIÙ PER GUADAGNARE ANCORA POCO. REALTÀ E TENDENZE NEI DATI EUROSTAT