Corte di Cassazione. Risarcimento per la violazione della privacy solo se il danno è concreto

Con l’Ordinanza n. 207/2019, la Corte di cassazione, sezione I civile detta principi sul risarcimento del danno da violazione della privacy che sono rilevanti anche per il trattamento dei dati operato dalle Pubbliche amministrazioni. Il caso Il ricorrente, iscritto in centrale rischi e impossibilitato a ottenere dei finanziamenti, si era visto riconoscere dal Tribunale solamente il danno non patrimoniale.

Ordinanza_n_207_2019__Corte_di_cassazione_sezione_I_civile

Precedente

Enti locali: Ricci, sostenere pdl su dignità amministratori

Successivo

Task force sul piano banda ultra larga: Legautonomie presente